Trasporti, una vacanza travestita da sciopero

di Gaetano Pedullà

Ci fossero in Italia sindacati veri, capaci di stare dalla parte dei lavoratori ma anche dei cittadini, sarebbero questi i più incazzati per il Paese preso oggi in ostaggio. Quattro siglette di cui nessuno sa niente hanno deciso tutto insieme il blocco di treni, aerei, autobus e metropolitane. Ovviamente la gran parte dei lavoratori non aderirà, ma in certi servizi basta che si fermino poche persone per paralizzare tutto. E poi l’effetto annuncio fa il resto, inducendo tanti che dovevano spostarsi per vacanza o per lavoro a stare a casa. Tanto quest’anno di ponti tra una festività e l’altra ne abbiamo avuti pochi. E agli scioperanti nel comparto dei trasporti – guarda che casualità! – scappa sempre di incrociare le braccia di venerdì. La verità è che in un Paese dove quasi quattro giovani su dieci stanno a spasso, chi un posto ce l’ha sente forte i suoi diritti e sempre meno i suoi doveri. A cominciare dal rispettare i cittadini clienti. E non prenderli per fessi. Cosa che oggettivamente accade con l’adesione dei ferrovieri dei treni privati Italo a uno sciopero indetto contro le privatizzazioni. A dire che volevano un giorno di vacanza facevano più bella figura.

Il guaio in questo Paese è che se qualcuno sequestra una persona ne risponde penalmente. Se invece si sequestrano milioni di persone, costrette a restare a casa o ad affrontare enormi disagi, allora si tratta di rispettare il diritto di sciopero. E pazienza se a metterci tutti con le spalle al muro sono poche organizzazioni che rappresentano a malapena loro stesse. Ai grandi sindacati confederali va bene così, il Governo raramente riesce a fare qualcosa più di una fragile moral suasion e le autorità di controllo hanno le mani legate. Così la dittatura di pochi ha la meglio sui diritti di tutti. Un andazzo che non premia più nessuno, comprese Cgil, Cisl e Uil ormai svuotate di consenso nelle aziende e detestate dai clienti del trasporto pubblico. Basti ricordare com’è andato il referendum che ha dirottato l’Alitalia verso il commissariamento e probabilmente il futuro spezzatino. I confederali avevano chiesto ai loro iscritti di assecondare l’ultimo piano di ristrutturazione aziendale, uscendo con le ossa rotte da un plebiscito in direzione contraria. Dialogare con i manager, assumendosi anche delle gravose responsabilità, diventa però un esercizio inutile se poi un giorno sì e l’altro pure il segnale che si dà all’esterno è di copertura (o di accondiscendenza) all’abuso di un diritto fondamentale come quello di scioperare. I sindacati, insomma, hanno un’arma fortissima, ma chi la sta usando a ripetizione, e in modo improprio, la sta facendo sparare sulle tempia delle sigle maggiori, confuse nella grande confusione di sigle e siglette che scioperano.

Schiaffo ai clienti – Hanno i grandi sindacati la capacità di diventare paladini moderni delle loro aziende, difendendo tanto il loro posto di lavoro quanto i clienti e il loro diritto (acquistato insieme ai biglietti e agli abbonamenti) alla mobilità? A vedere questo continuo balletto di scioperi, sempre nei weekend e sempre con motivazioni del tutto generiche, la risposta è no. E di questo le piccole sigle si stanno approfittando, conquistando cinicamente qualche tesserato in più a spese degli stessi confederali (dove sono molti i tesserati in meno) e della regolarità dei servizi. Uno schiaffo ai clienti delle aziende che possono solo subire. Gli strumenti come il Garante degli scioperi o la precettazione possono funzionare in un contesto normale, di fronte a problemi da affrontare sul serio come l’apertura di nuovi spazi di mercato in un settore dove lo Stato ha ancora vocazioni da monopolista, o la necessità di dare un taglio alle perdite miliardarie di tanti carrozzoni. Se i motivi degli scioperi sono invece la rivalità tra sigle sindacali o, diciamola tutta, l’appropriazione di un nuovo diritto a fare ponte nei fine settimana, allora non c’è trincea che tenga. E i confederali, se non vogliono morirci dentro, prima o poi dovranno dire da che parte della barricata stanno.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Com’è democratico lei! Beppe Grillo ha figli e figliastri

