Una politica con la lingua biforcuta

di Gaetano Pedullà

Figli che accoltellano i padri politici, come nella migliore tradizione delle storie di potere. E come in molti casi, quello che viene dopo non è sempre il migliore dei mondi possibili. Ieri è toccato a Salvini e Di Maio, con quest’ultimo arrivato a escludere esplicitamente il parricidio. Il fondatore dei Cinque Stelle Beppe Grillo, però, insomma, si farà il blog in una casa che non è più quella del Movimento. Sul versante del Centrodestra, Salvini non è certo un figlio naturale – sempre politicamente parlando – di Berlusconi, però quello costruito dal Cavaliere resta l’habitat nel quale la Lega campa da sempre. Nonostante questo, pur ancora lontani dalla conquista della pelle dell’orso in palio il 4 marzo, Salvini non perde occasione per contestare il capofila della sua coalizione, d’altra parte ricambiato con la stessa moneta dal leader di Forza Italia. Se Berlusconi promette a Bruxelles di rispettare i vincoli sui conti pubblici, il segretario del carroccio replica istantaneo che non se ne parla, disorientando gli elettori e ricordando urbi et orbi quanto siamo affidabili. Le ultime proiezioni sulle intenzioni di voto avvisano che questo giro un giovane su quattro non andrà a votare e per quanto riguarda tutti gli altri difficilmente si farà a botte per stare in fila. Merito di una politica inefficace, di programmi pieni di promesse inverosimili, di un sistema elettorale che limita la scelta dei cittadini, ma più di tutto della lingua biforcuta con cui stanno parlando i leader, anche a costo di contraddire platealmente le loro storie e alleanze.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’illusione dei candidati perfetti

Ma come li hanno scelti i candidati alle elezioni? Solo per la loro dabbenaggine i Cinque Stelle dovrebbero farsi qualche domanda in più su regole interne e capacità di selezionare una classe dirigente in grado di governare. Il caos delle Parlamentarie era apparso subito chiaro, ma da Di Maio in giù era stata promessa una…

Continua

L’Italia paga l’autobus ai tedeschi

La ricetta tedesca contro l’inquinamento può farci sentire idioti per non averci pensato prima: i mezzi pubblici gratis sono un bell’incentivo a mollare l’automobile. Ma risolvere certi problemi è facile quando il conto lo pagano altri. Serve una prova? I teutonici in appena trent’anni hanno fatto quello che l’Italia è ancora lontana dal realizzare dopo…

Continua

Se l’onestà diventa un autogol

Molti elettori (non solo Cinque Stelle) neppure sanno chi era Pietro Nenni, lo storico leader socialista che certificò in modo lapidario come facendo a gara per chi è più puro, è facile che salti fuori qualcuno ancora più puro che ti epura. Un rischio che il Movimento fondato da Grillo corre deliberatamente sin dalla nascita,…

Continua

Toghe sporche e depistaggi. Siamo una Repubblica fondata sull’intrigo

Nel nuovo terremoto giudiziario tra Roma e Messina, come nella vicenda Consip, non si capisce da che parte stanno anche i piani più alti dello Stato. Siamo diventati una Repubblica fondata sull’intrigo? A quanto pare sì. L’inchiesta che scoperchia un sistema di potere capace di pilotare affari per centinaia di milioni, provando persino ad aggiustare…

Continua

Wall Street ci sta avvisando

La ricreazione sta finendo. E la caduta secca di Wall Street, solo ieri andata giù di sei punti, ci avvisa che dobbiamo prepararci a tempi duri. Insieme alla crescita economica, gli Stati Uniti hanno visto salire gli stipendi e con questi anche i prezzi dei beni di consumo e l’inflazione. La conseguenza è che la…

Continua

L’Italia delle riforme impossibili

Fare le riforme in Italia non è difficile, come dice il ministro Franceschini. È impossibile. E chi dice il contrario mente sapendo di mentire, a meno di voler considerare riforme quei brodini annacquati che ci propinano da anni, spesso spacciati per grandi cene gourmet, come nel caso del Jobs Act, giusto per citare il fiore…

Continua

Il regalo di Amazon alla Cgil

Senti cosa si inventano ad Amazon è ti torna simpatica la Camusso. Il colosso americano della logistica si sa, soprattutto in Italia non brilla per le relazioni sindacali. Quegli ingrati dei dipendenti hanno scioperato persino nei giorni del black friday, accendendo un faro sulle loro condizioni di lavoro. Roba che ricorda la catena di montaggio…

Continua

Camere senza vista sulle élite

I Cinque Stelle hanno dovuto cambiare pelle per aprire le liste ai candidati nella cosiddetta società civile e al mondo delle professioni. Uno sforzo che porterà in Parlamento un po’ di competenza oltre alla fedeltà assoluta imposta dai capibastone di tutti gli altri partiti. Perché diciamola tutta: la selezione della classe politica alla quale abbiamo…

Continua

Una destra suicida nel Lazio

Se una volta la politica era sangue e merda (copyright Rino Formica) oggi si è ridotta a calcolo e basso compromesso, con il risultato di appassionare sempre meno e dimostrarsi inconcludente. Quello che è accaduto per il Lazio è l’emblema di questo scadimento. Al Centrosinistra che ha candidato alla presidenza della Regione l’uscente Nicola Zingaretti…

Continua

A Davos sfila l’ipocrisia del potere

Trump dimenticherà pure la lezione della storia, ma sentire la Merkel, cioè la leader proprio del Paese che l’ha provocata quella storia fatta di guerra e milioni di morti, sa di barzelletta. D’altra parte, nel teatrino in corso a Davos, in Svizzera, l’ipocrisia del grande potere sta offrendo il meglio di sé. La cancelliera tedesca…

Continua