Un’inchiesta a due passi dal Quirinale

di Gaetano Pedullà

L’inchiesta su Mafia Capitale è sacrosanta, già zeppa di riscontri e tutt’altro che la bufala di cui preconcettualmente hanno parlato bravi giornalisti come Giuliano Ferrara o Piero Sansonetti. Il livello della corruzione a Roma era vastissimo e certi colleghi, oltre che essere garantisti con gli indagati, dovrebbero esserlo altrettanto con i cittadini traditi. A Roma si sono sperperate enormi risorse in cambio di servizi penosi. E soprattutto si è permesso a una consorteria che lega a doppio filo pezzi del ceto amministrativo, manager pubblici, portaborse di politici e personaggi di primo piano dei partiti insieme a criminali comuni ed esponenti dell’eversione nera. Una bella schifezza e chi non si indigna ha quantomeno qualche problema con il proprio livello di tollerabilità etica al malaffare. Fatta questa premessa, l’inchiesta – come ogni grande caso giudiziario agli inizi – sta mostrando un punto debole e un pericolo grandissimo. Il punto debole è il fondersi in un’unica melassa di notizie vere e verosimili insieme a millanterie e bugie raccontate palesemente per denigrare l’avversario politico.

La storia data ieri con grandissimo risalto dai maggiori quotidiani nazionali, che titolavano su presunte valige piene di soldi portate da Gianni Alemanno in Argentina, è emblematica. I giornali, a cominciare dal Corriere della Sera e Repubblica, prendevano per oro colato le confidenze di un signore adesso in carcere, Luca Odevaine, al telefono con altri due indagati, Mario Schina e Sandro Coltelacci. Le loro supposizioni, certamente inquietanti, erano però talmente prive di fondamento da costringere la Procura di Roma a specificare in un comunicato che su queste ipotesi non c’è nessun riscontro. In realtà, proprio chi scrive un riscontro l’aveva fornito poco prima intervenendo a una trasmissione televisiva de La7, per il semplice fatto di essere stato testimone oculare dell’arrivo di Alemanno a Buenos Aires in quella breve vacanza argentina. Alemanno non aveva che il suo normale bagaglio e poiché ci si recava direttamente in Patagonia, o ha seppellito quel presunto denaro in una buca dei ghiacciai millenari oppure semplicemente Odevaine raccontava ai suoi amici una bufala. Il lavoro del giornalista, che non esclude avere amicizia e frequentazioni con personaggi che fanno anche politica (che miseria chi pensa il contrario!) impone di raccontare i fatti, senza scegliere ideologicamente derive giustizialiste o garantiste. Se chi scrive è assolutamente convinto della necessità di andare avanti in questa inchiesta, lo è altrettanto sulla necessità che emerga la verità e non le illazioni di personaggi più o meno credibili al telefono.

COME TANGENTOPOLI

Il punto debole dell’intera vicenda sta dunque nell’intrecciarsi di notizie vere e di panzane che alla fine hanno l’effetto di smontare tutto. C’è poi il pericolo grandissimo di cui si parlava prima. Questo pericolo è quello di gonfiare a tal punto l’inchiesta da farne non una giusta indagine sulle responsabilità di chi ha commesso i reati contestati, ma un vero e proprio caso nazionale dal quale ripartire per tornare al clima del ’93, quello di Tangentopoli. A sottolinearlo è lo stesso capo dell’autorità anti corruzione, Raffaele Cantone, ieri in un’intervista su Repubblica. Un clima fatto del mix tra inchieste ed enfasi dei giornali, che alla fine darà il colpo di grazia alla credibilità della politica, delegittimandone il ceto e magari tirando la volata a un magistrato al Quirinale. E qui non è un segreto che nell’attuale scarsa agibilità della politica il prossimo presidente della Repubblica potrebbe essere quel Piero Grasso, ex apprezzato collega del Procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone. Ma avere sul Colle Grasso, persona degnissima sia ben chiaro, non significherebbe solo accettare un pieno ruolo di supplenza della magistratura sulla politica, bensì la resa stessa della politica alla magistratura. E in un Paese dove le istituzioni sono decadenti, negare a monte la separazione dei poteri (legislativo e giudiziario) ci proietterebbe inevitabilmente verso uno Stato di polizia. Forse non la peggiore delle ipotesi di fronte allo sfascio totale, ma sicuramente una sconfitta imperdonabile per chi ha di questo Paese ancora una visione liberale, di legittimità e separatezza dei poteri.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Flavio Insinna e tutti noi fessi come lui

