Una manovra a prova di divisioni

di Gaetano Pedullà

Davvero una mossa geniale questa dei leader del Pd: vederli passare dai caminetti alle cene con servitù è esattamente quello che aspettavano i loro ultimi eroici elettori per trasferirsi altrove. Un messaggio surreale per quell’Italia proletaria e di Sinistra che ha fame, e gli amati sapori di una volta li trova più facilmente sulla tavola di 5Stelle e Lega. Intanto da Palazzo Chigi al Ministero dell’Economia si lavora per presentare una manovra finanziaria molto diversa rispetto al passato, ma senza stravolgere gli impegni presi con l’Europa e i mercati. Un’impresa non facile, perché i soldi sono quelli che sono e la coperta è molto più corta rispetto agli anni scorsi. Le previsioni di crescita del Paese sono più basse rispetto a quando la Banca centrale di Mario Draghi aveva appena cominciato a comprare titoli del nostro debito pubblico per miliardi di euro al mese, e i precedenti governi hanno pure lasciato un sospeso da 15 miliardi, pena l’aumento dell’Iva. Su questa manovra del cambiamento lo storytelling del momento sui grandi giornali è quello di una guerra senza esclusione di colpi tra Di Maio e Salvini per trovare ognuno solo le risorse che servono alle promesse di bandire: il Reddito di cittadinanza del Movimento e la Flat tax del Carroccio. Un racconto forzato, se non malevolmente enfatizzato, perché M5S e Lega non hanno scelta che far partire entrambe le riforme, pena un allontanamento istantaneo dei rispettivi elettori, tra l’altro ormai a ridosso delle elezioni europee.

Dove si troveranno dunque i denari? Fare economia nel gigantesco corpaccione della spesa pubblica – una bestia da oltre 800 miliardi l’anno – non è facile ma nemmeno impossibile se si inizia a destinare le risorse prima alle grandi promesse elettorali, poi ai costi fissi necessari per far funzionare lo Stato e infine si arriva a tutte quelle contribuzioni – in molti casi non si sa più nemmeno concesse a chi – che impegnano quasi 150 miliardi.
Per capirci: far partire il Reddito di cittadinanza costa 10 miliardi mentre alzare a un livello minimamente dignitoso le pensioni minime blocca 3 miliardi. Questo non vuol dire, va ribadito , che presentare una manovra coraggiosa sia facile, ma chi dice che è impossibile mente sapendo di mentire.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un vento nuovo sui mercati

La società cambia, la politica cambia e anche i mercati si accodano. Solo così può spiegarsi quello che è accaduto ieri, quando il presidente della Commissione europea ha sparato contro l’Italia un missile che in altri tempi avrebbe fatto sprofondare la Borsa tanto in basso da costringere gli operatori a scavare. Incuranti di un teatrino…

Continua

Si rafforza il filo tra 5S e Lega

Andare in guerra per fare la pace (fiscale). Sembra un paradosso, ma è esattamente quanto è successo ieri tra Cinque Stelle e Lega, ormai costrette a declinare in atti concreti gli impegni assunti solo genericamente nel contratto di Governo. Ne è venuto fuori un inevitabile confronto, che per quanto enfatizzato dalle indiscrezioni del solito manipolo…

Continua

L’Europa delle lingue biforcute

Che lingua biforcuta che hanno questi zombie della Commissione europea. Un attimo prima minacciano l’Italia perché la Manovra economica non è sufficientemente punitiva, un momento dopo chiedono a tutti di abbassare i toni delle polemiche susseguenti e appena la situazione si placa gettano nuova benzina sul fuoco accusando il nostro Governo di non mantenere la…

Continua

Autostrade. Il modello è criminale

Mentre cadono più ponti che foglie in autunno, la Procura di Avellino chiede decine di anni di carcere per il crollo di un viadotto sull’autostrada A16 Napoli-Canosa. Era il 2013 e in quella tragedia morirono 40 persone, solo tre meno di quante hanno perso la vita due mesi fa sul Morandi di Genova. Due disastri…

Continua

Ci minaccia la troika al completo

Sentivamo terribilmente la mancanza del terzo guardiano dell’austerità senza ritorno, quel Fondo monetario internazionale che per fondo deve intendere il baratro in cui ha gettato decine di Stati. Primus inter pares di Commissione Ue e Banca centrale europea nella famigerata troika – facciamo un torto se per capirci la paragoniamo a una Equitalia mondiale? –…

Continua

Ultimi colpi di una Ue in scadenza

Chi avesse ancora dubbi sulle vere cause del crollo dell’Italia sui mercati farebbe bene ad allungare lo sguardo fino alla Lettonia. Da questo Paese arriva il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, un signore che insieme al Commissario agli Affari economici Pierre Moscovici ha bocciato preventivamente la Manovra economica italiana, scatenando i guai di Borsa…

Continua

Bruxelles. Il golpe del potere

Neanche il tempo di leggerlo e già lo bocciano. Che fenomeni che sono questi tecnocrati di Bruxelles. Dombrovskis e Moscovici da giorni bombardano il nostro Governo per il Documento di economia e finanza che sfora di appena lo 0,8% i vincoli sul deficit. Dunque non c’è da stupirsi che ieri abbiano stroncato l’architrave della Manovra,…

Continua

Questa Ue ci bombarda per salvarsi

Formidabile il nostro ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che prende carta e pena e scrive lettere a Bruxelles per assicurare che l’Italia crescerà più di quanto prevedono Lor signori, e Roma non ha nessuna intenzione di mollare l’Europa. Troppo preso a far quadrare conti che non risulteranno mai se si utilizza solo la calcolatrice dei mercati,…

Continua

Una lezione da Traini e Riace

Giornate difficili sia per i razzisti che per gli ultrà dell’accoglienza. I primi hanno visto cadere una loro bandiera, quel Luca Traini che aveva vendicato la morte della povera Pamela, a Macerata, sparando a degli uomini a caso, solo perché erano di colore. Condannato a dodici anni, Traini ha chiesto scusa in tribunale e rinnegato…

Continua

Un ministro dell’Economia debole non serve

Bisogna avere la testa di coccio, come dicono a Roma, per credere davvero che lo scostamento di meno di un punto sul deficit sia inconciliabile con il risanamento del Paese e gli obiettivi belli fissati dall’Europa. L’Italia in una situazione di grande disagio sociale ha chiesto una deroga più che ragionevole a un establishment che…

Continua