Una manovra a prova di divisioni

di Gaetano Pedullà

Davvero una mossa geniale questa dei leader del Pd: vederli passare dai caminetti alle cene con servitù è esattamente quello che aspettavano i loro ultimi eroici elettori per trasferirsi altrove. Un messaggio surreale per quell’Italia proletaria e di Sinistra che ha fame, e gli amati sapori di una volta li trova più facilmente sulla tavola di 5Stelle e Lega. Intanto da Palazzo Chigi al Ministero dell’Economia si lavora per presentare una manovra finanziaria molto diversa rispetto al passato, ma senza stravolgere gli impegni presi con l’Europa e i mercati. Un’impresa non facile, perché i soldi sono quelli che sono e la coperta è molto più corta rispetto agli anni scorsi. Le previsioni di crescita del Paese sono più basse rispetto a quando la Banca centrale di Mario Draghi aveva appena cominciato a comprare titoli del nostro debito pubblico per miliardi di euro al mese, e i precedenti governi hanno pure lasciato un sospeso da 15 miliardi, pena l’aumento dell’Iva. Su questa manovra del cambiamento lo storytelling del momento sui grandi giornali è quello di una guerra senza esclusione di colpi tra Di Maio e Salvini per trovare ognuno solo le risorse che servono alle promesse di bandire: il Reddito di cittadinanza del Movimento e la Flat tax del Carroccio. Un racconto forzato, se non malevolmente enfatizzato, perché M5S e Lega non hanno scelta che far partire entrambe le riforme, pena un allontanamento istantaneo dei rispettivi elettori, tra l’altro ormai a ridosso delle elezioni europee.

Dove si troveranno dunque i denari? Fare economia nel gigantesco corpaccione della spesa pubblica – una bestia da oltre 800 miliardi l’anno – non è facile ma nemmeno impossibile se si inizia a destinare le risorse prima alle grandi promesse elettorali, poi ai costi fissi necessari per far funzionare lo Stato e infine si arriva a tutte quelle contribuzioni – in molti casi non si sa più nemmeno concesse a chi – che impegnano quasi 150 miliardi.
Per capirci: far partire il Reddito di cittadinanza costa 10 miliardi mentre alzare a un livello minimamente dignitoso le pensioni minime blocca 3 miliardi. Questo non vuol dire, va ribadito , che presentare una manovra coraggiosa sia facile, ma chi dice che è impossibile mente sapendo di mentire.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Non basta la resa di Macron

La capitolazione di Emmanuel Macron è completa, eppure del tutto insufficiente come fino a oggi ha dimostrato di essere il presidente francese. Rispondere ai gilet gialli ammettendo che nel Paese c’è un disagio profondo, e di conseguenza aumentando i salari di cento euro, non solo non servirà a niente ma è molto probabile che sarà…

Continua

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua

Ritorsione politica da Bruxelles

Una Commissione europea arrivata a fine corsa e con il fiato dei movimenti sovranisti sul collo ha fatto il più classico degli errori. La bocciatura della nostra Manovra per il 2019 è infatti la tipica azione inconsulta di chi è in preda al panico, e per colpire un avversario che fa paura finisce per spararsi…

Continua

I leader si vedono adesso

La maggioranza che va sotto alla Camera, dove 5 Stelle e Lega hanno un margine larghissimo sulle opposizioni, è il segnale peggiore che l’Italia possa dare mentre l’Europa si prepara a infilzarci, bocciando la Manovra economica. I giochetti di un manipolo di parlamentari senza la statura necessaria per una battaglia epocale tra spread e democrazia…

Continua

Cosa insegna Treviso sui rifiuti

Alzi la mano chi aveva sentito mai parlare di modello Treviso. Si tratta – per tutti quelli che ancora non lo sanno – del sistema messo in piedi vent’anni fa nella provincia veneta per liberarsi dai rifiuti. Senza bisogno di termovalorizzatori dalle dubbie ricadute su inquinamento e salute, nel trevigiano smaltiscono il 100% della spazzatura…

Continua