Un’inchiesta a due passi dal Quirinale

di Gaetano Pedullà

L’inchiesta su Mafia Capitale è sacrosanta, già zeppa di riscontri e tutt’altro che la bufala di cui preconcettualmente hanno parlato bravi giornalisti come Giuliano Ferrara o Piero Sansonetti. Il livello della corruzione a Roma era vastissimo e certi colleghi, oltre che essere garantisti con gli indagati, dovrebbero esserlo altrettanto con i cittadini traditi. A Roma si sono sperperate enormi risorse in cambio di servizi penosi. E soprattutto si è permesso a una consorteria che lega a doppio filo pezzi del ceto amministrativo, manager pubblici, portaborse di politici e personaggi di primo piano dei partiti insieme a criminali comuni ed esponenti dell’eversione nera. Una bella schifezza e chi non si indigna ha quantomeno qualche problema con il proprio livello di tollerabilità etica al malaffare. Fatta questa premessa, l’inchiesta – come ogni grande caso giudiziario agli inizi – sta mostrando un punto debole e un pericolo grandissimo. Il punto debole è il fondersi in un’unica melassa di notizie vere e verosimili insieme a millanterie e bugie raccontate palesemente per denigrare l’avversario politico.

La storia data ieri con grandissimo risalto dai maggiori quotidiani nazionali, che titolavano su presunte valige piene di soldi portate da Gianni Alemanno in Argentina, è emblematica. I giornali, a cominciare dal Corriere della Sera e Repubblica, prendevano per oro colato le confidenze di un signore adesso in carcere, Luca Odevaine, al telefono con altri due indagati, Mario Schina e Sandro Coltelacci. Le loro supposizioni, certamente inquietanti, erano però talmente prive di fondamento da costringere la Procura di Roma a specificare in un comunicato che su queste ipotesi non c’è nessun riscontro. In realtà, proprio chi scrive un riscontro l’aveva fornito poco prima intervenendo a una trasmissione televisiva de La7, per il semplice fatto di essere stato testimone oculare dell’arrivo di Alemanno a Buenos Aires in quella breve vacanza argentina. Alemanno non aveva che il suo normale bagaglio e poiché ci si recava direttamente in Patagonia, o ha seppellito quel presunto denaro in una buca dei ghiacciai millenari oppure semplicemente Odevaine raccontava ai suoi amici una bufala. Il lavoro del giornalista, che non esclude avere amicizia e frequentazioni con personaggi che fanno anche politica (che miseria chi pensa il contrario!) impone di raccontare i fatti, senza scegliere ideologicamente derive giustizialiste o garantiste. Se chi scrive è assolutamente convinto della necessità di andare avanti in questa inchiesta, lo è altrettanto sulla necessità che emerga la verità e non le illazioni di personaggi più o meno credibili al telefono.

COME TANGENTOPOLI

Il punto debole dell’intera vicenda sta dunque nell’intrecciarsi di notizie vere e di panzane che alla fine hanno l’effetto di smontare tutto. C’è poi il pericolo grandissimo di cui si parlava prima. Questo pericolo è quello di gonfiare a tal punto l’inchiesta da farne non una giusta indagine sulle responsabilità di chi ha commesso i reati contestati, ma un vero e proprio caso nazionale dal quale ripartire per tornare al clima del ’93, quello di Tangentopoli. A sottolinearlo è lo stesso capo dell’autorità anti corruzione, Raffaele Cantone, ieri in un’intervista su Repubblica. Un clima fatto del mix tra inchieste ed enfasi dei giornali, che alla fine darà il colpo di grazia alla credibilità della politica, delegittimandone il ceto e magari tirando la volata a un magistrato al Quirinale. E qui non è un segreto che nell’attuale scarsa agibilità della politica il prossimo presidente della Repubblica potrebbe essere quel Piero Grasso, ex apprezzato collega del Procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone. Ma avere sul Colle Grasso, persona degnissima sia ben chiaro, non significherebbe solo accettare un pieno ruolo di supplenza della magistratura sulla politica, bensì la resa stessa della politica alla magistratura. E in un Paese dove le istituzioni sono decadenti, negare a monte la separazione dei poteri (legislativo e giudiziario) ci proietterebbe inevitabilmente verso uno Stato di polizia. Forse non la peggiore delle ipotesi di fronte allo sfascio totale, ma sicuramente una sconfitta imperdonabile per chi ha di questo Paese ancora una visione liberale, di legittimità e separatezza dei poteri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La lobby del casello ha chiuso