Sarà pure il papà di tutti, come ha detto ieri a Rimini, ma Beppe Grillo non c’è dubbio che ha figli e figliastri. Alcuni se li è mangiati, forse per sperimentare l’effetto che fa vomitarli, come gli piacerebbe fare con i giornalisti. Basti pensare al sindaco di Parma, Pizzarotti, cacciato dal Movimento per aver ricevuto…

Continua

Siamo ricchi, qui è pieno di immigrati

Toh guarda! Se l’economia va un po’ meglio è merito anche degli immigrati. La notizia, che manderà la lettura dei giornali di traverso a un esercito di piccoli Salvini, non è l’invenzione di qualche Organizzazione non governativa smaniosa di tornare a pesca di disperati in mezzo al Mediterraneo. A certificare che i migranti creano ricchezza…

Continua

Liberalizzare il lavoro per davvero

E poi ci si meraviglia che in Italia le imprese ci pensino cento volte prima di assumere un dipendente, anche se ne hanno bisogno e il Governo mette sul piatto tanti soldi come incentivo. Sentite cosa è accaduto alle Poste, dopo che un impiegato è stato condannato in primo grado per aver portato via dalla…

Continua

Candidati senza programmi

Le sparate di Salvini, le finte primarie di Di Maio, il redivivo Berlusconi e il rimpianto di Renzi per il governo perduto. Persino la politica di queste settimane, in rampa di lancio per le prossime elezioni, emoziona come vedere una partita di calcio tra squadre di pipponi. Il motivo, che sfugge a leader troppo presi…

Continua

Candidati e ipocrisie a 5 stelle

Ci voleva la provocazione di Saviano per dare un’emozione alla scelta spintanea di Luigi Di Maio candidato premier dei Cinque Stelle. Ci fosse ancora qualche puro che non l’avesse capito, nel Movimento uno vale uno, nel senso di uno in una scala che però evidentemente sale fino a mille, dove in cima ci sono solo…

Continua

La Lega non derubi due volte

Senza soldi non si canta messa, figuriamoci se si fa politica. Matteo Salvini ha molto chiaro che il blocco dei fondi pubblici assegnati alla Lega azzoppa la sua corsa prima ancora dello start per le politiche. Il punto è che quei soldi sono in parte il frutto di un reato, benché certamente non commesso dall’attuale…

Continua

Non ci sono i leader di una volta

È incredibile come in un’epoca di grida e risse su tutto le parole più incendiarie possano essere pronunciate con la pacatezza di un signore come Graziano Delrio. Il suo partito, il Pd, aveva deciso di fare dello Ius Soli una bandiera. Renzi si è speso in lungo e largo per spiegare che riconoscere gli stessi…

Continua

Odiatori di professione sui migranti

Se io fossi… se io fossi un migrante che dall’Africa è arrivato in Europa per dare una speranza a una vita disperata, ringraziando il mare per ogni onda che non mi ha fatto naufragare… Se io fossi un bambino nero o giallo diventato uomo in una culla di bellezza come l’Italia… Se io fossi una…

Continua

I veri numeri sul lavoro sono negativi

Come darla vinta al diavolo e all’acqua santa. Gli ultimi dati dell’Istat sull’occupazione sono un capolavoro di diplomazia comunicativa. Le persone che non trovano un impiego aumentano, in controtendenza con l’Europa. Però se si conta chi ha un posto, ecco che saliamo ai livelli del 2008, prima della grande crisi. Chi fornisce questi numeri meriterebbe…

Continua

Sui migranti c’è un torneo dei cretini

Se un cretino si prende la scena dicendo la più stupida delle fesserie, in Italia non solo si corre tutti dietro alla fesseria, ma un attimo dopo ecco che arriva un cretino più grande che migliora la prestazione e apre il campionato di chi la spara più grossa. Il caso del momento è quello del…

Continua