Ma come? Con il G7 che comincia, con le bombe all’ex premier in Grecia e le stragi di bambini buoni a Manchester e dei bambini altri nel Mediterraneo, vogliamo occuparci del signor Flavio Insinna e della brutta figura che ha fatto nei fuori onda trasmessi da Striscia la Notizia? Sì, ce ne occupiamo perché questa…

Continua

Sciacalli e buonisti pari sono

L’Isis festeggia. Un altro tassello del mosaico d’odio che raffigura la guerra all’Occidente è andato vigliaccamente al suo posto. In Inghilterra l’orrore si è riversato sui giovanissimi, la generazione più aperta all’integrazione e allo scambio culturale tra i popoli. I ragazzi francesi (e di mezza Europa) al Bataclan di Parigi e i teenager del concerto…

Continua

Viale Mazzini, la solita telenovelas

Niente male vedere Trump a Gerusalemme mentre si appoggia al Muro del pianto. Visto quello che vuole fare con il Messico, sembra che ne collaudi la robustezza per costruirne di simili. In Italia però non c’è da ridere. Un po’ perché l’economia va più lenta rispetto a tutto il resto d’Europa, ma soprattutto perché la…

Continua

Nodo fatale tra politica e banche

Se avesse cambiato veramente mestiere, come sostiene Matteo Renzi, l’ex direttore di Corsera e Sole 24Ore Ferruccio De Bortoli avrebbe dimostrato un gran fiuto anche come addetto al marketing librario, oltre che come giornalista. L’episodio dell’allora ministro Maria Elena Boschi che intercede con l’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, per fargli comprare la Banca Etruria…

Continua

Una politica che abdica ai magistrati

In un Paese civile la politica fa le leggi e i magistrati le applicano. Da noi c’è poco da fare. La politica è debole e lenta. Se si muove lo fa solo per le sue battaglie di potere e anche per questo è sempre più distante dai cittadini. Nel vuoto normativo – il che ha…

Continua

L’altra rotta dei missili contro Matteo

Ferruccio De Bortoli è un grande giornalista, amato dai poteri forti che non erano in vacanza quando è stato nominato due volte alla direzione del Corsera. Poteri forti che sui pasticci delle nostre banche la sanno lunga, anche per aver concesso il fiume di miliardi finiti poi in fumo, con il conto lasciato a migliaia…

Continua

Raggi manda Zingaretti al cassonetto

Ce l’hanno tanto con le fake news ma non c’è giorno che non ne inventino una. I giornalisti del New York Times ancora ridono dopo che Beppe Grillo li ha sostanzialmente definiti degli impostori per un articolo sui vaccini. Non è vero che i Cinque Stelle sono contrari, ha strillato l’ex comico, bollando la notizia…

Continua

Alitalia, facciamo volare la prodigalità

Quando c’è di mezzo l’Alitalia la regola è non badare a spese. Da sempre, nei suoi settanta anni di storia, la Compagnia ha vissuto al di sopra delle sue e delle nostre possibilità. Perché questa azienda l’abbiamo pagata e ripagata tante volte. Gli sprechi e l’abbraccio mortale con la politica l’hanno ridotta nella situazione che…

Continua

Informazione mai tanto in ostaggio

Queste sì che sono soddisfazioni. L’Italia guadagna 25 posizioni nella classifica più farlocca del pianeta: sulla libertà di stampa siamo passati dal 77 al 52esimo posto. Un balzo in avanti che già da solo la dice lunga su come è compilata questa graduatoria. E d’altra parte chi può battere i giornalisti sul terreno delle fake…

Continua

Battaglia oscurantista sulla salute

Non c’è niente di più oscurantista delle guerre di religione. Se Mao definiva le fedi l’oppio dei popoli, non serve un approccio particolarmente laico e ragionante per definire folli quei sedicenti martiri che si fanno esplodere in odiosi attentati o si fanno ammazzare dopo aver affidato ai loro kalashnikov la nuova semina di odio e…

Continua