Una nuova lezione dalle urne

di Gaetano Pedullà
Non solo un Pd ai minimi storici e così tramortito da non riuscire a darsi una nuova leadership. Nell’eredità del renzismo c’è il tracollo della Sinistra a ogni latitudine della società italiana, come dimostra anche il tracollo al Csm di quelle che una volta si sarebbero chiamate toghe rosse. La stragrande vittoria di un magistrato definito giustizialista come Piercamillo Davigo è il segno di una esigenza non più rinviabile di nuovi e radicali punti di riferimento. Un principio che vale uguale per Loredana Miccichè, l’altro eletto tra i giudici di Cassazione, sostenuta dalla componente di destra. Viviamo in un Paese che non ne può più di minuetti da Prima Repubblica, e il cambiamento ingoia il mondo antico con una velocità (e una voracità) difficilissima da governare. Una sfida che 5 Stelle e Lega stanno portando avanti con l’apparente incoscienza dei rischi a cui vanno incontro. Al centro di tutto ci sono le riforme, non poche e complicate, mai affrontate in un Paese cresciuto nel consociativismo. Per questo la resistenza sarà fortissima, dall’esterno e dai mercati, ma anche dall’interno. Un muro che già si cerca di alzare tra due forze politiche che non hanno altro destino: rifondare l’Italia o liquefarsi persino più velocemente di quanto non sia successo con il grande potere di Renzi Si può correre questo pericolo per le nomine di sottogoverno o per qualche dettaglio sfuggito nel contratto tra Di Maio e Salvini? La risposta delle urne –dopo quelle di tutti noi cittadini adesso anche dei magistrati – è sempre la stessa: l’Italia non ha più paura di cambiare.

Commenti

  1. honhil

    Dal Web. «Rimini, ronde di Forza Nuova e neofascisti polacchi: “Polizia ci ha creato disagio”. Il questore: “La sicurezza la fa lo Stato”». Quel questore, per obbligo d’ufficio, non può che dire che: “La sicurezza la fa lo Stato”. O meglio che la sicurezza rientra nei compiti dello Stato. Domanda, allora, che aspetta lo stato a rendere sicure le strade, le piazze, i parchi, le abitazioni. In una parola: l’Italia. E’ la richiesta di sicurezza che dà vita a queste manifestazioni. Eppure i radical-scic, che di questo caos sono gli unici responsabili, bollano come fasciste. Un esempio per tutti. Milano oggi. Anzi ieri. Ma non cambia niente: è la quotidianità meneghina (e di ogni altra città e paese dello Stivale): ‘Minacce ai cronisti che si avvicinano per documentare il degrado. A Porta Venezia le violenze degli immigrati’. Pisapia e Sala, tenendo conto dei secoli passati e delle dinamiche sociali susseguitesi, sono gli Attila del 2000: dove mettono piede lasciano l’impronta del degrado. Questa gente, dopo avere ironizzato su Milano da bere per decenni, e dall’interno e dall’esterno del loro club radical chic sbeffeggiato tutti quelli che non ne facevano parte, finalmente è riuscita nel suo intento di trasformare Milano in una cloaca a cielo aperto. E ne sono felici, anche perché le loro isole felici sia in città che al mare le difendono con la forza che deriva dal loro essere casta. E che le suburre crescano! Nel solco millenario di ‘Panem et Circenses’.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua

Un azzardo europeo contro di noi

Quando la Borsa sale e scende il costo degli interessi sul debito, mosso da quel numeretto che si chiama spread, chi è a digiuno delle faccende finanziarie può pensare che sono tutti più ricchi e contenti. Un errore. Ieri Piazza Affari, come gli altri principali mercati europei, ha guadagnato molti soldi, lasciando però un bel…

Continua

La politica che fa male all’Italia

Un po’ a sorpresa l’agenzia di rating Standard & Poor’s non si accoda agli uccelli del malaugurio e conferma l’attuale livello di solidità del debito pubblico italiano. Le prospettive sono negative, ma non c’è quella bocciatura sulla quale sta scommettendo la speculazione sui mercati, e di rincalzo la più fallimentare classe politica del nostro stesso…

Continua

Su zu Binnu una decisione grottesca

Forbita discussione di ieri a microfoni spenti in uno studio tv. La decisione della Corte dei diritti umani su Provenzano – per i mafiosi come lui “Zu Binnu” – è civilissima, ma impossibile da far digerire a un Paese come il nostro, capace di ragionare solo con la pancia e privo di cultura giuridica. Anzi,…

Continua

Il solito film in onda sulla Rai

Il Governo del cambiamento va bene, ma se si cambia sul serio e senza perdere tempo è meglio. Un concetto che a quanto pare non fa audience in Rai, dove il nuovo amministratore delegato Fabrizio Salini tra i suoi primi atti ha confermato il contratto con la trasmissione di Fabio Fazio, Che tempo che fa.…

Continua