Un’inchiesta a due passi dal Quirinale

di Gaetano Pedullà

L’inchiesta su Mafia Capitale è sacrosanta, già zeppa di riscontri e tutt’altro che la bufala di cui preconcettualmente hanno parlato bravi giornalisti come Giuliano Ferrara o Piero Sansonetti. Il livello della corruzione a Roma era vastissimo e certi colleghi, oltre che essere garantisti con gli indagati, dovrebbero esserlo altrettanto con i cittadini traditi. A Roma si sono sperperate enormi risorse in cambio di servizi penosi. E soprattutto si è permesso a una consorteria che lega a doppio filo pezzi del ceto amministrativo, manager pubblici, portaborse di politici e personaggi di primo piano dei partiti insieme a criminali comuni ed esponenti dell’eversione nera. Una bella schifezza e chi non si indigna ha quantomeno qualche problema con il proprio livello di tollerabilità etica al malaffare. Fatta questa premessa, l’inchiesta – come ogni grande caso giudiziario agli inizi – sta mostrando un punto debole e un pericolo grandissimo. Il punto debole è il fondersi in un’unica melassa di notizie vere e verosimili insieme a millanterie e bugie raccontate palesemente per denigrare l’avversario politico.

La storia data ieri con grandissimo risalto dai maggiori quotidiani nazionali, che titolavano su presunte valige piene di soldi portate da Gianni Alemanno in Argentina, è emblematica. I giornali, a cominciare dal Corriere della Sera e Repubblica, prendevano per oro colato le confidenze di un signore adesso in carcere, Luca Odevaine, al telefono con altri due indagati, Mario Schina e Sandro Coltelacci. Le loro supposizioni, certamente inquietanti, erano però talmente prive di fondamento da costringere la Procura di Roma a specificare in un comunicato che su queste ipotesi non c’è nessun riscontro. In realtà, proprio chi scrive un riscontro l’aveva fornito poco prima intervenendo a una trasmissione televisiva de La7, per il semplice fatto di essere stato testimone oculare dell’arrivo di Alemanno a Buenos Aires in quella breve vacanza argentina. Alemanno non aveva che il suo normale bagaglio e poiché ci si recava direttamente in Patagonia, o ha seppellito quel presunto denaro in una buca dei ghiacciai millenari oppure semplicemente Odevaine raccontava ai suoi amici una bufala. Il lavoro del giornalista, che non esclude avere amicizia e frequentazioni con personaggi che fanno anche politica (che miseria chi pensa il contrario!) impone di raccontare i fatti, senza scegliere ideologicamente derive giustizialiste o garantiste. Se chi scrive è assolutamente convinto della necessità di andare avanti in questa inchiesta, lo è altrettanto sulla necessità che emerga la verità e non le illazioni di personaggi più o meno credibili al telefono.

COME TANGENTOPOLI

Il punto debole dell’intera vicenda sta dunque nell’intrecciarsi di notizie vere e di panzane che alla fine hanno l’effetto di smontare tutto. C’è poi il pericolo grandissimo di cui si parlava prima. Questo pericolo è quello di gonfiare a tal punto l’inchiesta da farne non una giusta indagine sulle responsabilità di chi ha commesso i reati contestati, ma un vero e proprio caso nazionale dal quale ripartire per tornare al clima del ’93, quello di Tangentopoli. A sottolinearlo è lo stesso capo dell’autorità anti corruzione, Raffaele Cantone, ieri in un’intervista su Repubblica. Un clima fatto del mix tra inchieste ed enfasi dei giornali, che alla fine darà il colpo di grazia alla credibilità della politica, delegittimandone il ceto e magari tirando la volata a un magistrato al Quirinale. E qui non è un segreto che nell’attuale scarsa agibilità della politica il prossimo presidente della Repubblica potrebbe essere quel Piero Grasso, ex apprezzato collega del Procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone. Ma avere sul Colle Grasso, persona degnissima sia ben chiaro, non significherebbe solo accettare un pieno ruolo di supplenza della magistratura sulla politica, bensì la resa stessa della politica alla magistratura. E in un Paese dove le istituzioni sono decadenti, negare a monte la separazione dei poteri (legislativo e giudiziario) ci proietterebbe inevitabilmente verso uno Stato di polizia. Forse non la peggiore delle ipotesi di fronte allo sfascio totale, ma sicuramente una sconfitta imperdonabile per chi ha di questo Paese ancora una visione liberale, di legittimità e separatezza dei poteri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Il carbone bagnato dei francesi. Macron voleva imitare Napoleone, ma riesce ad esserne solo una caricatura grottesca

