Il Campidoglio sgombera altre 8 ville del clan Casamonica nella periferia est della Capitale. Raggi: “Giornata storica”

dalla Redazione
Cronaca

A Roma sgombrate e abbattute altre otto villette abusive del clan Casamonica. All’alba maxi operazione del Campidoglio con l’impiego di 600 uomini della Polizia Locale. Le ville si trovano tutte nella periferia est della Capitale. “Quella di oggi – ha detto la sindaca Virginia Raggi – è una giornata storica per la città di Roma e per i romani. Mettiamo fine a anni di illegalità e inviamo un segnale forte alla criminalità e al clan Casamonica, sgomberando e abbattendo otto villette abusive nella periferia est di Roma”.

“L’amministrazione – ha aggiunto la sindaca – si è impegnata come mai è successo nella sua storia recente: per 10 mesi abbiamo pianificato questa operazione che vede l’impegno di ben 600 uomini della Polizia Locale. Ho voluto partecipare alle operazioni di sgombero e abbattimento per manifestare la presenza delle Istituzioni al fianco dei cittadini nella lotta all’illegalità e alla criminalità. Noi non abbassiamo lo sguardo. Si tratta dell’operazione più imponente contro la criminalità mai realizzata dai caschi bianchi di Roma. Quelle villette – ha aggiunto Raggi – erano da 30 anni lì, realizzate in palese violazione di regolamenti edilizi, vincoli paesaggistici, ferroviari ed archeologici. Alcune case avevano persino inglobato interi tratti dello storico acquedotto felice. Sono state utilizzati 20 mezzi per gli abbattimenti. Quelle villette erano diventate il simbolo dell’illegalità e dell’impotenza di fronte alla malavita. Abbiamo cancellato soprattutto questo”.

A via del Quadraro, al momento del blitz, era presente anche il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “L’abbattimento delle villette dei Casamonica, atteso da molti anni, è un ottimo segnale, – ha commentato il vicepremier – e siamo solo all’inizio. Per i delinquenti la pacchia è finita”.

Nel corso dell’operazione la Raggi è stata oggetto di insulti, anche sessisti, da parte di alcuni dei residenti dei manufatti abusivi. Nelle villette gli agenti hanno trovato soffitti dipinti, tende dorate, statue di tigri e di cavalli. “Arredamenti sfarzosi o apparentemente sfarzosi”, ha spiegato il comandante della polizia locale di Roma Antonio Di Maggio.