I genitori del piccolo Alfie trattano con i medici per portarlo a casa. Il padre: “Non ha più bisogno di cure intensive”

dalla Redazione
Cronaca

Il padre del piccolo Alfie Evans, affetto da una rara malattia neurodegenerativa, dice che oggi ci sarà un incontro con i medici per discutere di portare a casa suo figlio. Sky News riferisce che Tom Evans ha detto ai giornalisti davanti all’ospedale Alder Hey di Liverpool che suo figlio non ha più bisogno di essere in terapia intensiva. “Siamo stati respinti ieri per andare in Italia, purtroppo”, ha detto. “Potremmo spingerci oltre, ma sarebbe la cosa giusta da fare, ci sarebbero più critiche? Quindi quello che facciamo oggi è un incontro con i medici di Alder Hey e ora iniziamo a chiedere di andare a casa”.

Tom Evans ha aggiunto: “Alfie non ha più bisogno di cure intensive”. Il bambino “è sdraiato sul letto con un litro di ossigeno che entra nei suoi polmoni e il resto è lui. Alcuni dicono che è un miracolo, non è un miracolo, è una diagnosi errata”. Evans ha sottolineato che suo figlio è stato staccato dalla ventilazione forzata tre giorni fa e non mostra segni di deterioramento. “Non si è svegliato, è ancora un po’ debole, ma quello che chiediamo è di andare a casa a sostenere la sua vita”, ha detto.

Il padre di Alfie ha detto che i medici di Alder Hey potrebbero essere “sbagliati” e ha aggiunto: “Alfie vive, comodamente, felicemente, senza ventilazione, senza alcuna forma di ventilazione”.

L’ospedale di Liverpool in cui è ricoverato Alfie sta facendo ciò che è “umanamente possibile” per lui e “sono grato per la cura medica e spirituale che Alfie sta ricevendo”, ha affermato l’arcivescovo di Liverpool, Malcom McMahon, che ha parlato con il sito cattolico The Tablet a Roma, dopo il colloquio avuto mercoledì con Papa Francesco a margine dell’udienza generale in Piazza San Pietro. Il prelato ha smorzato le polemiche sul mancato trasferimento di Alfie in Italia, assicurando che “il sistema medico e legale nel Regno Unito sono fondati sulla compassione e la salvaguardia dei diritti del bambino”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *