Una lezione da Traini e Riace

di Gaetano Pedullà

Giornate difficili sia per i razzisti che per gli ultrà dell’accoglienza. I primi hanno visto cadere una loro bandiera, quel Luca Traini che aveva vendicato la morte della povera Pamela, a Macerata, sparando a degli uomini a caso, solo perché erano di colore. Condannato a dodici anni, Traini ha chiesto scusa in tribunale e rinnegato quell’odio razziale di cui era diventato un simbolo, omaggiato con cortei e osannanti scritte sui muri. Dall’altra parte, il monumento esattamente contrario innalzato a Riace è caduto rovinosamente sotto i colpi della magistratura. Il sindaco, che per i Saviano, Boldrini & C. era un modello di accoglienza dei migranti, è agli arresti domiciliari per aver permesso ad alcuni immigrati di stabilizzarsi in Italia aggirando le leggi già piuttosto sforacchiate in materia. Una misura cautelare che ha costretto a un triplo salto carpiato la Sinistra tradizionalmente forcaiola, al punto da riesumare l’assurdità che la legge si rispetta solo se la si ritiene giusta, mentre in caso contrario la disobbedienza civile è sempre legittima. I codici, insomma, vanno bene solo quando fanno comodo a noi. E pazienza se nella generalità delle liti davanti a un giudice, per ogni soggetto che festeggia il suo buon diritto ce n’è un altro che soccombe, e che quindi considererà ingiusta la sentenza. I due casi, così distanti e insieme speculari, sono la prova che sui grandi temi dei nostri tempi servono idee e non eroi – positivi o negativi che siano – o peggio, le tifoserie.

Commenti

  1. honhil

    Qualcuno da qualche parte scrive che la Germania è violenta. E verrebbe da rispondere che anche l’Italia non scherza. Anzi si potrebbe tranquillamente dire, quasi certamente sicuri di non sbagliare, doppiamente violenta. Ma con lo stesso pervicace intento di fare arrivare all’opinione pubblica soltanto l’eco lontano di questa drammatica realtà suburbana. Che tanti solluccheri adduce a chi si ispira al modello Bilderberg e un’infinità di serissimi problemi agli italiani.
    Da ciò le turbolenze che agitano le società. L’ultima, di domestica pertinenza, è tuttora in atto a Riace. Ed è così urticante che anche quei bronzi accusano un qualche problema epidermico non facile da diagnosticare. Tanto che lo ‘Stato di necessità’ lì comincia a fare rima, nell’intento di continuare ad arrampicarsi sull’albero della cuccagna, con ‘generosità’. E insieme sono l’alfa e l’omega di quell’ideologia rossa che tanto disagio ha causato allo Stivale e che, in questo momento, tiene banco a Riace. A causa di quel sistema Riace che la Rai ha santificato prematuramente, com’è sua sinistra abitudine.
    Non per niente, di santi laici, la Sinistra è piena. Come è piena di cadute clamorose. Un esempio per tutti: Forteto: ‘la comunità lager di Rodolfo Fiesoli’. Che, appunto fu santificato, pur in presenza di un ricco filone di sospetti e tanti primi piani in procura. Mentre la solita compagnia di giro, che si mobilità ogniqualvolta le magagne vengono a galla, starnazzava. Dato che tutta la sinistra regionale e nazionale andava a “purificarsi” al Forteto: dove ‘gli abusi sessuali e altro ancora e l’omertoso silenzio si praticavano, come è stato sancito dalla sentenza definitiva’.
    Proprio come si sta facendo adesso. Fino, anche se il terreno del confronto non è per niente paragonabile, ad arrivare a dire delle vere e proprie eresie. Se è vero che anche Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, lo giustifica con la seguente parossistica affermazione: “Se ha preso scorciatoie è stato per generosità”. I mafiosi prendono appunti. Per capire se il pizzo che impongono ai commercianti in nome dei carcerati, possa entrare nel filone della “generosità”. O, alla luce della recente “assoluzione di 14 scafisti da parte del tribunale di Palermo perché avrebbero agito per stato di necessità”, appunto in quello dello “Stato di necessità”. Con il risultato che l’Europa tutta è una fucina di violenza. Mentre il mantice che l’alimenta è questo approccio sociologico di cui fa sfoggio a volte la Giustizia e sempre la Sinistra. (Noi e Voi – Risponde Stefania Rossini) Biancalani, petizione abitanti Vicofaro contro suoi ospiti stranieri: honhil Mer, 03/10/2018 – 20:51 Sembra che don Biancalani abbia volutamente creato una inconciliabile frattura tra gli extracomunitari di cui dovrebbe pienamente curarsi, il Vangelo e i residenti di Vicofaro. Lasciare, infatti, mano libera agli extracomunitari, in quel loro progetto per niente surreale di volere imporre ai residenti ogni incivile comportamento partorito, prima ancora che dai propri usi e costumi, dalla voglia di assoggettamento degli altri, è, appunto, contro gli insegnamenti del Vangelo, oltre a tenere lontano il desiderio d’integrazione. Con l’aggiunta che quel sindaco, quel vescovo e quel prefetto hanno messo a battesimo prima e cresimato poi tale aberrante situazione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un vento nuovo sui mercati

La società cambia, la politica cambia e anche i mercati si accodano. Solo così può spiegarsi quello che è accaduto ieri, quando il presidente della Commissione europea ha sparato contro l’Italia un missile che in altri tempi avrebbe fatto sprofondare la Borsa tanto in basso da costringere gli operatori a scavare. Incuranti di un teatrino…

Continua

Si rafforza il filo tra 5S e Lega

Andare in guerra per fare la pace (fiscale). Sembra un paradosso, ma è esattamente quanto è successo ieri tra Cinque Stelle e Lega, ormai costrette a declinare in atti concreti gli impegni assunti solo genericamente nel contratto di Governo. Ne è venuto fuori un inevitabile confronto, che per quanto enfatizzato dalle indiscrezioni del solito manipolo…

Continua

L’Europa delle lingue biforcute

Che lingua biforcuta che hanno questi zombie della Commissione europea. Un attimo prima minacciano l’Italia perché la Manovra economica non è sufficientemente punitiva, un momento dopo chiedono a tutti di abbassare i toni delle polemiche susseguenti e appena la situazione si placa gettano nuova benzina sul fuoco accusando il nostro Governo di non mantenere la…

Continua

Autostrade. Il modello è criminale

Mentre cadono più ponti che foglie in autunno, la Procura di Avellino chiede decine di anni di carcere per il crollo di un viadotto sull’autostrada A16 Napoli-Canosa. Era il 2013 e in quella tragedia morirono 40 persone, solo tre meno di quante hanno perso la vita due mesi fa sul Morandi di Genova. Due disastri…

Continua

Ci minaccia la troika al completo

Sentivamo terribilmente la mancanza del terzo guardiano dell’austerità senza ritorno, quel Fondo monetario internazionale che per fondo deve intendere il baratro in cui ha gettato decine di Stati. Primus inter pares di Commissione Ue e Banca centrale europea nella famigerata troika – facciamo un torto se per capirci la paragoniamo a una Equitalia mondiale? –…

Continua

Ultimi colpi di una Ue in scadenza

Chi avesse ancora dubbi sulle vere cause del crollo dell’Italia sui mercati farebbe bene ad allungare lo sguardo fino alla Lettonia. Da questo Paese arriva il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, un signore che insieme al Commissario agli Affari economici Pierre Moscovici ha bocciato preventivamente la Manovra economica italiana, scatenando i guai di Borsa…

Continua

Bruxelles. Il golpe del potere

Neanche il tempo di leggerlo e già lo bocciano. Che fenomeni che sono questi tecnocrati di Bruxelles. Dombrovskis e Moscovici da giorni bombardano il nostro Governo per il Documento di economia e finanza che sfora di appena lo 0,8% i vincoli sul deficit. Dunque non c’è da stupirsi che ieri abbiano stroncato l’architrave della Manovra,…

Continua

Questa Ue ci bombarda per salvarsi

Formidabile il nostro ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che prende carta e pena e scrive lettere a Bruxelles per assicurare che l’Italia crescerà più di quanto prevedono Lor signori, e Roma non ha nessuna intenzione di mollare l’Europa. Troppo preso a far quadrare conti che non risulteranno mai se si utilizza solo la calcolatrice dei mercati,…

Continua

Un ministro dell’Economia debole non serve

Bisogna avere la testa di coccio, come dicono a Roma, per credere davvero che lo scostamento di meno di un punto sul deficit sia inconciliabile con il risanamento del Paese e gli obiettivi belli fissati dall’Europa. L’Italia in una situazione di grande disagio sociale ha chiesto una deroga più che ragionevole a un establishment che…

Continua

Lo spread e i suoi complici. L’Ue ci minaccia sui conti pubblici

Come volevasi dimostrare, in poche ore i mercati hanno bruciato un fetta della Manovra economica per l’intero 2019. Una reazione prevedibile e niente affatto definitiva, visto che gli indici azionari vanno a gonfie vele in tutto il mondo e già lunedì prossimo non è improbabile un rimbalzo dei titoli ieri decisamente penalizzati. Più complicata resta…

Continua