Un’inchiesta a due passi dal Quirinale

di Gaetano Pedullà

L’inchiesta su Mafia Capitale è sacrosanta, già zeppa di riscontri e tutt’altro che la bufala di cui preconcettualmente hanno parlato bravi giornalisti come Giuliano Ferrara o Piero Sansonetti. Il livello della corruzione a Roma era vastissimo e certi colleghi, oltre che essere garantisti con gli indagati, dovrebbero esserlo altrettanto con i cittadini traditi. A Roma si sono sperperate enormi risorse in cambio di servizi penosi. E soprattutto si è permesso a una consorteria che lega a doppio filo pezzi del ceto amministrativo, manager pubblici, portaborse di politici e personaggi di primo piano dei partiti insieme a criminali comuni ed esponenti dell’eversione nera. Una bella schifezza e chi non si indigna ha quantomeno qualche problema con il proprio livello di tollerabilità etica al malaffare. Fatta questa premessa, l’inchiesta – come ogni grande caso giudiziario agli inizi – sta mostrando un punto debole e un pericolo grandissimo. Il punto debole è il fondersi in un’unica melassa di notizie vere e verosimili insieme a millanterie e bugie raccontate palesemente per denigrare l’avversario politico.

La storia data ieri con grandissimo risalto dai maggiori quotidiani nazionali, che titolavano su presunte valige piene di soldi portate da Gianni Alemanno in Argentina, è emblematica. I giornali, a cominciare dal Corriere della Sera e Repubblica, prendevano per oro colato le confidenze di un signore adesso in carcere, Luca Odevaine, al telefono con altri due indagati, Mario Schina e Sandro Coltelacci. Le loro supposizioni, certamente inquietanti, erano però talmente prive di fondamento da costringere la Procura di Roma a specificare in un comunicato che su queste ipotesi non c’è nessun riscontro. In realtà, proprio chi scrive un riscontro l’aveva fornito poco prima intervenendo a una trasmissione televisiva de La7, per il semplice fatto di essere stato testimone oculare dell’arrivo di Alemanno a Buenos Aires in quella breve vacanza argentina. Alemanno non aveva che il suo normale bagaglio e poiché ci si recava direttamente in Patagonia, o ha seppellito quel presunto denaro in una buca dei ghiacciai millenari oppure semplicemente Odevaine raccontava ai suoi amici una bufala. Il lavoro del giornalista, che non esclude avere amicizia e frequentazioni con personaggi che fanno anche politica (che miseria chi pensa il contrario!) impone di raccontare i fatti, senza scegliere ideologicamente derive giustizialiste o garantiste. Se chi scrive è assolutamente convinto della necessità di andare avanti in questa inchiesta, lo è altrettanto sulla necessità che emerga la verità e non le illazioni di personaggi più o meno credibili al telefono.

COME TANGENTOPOLI

Il punto debole dell’intera vicenda sta dunque nell’intrecciarsi di notizie vere e di panzane che alla fine hanno l’effetto di smontare tutto. C’è poi il pericolo grandissimo di cui si parlava prima. Questo pericolo è quello di gonfiare a tal punto l’inchiesta da farne non una giusta indagine sulle responsabilità di chi ha commesso i reati contestati, ma un vero e proprio caso nazionale dal quale ripartire per tornare al clima del ’93, quello di Tangentopoli. A sottolinearlo è lo stesso capo dell’autorità anti corruzione, Raffaele Cantone, ieri in un’intervista su Repubblica. Un clima fatto del mix tra inchieste ed enfasi dei giornali, che alla fine darà il colpo di grazia alla credibilità della politica, delegittimandone il ceto e magari tirando la volata a un magistrato al Quirinale. E qui non è un segreto che nell’attuale scarsa agibilità della politica il prossimo presidente della Repubblica potrebbe essere quel Piero Grasso, ex apprezzato collega del Procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone. Ma avere sul Colle Grasso, persona degnissima sia ben chiaro, non significherebbe solo accettare un pieno ruolo di supplenza della magistratura sulla politica, bensì la resa stessa della politica alla magistratura. E in un Paese dove le istituzioni sono decadenti, negare a monte la separazione dei poteri (legislativo e giudiziario) ci proietterebbe inevitabilmente verso uno Stato di polizia. Forse non la peggiore delle ipotesi di fronte allo sfascio totale, ma sicuramente una sconfitta imperdonabile per chi ha di questo Paese ancora una visione liberale, di legittimità e separatezza dei poteri.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Se il lavoro fa paura alla scuola

