Un giusto segnale alle imprese

di Gaetano Pedullà

Ora che ne ha meno bisogno, chissà quando Beppe Grillo offrirà una delle sue pastiglie di Maalox a Vincenzo Boccia e tutto il blasonato stato maggiore della Confindustria. Aver visto il leader dei Cinque Stelle Luigi Di Maio che promette mari e monti all’assemblea della Confcommercio, mentre alla stessa messa cantata degli industriali c’è andato solo il vecchio governo Pd in una pausa del trasloco dai Palazzi del potere, deve aver provocato non pochi bruciori di stomaco. Il fatto, anche simbolicamente rilevante, che la nuova politica guardi con più attenzione al vero motore economico del Paese, che è fatto essenzialmente di piccole imprese, è già di per se una rivoluzione in quella gerarchia di interlocuzione con l’Esecutivo rimasta per decenni imbalsamata agli ordini della Fiat e degli altri pochi campioni dell’industria nazionale. Poi c’è il merito delle cose dette ieri da Di Maio. Cose che vanno bene all’Italia intera e di conseguenza alle imprese grandi e piccole. L’impegno a non far scattare le clausole di salvaguardia sul deficit, a partire dall’aumento dell’Iva, era già stato preso nel contratto di M5S e Lega. Sentir dare dal ministro di Lavoro e Sviluppo la sua parola d’onore ha però rassicurato i commercianti e tutti coloro che potrebbero non reggere a una tale misura recessiva. Infatti, il terreno nel quale hanno cominciato a muoversi Conte e la sua squadra non è affatto incantato come ce l’hanno beffardamente rappresentato nella scorsa legislatura. L ’Italia è cresciuta meno di tutti gli altri Paesi in Europa, e questo non è stato affatto merito delle politiche interne o delle riforme mediocri che abbiamo adottato. Senza la gigantesca immissione di liquidità monetaria e il massiccio acquisto di titoli del nostro debito pubblico da parte della Banca centrale europea, il nostro Pil nazionale sarebbe rimasto molto lontano dal +1,5% dell’anno scorso, che è comunque un dato insufficiente per far ripartire sul serio l’economia e il lavoro. Questa pacchia – e qui la parola pacchia non è usata a caso – ormai comunque sta finendo. Il costo del denaro è destinato ad aumentare e la Bce sta per dire stop a una politica monetaria accomodante sempre più apertamente contrastata da Berlino. Dunque di motivi per preoccuparsi ce ne sono abbastanza, ma se tutto questo non bastasse ecco che proprio ieri è arrivato il dato dell’Istat sulle vendite al dettaglio nel nostro Paese, dove si stima un calo ad aprile dello 0,7% rispetto al mese precedente, con una contrazione totale su base annua di quasi il 5%. Tradotto in parole semplici: i consumi in Italia restano al palo e se la gente compra di meno è inevitabile che arretri anche la produzione. Siamo davanti, in sostanza, a uno scenario economico fragilissimo: esattamente l’ideale per far partire una nuova tempesta dei mercati finanziari grazie al solito giochino dello spread. NON PERDERE TEMPO Diventa quindi urgentissimo spezzare i vincoli che hanno imprigionato la crescita e le imprese, rinegoziando se non il debito almeno i trattati con l’Europa. Operazioni non semplici, né veloci, in attesa delle quali si può però cominciare a far qualcosa. E dare sicurezza e certezze alle imprese è una di queste mosse. Di Maio, esattamente come fa da tempo anche Salvini, ha iniziato a invertire un curioso meccanismo per cui chi crea reddito per se e per gli altri è un evasore fiscale fino a prova contraria invece che un cittadino onesto fin quando non si provi tutt’altro. Un cambio di visione del nostro tessuto imprenditoriale, mortificato e brutalmente scoraggiato da una filosofia nemica della cultura del fare. Tra vessazioni fiscali da un lato e una retrocessione sociale degli imprenditori dall’altro, nel nostro Paese per molti è passato il messaggio che conviene stare a casa ad oziare. Esattamente quello che qualcuno potrebbe pensare di fare anche col sostegno dello Stato, sfruttando quel reddito di cittadinanza che si è cercato di far passare come una forma di puro assistenzialismo ai fannulloni. Bene, le cose non stanno così o perlomeno l’intenzione è molto distante. Abolire strumenti inquisitori come lo spesometro e il redditometro non vuol dire derogare al contrasto sull’evasione fiscale, ma far lavorare e produrre tutti più sereni. La precondizione per far ripartire l’economia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La lobby del casello ha chiuso

