Il Parma resta in serie A. Ma partirà da -5. Per il Tribunale federale quello di Calaiò fu un tentato iillecito. Il calciatore squalificato per due anni. Il club annuncia il ricorso

dalla Redazione
Sport

Il Parma giocherà il prossimo campionato di serie A ma partendo da -5 mentre Emanuele Calaiò dovrà scontare due anni di squalifica. Questa la sentenza del Tribunale Nazionale Federale sui fatti relativi a Spezia-Parma, gara valida per l’ultima giornata dello scorso torneo di serie B.

“Ebbene – si legge nel comunicato del Tribunale federale nazionale presieduto dall’avvocato Mario Antonio Scino – alla luce dei principi testé enunciati, questo Tribunale ritiene provato che Calaiò, nell’inviare all’ex compagno De Col i messaggi in questione, abbia posto in essere il tentativo di illecito previsto dall’art. 7, comma 1, CGS, irrilevante essendo che, nello specifico, a tutto voler concedere, questi possa essersi riferito unicamente alla propria incolumità fisica. E’ di tutta evidenza, invero, che anche la sollecitazione e/o l’invito ad omettere interventi di gioco sulla propria persona, ove accolta, possa ritenersi idonea, quanto meno in termini di tentativo, ad alterare l’andamento e/o lo svolgimento della gara”.

La Procura federale aveva chiesto per il Parma due punti di penalizzazione da scontare nel campionato di B 2017-18 – che avrebbe determinato la perdita della promozione diretta a vantaggio del Palermo – o in subordine sei punti da scontare nella prossima stagione in Serie A. Calaiò, che era accusato di tentato illecito ex articolo 7 del codice di giustizia sportiva per alcuni messaggi inviati via Whatsapp agli ex compagni di squadra Filippo De Col e Claudio Terzi in cui sembrava invitarli a non impegnarsi troppo nella gara contro il Parma, dovrà anche pagare un’ammenda da 20 mila euro a fronte di una richiesta di 4 anni di squalifica e 50 mila euro di multa.

Il Parma, però, non si accontenta: “Riteniamo abnorme la condanna del nostro tesserato Emanuele Calaiò rispetto ai fatti all’origine del deferimento e iniqua, illogica ed in contrasto con la recente giurisprudenza sportiva la pesantissima penalizzazione per responsabilità oggettiva inflitta alla nostra società. Confidiamo – si legge in una nota – che la totale estraneità del Parma a ogni comportamento meno che lecito venga riconosciuta già dalla Corte Federale di Appello, a cui ricorreremo in tempi brevissimi, nell’auspicio di trovare giustizia”.
(ITALPRESS).