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più…

Continua

Sulla Rai un conflitto scandaloso

Un Paese che non ha mai regolato sul serio i conflitti d’interesse tra politica e grandi capitali, c’è un caso che sta diventando grottesco per quanto è abnorme e scandalosamente alla luce del sole. L’azionista di riferimento del maggiore polo televisivo privato può permettersi di paralizzare la gestione della tv pubblica, protetto da una delle …

Continua

Un Governo più forte dei mercati

Peccato che alla lotteria del Governo non sia spuntato il bussolotto del prof. Sapelli, che nell’intervista al nostro giornale di oggi traccia un quadro lucidissimo sullo scenario economico che ci aspetta, partendo dal fatto che il Decreto dignità è solo la prima medicina di una cura ben più lunga e dolorosa. Indovinare la terapia però…

Continua

Riforme, non gettarle in caciara

Il Governo del cambiamento andrebbe ribattezzato del rimbecillimento se si sognasse di riformare il Paese senza dare una priorità alle cose necessarie. Un concetto chiaro a Di Maio e Salvini, che infatti nei primi due mesi da ministri hanno messo in cascina il Decreto dignità e il cambio di strategia sui migranti. Parallelamente però ci…

Continua

Sulla Rai è solo un teatrino

La coerenza si sa che in politica è merce rara. E per questo davvero pochi si stupirebbero se gli alleati di oggi diventassero i nemici di domani per poi tornare d’amore e d’accordo dopodomani. Lo strappo consumato nel Centrodestra per la presidenza della Rai non è dunque la bomba di cui parlano molti analisti politici,…

Continua

Siamo primi sul podio del ridicolo

Prima ancora di cominciare, abbiamo già vinto la medaglia olimpica del ridicolo. I giochi invernali del 2026 ci offrono la possibilità di metterci in mostra su una delle più belle vetrine internazionali e noi ci presentiamo non con una ma con tre città ospitanti, comunicando al mondo intero che non sappiamo neppure metterci d’accordo tra…

Continua

Tv pubblica ostaggio del Cavaliere

A meno che la notte non porti consiglio, stamattina Forza Italia affonderà in Commissione di vigilanza della Rai la designazione del giornalista Marcello Foa alla presidenza di Viale Mazzini. Così si rischia un precedente unico al mondo: il partito di un signore che controlla il maggior gruppo televisivo privato decide pure chi sta in sella…

Continua

Decolla la buona politica

La foto dei ministri Di Maio e Toninelli che scendono dall’aereo diventato simbolo degli sprechi del Governo Renzi resterà nella nostra memoria più di montagne di parole. Quell’Airbus è costato tra leasing e manutenzione 140 milioni, e considerando che non ha quasi mai volato è stato certamente un acquisto non all’altezza delle brillanti operazioni dell’allora…

Continua

Sul binario c’è la politica industriale

Diciamo la verità: a ridurre l’Italia come vediamo non è stato un popolo di incapaci e lavativi. Tiriamo la cinghia a causa dell’antica incapacità di produrre uno straccio di politica industriale. Il Paese è cresciuto spontaneamente, con lo Stato che foraggiava un po’ a destra e un po’ a sinistra la grande industria, indipendentemente dal…

Continua

Così rinasce l’orgoglio di un Paese

Sarà che i Parlamenti un giorno non serviranno a niente, come immagina visionariamente Casaleggio jr. Oppure che la tecno-ideologia non prevarrà, per i motivi che spiega brillantemente Ezio Mauro. Ma oggi la democrazia ha luoghi e rituali che sanno di vetusto, di lento e inefficace. Nell’epoca della comunicazione istantanea, seppure in un Paese come il…

Continua