Un cinico traballante all’Eliseo

di Gaetano Pedullà

Inutile perdere troppo tempo sulle parole rivolte dal presidente francese Macron all’Italia per la vicenda della nave Aquarius. Come vedete accanto lo chiamiamo Micron, e abbiamo detto tutto. Quello che ci interessa di più è capire come sia possibile che l’enfant prodige della nuova politica trasversale ai tradizionali partiti di destra e sinistra sia arrivato a tanto, ben sapendo il putiferio che ne sarebbe nato. Il giovane leader molto amato da Renzi, a tal punto che l’ex premier aveva accarezzato l’idea di traslocare dal Pd verso un contenitore simile a quello di En marche, non è uno sprovveduto, privo peraltro di memoria su cosa ha fatto la Francia a Ventimiglia, bloccando donne incinte e arrivando a sconfinare con gendarmi armati in territorio italiano per intimidire gli immigrati inchiodati alla frontiera. Se un capo di Governo la spara così grossa sta cercando solo l’incidente diplomatico, per alzare una tensione dalla quale evidentemente pensa di trarre vantaggio. Macron è in crisi di popolarità, e molto più cinicamente di quanto può aver fatto il nostro Governo sulla Aquarius sta allargando il solco tra Roma e Berlino, inevitabilmente destinato a crescere quando si tornerà a parlare di conti pubblici. L’asse franco-tedesco sa bene che il Governo Conte andrà a rinegoziare vincoli e trattati, e ci sta cominciando a mettere nelle condizioni peggiori per farlo. Un orizzonte piccolo piccolo per un leader in sedicesimi, che cucinando in salsa francese l’American First di Trump guarda più alla sua traballante cadrega che a un’Europa più unita e solidale.

Commenti

  1. honhil

    Il cinismo è sempre a buon mercato. Ma se basta poco, per l’inquilino dell’Eliseo, fargli un ritratto. Tanto che se vuole andare in giro, senza sentire le risatine di scherno dietro le spalle ad ogni passo che fa, deve assumere più di un sosia. Cosa peraltro facilissima: di Micron ne troverà quanto ne vuole. Altra cosa è il tam-tam che hanno attivato i radical-chic nelle principali città dello Stivale. Con Napoli che è la regina di questo carnevale. Dal Web. «Napoli, migranti e antirazzisti in corteo contro Lega-M5s: “Non si gioca con la vita delle persone. Aprite i porti”». Napoli è una città invivibile, in tutti i sensi. Con vastissime aree del suo territorio urbano, vere e proprie enclave dalla malavita, sotto l’egida della ‘ndrangheta, fino al punto che anche le forze dell’ordine se ne devono stare alla larga. Eppure. Eppure i napoletani di ogni ordine e grado e colorazione politica un sussulto di onestà mai l’hanno avuto. O meglio. Mai l’hanno esternato. Lì i cortei del resto si fanno sempre contro le istituzioni e i tutori dell’ordine pubblico. A difesa di ogni tipo di abusivismo. La vita a Napoli e provincia, con ‘i suoi 162 omicidi (40 dei quali certificati di stampo camorristico) commessi o tentati nel 2016’ (tanto che l’Istat proclama, per quell’anno, Napoli capitale degli omicidi), è stata sempre precaria. Tuttavia mai, a Napoli, è stata organizzata una manifestazione contro quella carneficina. Come chiamare quel silenzio assordante, se non complicità? Cosa pensare di quella coperta scarlatta, né poteva avere altro colore per via di quel tanto sangue versato, che tutto ha sempre coperto e mai censurato? Invece, di botto, Napoli si scopre diversa e sottoscrive che “Non si gioca con la vita delle persone. Aprite i porti”. Una sola domanda: questa gente, prima dov’era? Insomma, ha ingoiato morti in quantità industriale ed ha sorvolato sui mille e uno reati che a Napoli giornalmente si commettono, ed invece adesso protesta. Ma chi c’è dietro a questo miracolo ‽

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’ipocrisia della libera stampa

Non lo facciamo spesso, ma il trambusto di questi giorni su una certa faziosità dei giornalisti ci obbliga a parlare anche di noi, perché La Notizia è uno dei non molti quotidiani nazionali nati in questi anni di grande crisi della stampa e soprattutto di proprietà di un editore puro. I padroni delle pagine che…

Continua

Se si torna al rigore perdiamo noi

Una bugia detta anche mille volte non diventa una verità, ma raccontandoci ogni giorno che la Manovra del Governo non funziona, il Pil cala, la fiducia scende, il Paese declina e tutte queste belle amenità, alla fine il clima diventa negativo per forza. D’altra parte a noi italiani piace farci male da soli. Contrapposti da…

Continua

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua

Un azzardo europeo contro di noi

Quando la Borsa sale e scende il costo degli interessi sul debito, mosso da quel numeretto che si chiama spread, chi è a digiuno delle faccende finanziarie può pensare che sono tutti più ricchi e contenti. Un errore. Ieri Piazza Affari, come gli altri principali mercati europei, ha guadagnato molti soldi, lasciando però un bel…

Continua

La politica che fa male all’Italia

Un po’ a sorpresa l’agenzia di rating Standard & Poor’s non si accoda agli uccelli del malaugurio e conferma l’attuale livello di solidità del debito pubblico italiano. Le prospettive sono negative, ma non c’è quella bocciatura sulla quale sta scommettendo la speculazione sui mercati, e di rincalzo la più fallimentare classe politica del nostro stesso…

Continua