Trasporti, una vacanza travestita da sciopero

di Gaetano Pedullà

Ci fossero in Italia sindacati veri, capaci di stare dalla parte dei lavoratori ma anche dei cittadini, sarebbero questi i più incazzati per il Paese preso oggi in ostaggio. Quattro siglette di cui nessuno sa niente hanno deciso tutto insieme il blocco di treni, aerei, autobus e metropolitane. Ovviamente la gran parte dei lavoratori non aderirà, ma in certi servizi basta che si fermino poche persone per paralizzare tutto. E poi l’effetto annuncio fa il resto, inducendo tanti che dovevano spostarsi per vacanza o per lavoro a stare a casa. Tanto quest’anno di ponti tra una festività e l’altra ne abbiamo avuti pochi. E agli scioperanti nel comparto dei trasporti – guarda che casualità! – scappa sempre di incrociare le braccia di venerdì. La verità è che in un Paese dove quasi quattro giovani su dieci stanno a spasso, chi un posto ce l’ha sente forte i suoi diritti e sempre meno i suoi doveri. A cominciare dal rispettare i cittadini clienti. E non prenderli per fessi. Cosa che oggettivamente accade con l’adesione dei ferrovieri dei treni privati Italo a uno sciopero indetto contro le privatizzazioni. A dire che volevano un giorno di vacanza facevano più bella figura.

Il guaio in questo Paese è che se qualcuno sequestra una persona ne risponde penalmente. Se invece si sequestrano milioni di persone, costrette a restare a casa o ad affrontare enormi disagi, allora si tratta di rispettare il diritto di sciopero. E pazienza se a metterci tutti con le spalle al muro sono poche organizzazioni che rappresentano a malapena loro stesse. Ai grandi sindacati confederali va bene così, il Governo raramente riesce a fare qualcosa più di una fragile moral suasion e le autorità di controllo hanno le mani legate. Così la dittatura di pochi ha la meglio sui diritti di tutti. Un andazzo che non premia più nessuno, comprese Cgil, Cisl e Uil ormai svuotate di consenso nelle aziende e detestate dai clienti del trasporto pubblico. Basti ricordare com’è andato il referendum che ha dirottato l’Alitalia verso il commissariamento e probabilmente il futuro spezzatino. I confederali avevano chiesto ai loro iscritti di assecondare l’ultimo piano di ristrutturazione aziendale, uscendo con le ossa rotte da un plebiscito in direzione contraria. Dialogare con i manager, assumendosi anche delle gravose responsabilità, diventa però un esercizio inutile se poi un giorno sì e l’altro pure il segnale che si dà all’esterno è di copertura (o di accondiscendenza) all’abuso di un diritto fondamentale come quello di scioperare. I sindacati, insomma, hanno un’arma fortissima, ma chi la sta usando a ripetizione, e in modo improprio, la sta facendo sparare sulle tempia delle sigle maggiori, confuse nella grande confusione di sigle e siglette che scioperano.

Schiaffo ai clienti – Hanno i grandi sindacati la capacità di diventare paladini moderni delle loro aziende, difendendo tanto il loro posto di lavoro quanto i clienti e il loro diritto (acquistato insieme ai biglietti e agli abbonamenti) alla mobilità? A vedere questo continuo balletto di scioperi, sempre nei weekend e sempre con motivazioni del tutto generiche, la risposta è no. E di questo le piccole sigle si stanno approfittando, conquistando cinicamente qualche tesserato in più a spese degli stessi confederali (dove sono molti i tesserati in meno) e della regolarità dei servizi. Uno schiaffo ai clienti delle aziende che possono solo subire. Gli strumenti come il Garante degli scioperi o la precettazione possono funzionare in un contesto normale, di fronte a problemi da affrontare sul serio come l’apertura di nuovi spazi di mercato in un settore dove lo Stato ha ancora vocazioni da monopolista, o la necessità di dare un taglio alle perdite miliardarie di tanti carrozzoni. Se i motivi degli scioperi sono invece la rivalità tra sigle sindacali o, diciamola tutta, l’appropriazione di un nuovo diritto a fare ponte nei fine settimana, allora non c’è trincea che tenga. E i confederali, se non vogliono morirci dentro, prima o poi dovranno dire da che parte della barricata stanno.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un deposito nucleare per la politica