Se la voglia di studiare è poca, figuriamoci quanto desiderio c’è di lavorare. Meglio, molto meglio, prendere un po’ d’aria fresca portando in piazza la più insensata delle proteste, come hanno fatto venerdì centinaia di studenti in molte città italiane. Obiettivo delle manifestazioni era l’alternanza scuola lavoro, ossia il principale appiglio con una possibilità reale…

Continua

Politicanti travestiti da giudici

Niente trasforma il bene in male come l’abuso. A chi non piace – per capirci – la buona tavola, ma se mangiamo senza ritegno poi sappiamo l’effetto che fa. Per lo stesso principio un magistrato che parla ai cittadini, a partire dalle scuole, ma anche in tv e nei teatri, non è che encomiabile. Certo,…

Continua

Una batosta Milanese per Davigo

Marco Milanese è un ex ufficiale della Guardia di Finanza e deputato che la Procura di Napoli nel 2011 voleva arrestare per aver commesso i reati di associazione a delinquere, corruzione, favoreggiamento e rivelazione di segreti d’ufficio. Reati che secondo una sentenza appena emessa non c’erano. Sul suo caso all’epoca il Parlamento si spaccò e…

Continua

Finanziaria, un’occasione sprecata

La ricreazione in Europa sta finendo e tra pochissimo sarà più chiaro a tutti quanto costa non aver fatto sul serio i compiti a casa, cioè nel nostro caso le grandi riforme. Questione di ore, la Merkel tornerà pienamente in sella con un nuovo governo, e ci sarà chiesto conto di come abbiamo usato la…

Continua

Padoan non pensa in grande

La campagna elettorale irrompe nella legge di bilancio e le anime della Sinistra se ne vanno in ordine sparso. Il Pd fa il cireneo portandosi in spalla la croce di una finanziaria scialba, Pisapia si accontenta della promessa che non ci saranno mance elettorali e si allinea al Governo, i D’Alemiani di Mdp non votano…

Continua

L’illusione dei gusci identitari

Se l’Unione europea non fosse solo un’espressione geografica, molto peggio di come Metternich giudicava il pulviscolo dei nostri staterelli per buona parte dell’800, la lezione catalana l’avrebbe capita, eccome! Due milioni e mezzo di persone che vanno a votare a un referendum fuffa, fregandosene che è incostituzionale e sfidando i manganelli, non possono essere derubricati…

Continua

L’imbroglio per blindare le urne

Ci sono voluti più tempo e più mal di pancia del previsto – perché anche i nostri parlamentari hanno una coscienza – ma alla fine ieri sera alla Camera è arrivato il via libera in Commissione alla nuova legge elettorale. Il percorso della riforma, ormai nota come Rosatellum, dal nome del capogruppo dem Ettore Rosato,…

Continua

Una lezione che tutti conoscono

Non diamo per scontate le condanne dei professori arrestati o indagati nell’ultimo grande scandalo sull’università italiana. Gli interessati si difenderanno nel processo e La Notizia a differenza di altri giornali di denuncia non deroga sul principio che si è tutti innocenti fino a una sentenza in cui si dica il contrario. Il coperchio che hanno…

Continua

Com’è democratico lei! Beppe Grillo ha figli e figliastri

Sarà pure il papà di tutti, come ha detto ieri a Rimini, ma Beppe Grillo non c’è dubbio che ha figli e figliastri. Alcuni se li è mangiati, forse per sperimentare l’effetto che fa vomitarli, come gli piacerebbe fare con i giornalisti. Basti pensare al sindaco di Parma, Pizzarotti, cacciato dal Movimento per aver ricevuto…

Continua

Siamo ricchi, qui è pieno di immigrati

Toh guarda! Se l’economia va un po’ meglio è merito anche degli immigrati. La notizia, che manderà la lettura dei giornali di traverso a un esercito di piccoli Salvini, non è l’invenzione di qualche Organizzazione non governativa smaniosa di tornare a pesca di disperati in mezzo al Mediterraneo. A certificare che i migranti creano ricchezza…

Continua