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più…

Continua

Sulla Rai un conflitto scandaloso

Un Paese che non ha mai regolato sul serio i conflitti d’interesse tra politica e grandi capitali, c’è un caso che sta diventando grottesco per quanto è abnorme e scandalosamente alla luce del sole. L’azionista di riferimento del maggiore polo televisivo privato può permettersi di paralizzare la gestione della tv pubblica, protetto da una delle …

Continua

Un Governo più forte dei mercati

Peccato che alla lotteria del Governo non sia spuntato il bussolotto del prof. Sapelli, che nell’intervista al nostro giornale di oggi traccia un quadro lucidissimo sullo scenario economico che ci aspetta, partendo dal fatto che il Decreto dignità è solo la prima medicina di una cura ben più lunga e dolorosa. Indovinare la terapia però…

Continua

Riforme, non gettarle in caciara

Il Governo del cambiamento andrebbe ribattezzato del rimbecillimento se si sognasse di riformare il Paese senza dare una priorità alle cose necessarie. Un concetto chiaro a Di Maio e Salvini, che infatti nei primi due mesi da ministri hanno messo in cascina il Decreto dignità e il cambio di strategia sui migranti. Parallelamente però ci…

Continua

Sulla Rai è solo un teatrino

La coerenza si sa che in politica è merce rara. E per questo davvero pochi si stupirebbero se gli alleati di oggi diventassero i nemici di domani per poi tornare d’amore e d’accordo dopodomani. Lo strappo consumato nel Centrodestra per la presidenza della Rai non è dunque la bomba di cui parlano molti analisti politici,…

Continua

Siamo primi sul podio del ridicolo

Prima ancora di cominciare, abbiamo già vinto la medaglia olimpica del ridicolo. I giochi invernali del 2026 ci offrono la possibilità di metterci in mostra su una delle più belle vetrine internazionali e noi ci presentiamo non con una ma con tre città ospitanti, comunicando al mondo intero che non sappiamo neppure metterci d’accordo tra…

Continua

Tv pubblica ostaggio del Cavaliere

A meno che la notte non porti consiglio, stamattina Forza Italia affonderà in Commissione di vigilanza della Rai la designazione del giornalista Marcello Foa alla presidenza di Viale Mazzini. Così si rischia un precedente unico al mondo: il partito di un signore che controlla il maggior gruppo televisivo privato decide pure chi sta in sella…

Continua

Decolla la buona politica

La foto dei ministri Di Maio e Toninelli che scendono dall’aereo diventato simbolo degli sprechi del Governo Renzi resterà nella nostra memoria più di montagne di parole. Quell’Airbus è costato tra leasing e manutenzione 140 milioni, e considerando che non ha quasi mai volato è stato certamente un acquisto non all’altezza delle brillanti operazioni dell’allora…

Continua

Sul binario c’è la politica industriale

Diciamo la verità: a ridurre l’Italia come vediamo non è stato un popolo di incapaci e lavativi. Tiriamo la cinghia a causa dell’antica incapacità di produrre uno straccio di politica industriale. Il Paese è cresciuto spontaneamente, con lo Stato che foraggiava un po’ a destra e un po’ a sinistra la grande industria, indipendentemente dal…

Continua

Così rinasce l’orgoglio di un Paese

Sarà che i Parlamenti un giorno non serviranno a niente, come immagina visionariamente Casaleggio jr. Oppure che la tecno-ideologia non prevarrà, per i motivi che spiega brillantemente Ezio Mauro. Ma oggi la democrazia ha luoghi e rituali che sanno di vetusto, di lento e inefficace. Nell’epoca della comunicazione istantanea, seppure in un Paese come il…

Continua