Avere una tavola piena di cibi ben cotti e morire di fame perché non sappiamo che piatto scegliere. Siamo capaci anche di questo, soprattutto se il piatto scotta quanto scotta nell’opinione pubblica tutto ciò che si porta attaccato la parola nucleare. Qui il piatto sono le aree su cui far sorgere il deposito nazionale che…

Continua

Da Bruno Caccia alla Lucarelli, la tortura della giustizia lumaca

Neppure un animo incendiario come quello di Selvaggia Lucarelli ha retto alla tensione di una sentenza arrivata dopo sette anni. I giudici l’hanno assolta dal temibilissimo reato di aver sottratto da un computer le foto di una festa vip e l’imputata ha finito di scontare una tortura mediatica che comunque l’è costata più della pena…

Continua

La povertà e le riforme mancate

Non c’è niente da fare: i numeri dicono che in dieci anni in Italia i poveri sono triplicati. E i numeri sono argomenti troppo testardi per arrendersi alle giustificazioni di chi ci ha governato. Certo, abbiamo attraversato la crisi dello spread e quella delle banche, ma se siamo qui è chiaro che le nostre ricette…

Continua

Vitalizio, un privilegio che offende il buonsenso

Nel Paese degli azzeccagarbugli giuridici, del toglieteci tutto ma non i diritti acquisiti, dei politici diventati casta, i sacrifici vanno bene se però a farli è qualcun altro. Una regola che non poteva sfuggire al taglio dei vitalizi per i parlamentari, a parole consapevoli di aver goduto per decenni di un privilegio sfacciato, ma poi…

Continua

Marchionne premier, sì nella Repubblica delle banane modello Fiat

Criticare i colleghi non è bello, e se sono colleghi molto più bravi e autorevoli lo è ancora di più, ma La Notizia è un giornale sopra le righe e allora lasciatecelo dire che ieri i direttori di Libero e Il Tempo oltre a deluderci ci hanno rafforzato nella convinzione che il Centrodestra italiano è…

Continua

Gentiloni? Un Governo che scalda la sedia

Il ministero dell’Economia non ha ancora pigiato il tasto invio sull’ultimo bonifico da 5,4 miliardi al Monte dei Paschi e già arriva un altro costo per il Paese: la banca di Siena metterà sulla strada 5.500 dipendenti. Il ministro del Tesoro Padoan canta vittoria, e anche con qualche ragione, ma solo tra Toscana e Veneto…

Continua

Il riscatto del gaffeur Juncker

Se c’è al mondo un personaggio politico che non dovrebbe mai evocare il senso del ridicolo questo è Jean-Claude Juncker. Gaffeur professionista, non raro ad alzare il gomito, mise la faccia e il nome su un piano di 300 miliardi di euro per uscire dall’austerità. Abbiamo visto quanto poco è servito, ma per ora resiste…

Continua

Che banali gli odiatori di Rodotà

La morte di questo “marimbarza”, scritto così alla romana. C’è anche questo messaggio sulla pagina Facebook della Notizia, dove i lettori si sfogano e ne dicono di tutti i colori, anche su questo giornale. Lo spazio delle idee è sacro e ci prendiamo i nostri insulti, talvolta pure meritatamente. Lo sfregio a Stefano Rodotà però…

Continua

Stipendi Rai, deroga disgustosa

A fare il direttore generale della Rai così come ha iniziato Mario Orfeo sono bravi tutti. La tv pubblica esempio del cambiamento renziano del Paese sta diventando invece l’emblema della rottamazione fallita. E ora c’è pure la prova che il manager arrivato dalla Leopolda, Antonio Campo Dall’Orto, non è stato silurato per la storia degli…

Continua

A Berlusconi accuse senza fretta

Riina libero e Berlusconi mafioso. Mentre un manipolo di miracolati dai partiti affonda la legge elettorale per tenersi fino all’ultimo la poltrona in Parlamento, cosa nostra irrompe nel pantano della politica. Era già successo nel ’93, con la bomba di Capaci scoppiata nel bel mezzo di un’elezione del Capo dello Stato finita in stallo. Stavolta…

Continua