Voleva imitare Napoleone, ma riesce ad esserne solo una caricatura grottesca. Il presidente Macron che convoca l’ambasciatrice italiana a Parigi è infatti quanto di più lontano possa esserci da un leader con la visione dei problemi del mondo. Offeso perché Di Maio e Di Battista gli ricordano che in Africa i francesi si fanno da…

Continua

Il Reddito di cittadinanza e la guerra tra poveri

Già alle origini del nostro Stato era prevedibile che aver fatto l’Italia non sarebbe bastato a fare gli italiani. Il Paese del campanili, sempre diviso tra Orazi e Curiazi, Guelfi e Ghibellini, laziali e romanisti, e qui potremmo non fermarci più, non ha mai nascosto troppo bene il malessere della convivenza sotto un tetto comune.…

Continua

Due idee sul nostro futuro legate alla fortuna politica di M5S e Lega

Per essere incompetenti, nuovi barbari e buoni solo a litigare tra loro, Cinque Stelle e Lega sono stati piuttosto bravini a realizzare due riforme epocali come il Reddito di cittadinanza e Quota cento. In un Paese ingessato dalla mancanza di idee, di coraggio, di immaginazione del futuro, queste sono le due più importanti novità viste…

Continua

La stampa militante si è smarrita. Ormai pensa solo a mettere in cattiva luce l’Esecutivo

Una delle prime cose facili facili che si insegnano agli studenti di diritto è l’interpretazione autentica del legislatore. Per chi non ha calcato le aule delle Università, si tratta del parere che è possibile chiedere direttamente alla fonte della legge, cioè il Parlamento, nel caso in cui sorgano equivoci sul significato di una norma. Una…

Continua

La lezione della Brexit. Dalla tela di ragno di Bruxelles non c’è modo di uscire

Doveva essere un matrimonio d’amore o alla peggio d’interesse, e invece per molti Paesi l’Unione europea è diventata un costoso ménage, da cui per di più è impossibile divorziare. Il catastrofico verdetto del Parlamento di Londra alla Brexit negoziata dalla premier Theresa May è la prova che da questa tela di ragno non c’è modo…

Continua

Finito il principio per cui chi ha ucciso in nome di ideali comunisti e rivoluzionari non ne risponde

Preso Battisti, a sentire certi sapientoni di Sinistra il Governo ha strumentalizzato l’occasione per fare un po’ di passerella. Ci avesse pensato qualcun altro prima, la foto opportunity sarebbe stata diversa. Il punto è che nessuno è riuscito ad acchiappare prima questo assassino perché c’è una parte politica che ne ha coperto per 37 anni…

Continua

La legittima difesa del Governo

A leggere i giornali di ieri sembrava di vivere in due mondi diversi. Ad eccezione della Notizia e della Verità su tutti gli altri c’erano pagine e pagine sul logoramento della maggioranza, retroscena di veti incrociati su Reddito di cittadinanza e Quota cento, persino le previsioni di una imminente secessione di Salvini da Di Maio.…

Continua

La grande bufala del Governo sotto a un treno

Neanche il tempo di smentire la bufala dell’imminente caduta del Governo per i migranti sbarcati a Malta che ecco nuovi clamorosi scoop sui giornali dello sfascio. Grillo si è convertito ai vaccini come Renzi e Burioni, Lega e Cinque Stelle sono alla rottura totale su Tav e trivelle, il Reddito di cittadinanza slitta perché c’è…

Continua

La fermezza non dimentichi l’umanità

Troppo preso dalle grandi manovre dei partiti sovranisti in Europa, Matteo Salvini si è accorto solo ieri in Polonia che il Governo di cui è vicepremier è coinvolto da giorni in una trattativa per non far pagare ai 49 disperati a largo di Malta tutte le responsabilità e le contraddizioni di Bruxelles sui migranti. Furibondo…

Continua

Le nomine al Consiglio superiore di Sanità. Ipocrisia su politica e scienza

Parlano di scienza ma la storia che ci raccontano è di fantascienza. Ieri un manipolo di parlamentari del Pd, la loro gazzetta di riferimento – la Repubblica – e qualche professorone di complemento si sono indignati per la richiesta della ministra Grillo di sapere se i luminari che deve nominare nel prossimo Consiglio superiore di…

Continua