Una riforma in bianco e nero

di Gaetano Pedullà

Un Paese che cade a pezzi come il nostro ha una sola chance: cambiare profondamente. Gli italiani l’hanno capito e hanno dato un consenso senza precedenti al premier che più di tutti ha saputo imporre parole chiave come riforme e rottamazione. La strada era sacrosanta e dopo un primo anno di queste riforme oggi il Paese può guardare avanti con più fiducia rispetto ai mesi disastrosi dei governi Monti e Letta. La crisi e il decadimento morale, prima ancora che materiale, ci obbligano però a procedere a tappe forzate e a fare riforme anche ruvide. Di spazio per una forte spinta riformista d’altronde ce n’è a volontà. Per questo non entusiasma la proposta di riforma della Rai, dove come prima cosa si dovevano tirare fuori i partiti dalla governance e invece si lascia la scelta di metà Cda al Parlamento e in più si assicura un posto fisso al sindacato interno. Un bel topolino venuto giù dalla montagna di Palazzo Chigi mentre i manager in sella una riforma vera la facevano sul serio, emettendo obbligazioni e così consentendo di smarcare Viale Mazzini dal tetto sugli stipendi. Una riforma buona già aggirata con i giochetti si sempre.

Commenti

  1. Saverio Schinzari

    Gli Italiani, ricordo, non hanno dato alcun consenso al programma del Governo, nè tanto meno a Renzi, che non eletto da alcuno, sta semplicemente occupando una poltrona abusivamente. Perchè di questo si tratta.. Le cosiddette riforme sarebbe meglio chiamarle con il vero nome, cioè CONTRORIFORME, e non si capisce tutta questa fretta a voler incidere e stravolgere la Costituzione senza aver avuto alcun consenso elettorale. Poi Direttore si ricordi che tutti codesti giovinastri alla guida del Paese, in prima fila Renzi, la Serracchiani, la Moretti e tanti altri, erano tra coloro che la pensavano molto diversamente rispetto alle porcherie che stanno mettendo in atto. Ad esempio tutti costoro un anno, o due anni fa riconoscevano l’inutilità della riforma sul lavoro, e sul jpbs-act, ritenendola non una priorità. Poi tra il dire ed il fare….., disconoscevano qualsiasi alleanza con il caimano……. Stia sereno Renzi, la gente non dimentica poi così facilmente, nonostante la clac mediatica a suo favore. Un pò di coerenza tra tutti noi non guasterebbe.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’Europa e i conti senza cuore

Va bene: come ci hanno abbondantemente illustrato diversi giornali, il paragone tra i conti di Italia e Francia non regge, e dunque è giusto che Roma messa molto peggio di Parigi strozzi le famiglie e quel poco di economia che resiste, mentre Macron potrà fare il doppio del nostro deficit per non farsi cacciare dall’Eliseo…

Continua

Non basta la resa di Macron

La capitolazione di Emmanuel Macron è completa, eppure del tutto insufficiente come fino a oggi ha dimostrato di essere il presidente francese. Rispondere ai gilet gialli ammettendo che nel Paese c’è un disagio profondo, e di conseguenza aumentando i salari di cento euro, non solo non servirà a niente ma è molto probabile che sarà…

Continua

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua

Ritorsione politica da Bruxelles

Una Commissione europea arrivata a fine corsa e con il fiato dei movimenti sovranisti sul collo ha fatto il più classico degli errori. La bocciatura della nostra Manovra per il 2019 è infatti la tipica azione inconsulta di chi è in preda al panico, e per colpire un avversario che fa paura finisce per spararsi…

Continua

I leader si vedono adesso

La maggioranza che va sotto alla Camera, dove 5 Stelle e Lega hanno un margine larghissimo sulle opposizioni, è il segnale peggiore che l’Italia possa dare mentre l’Europa si prepara a infilzarci, bocciando la Manovra economica. I giochetti di un manipolo di parlamentari senza la statura necessaria per una battaglia epocale tra spread e democrazia…

Continua