La tv sforna talenti, ma poi restano a spasso

Di Marcello Villella
X-Factor, Amici, The winner is… Ora anche The voice. I talent spopolano in tv. Ma non sempre i vincitori riescono ad avere un futuro da star. Se qualcuno sale sul palcoscenico di Sanremo, c’è qualcun altro che sparisce anche dalle feste di paese. Eppure in tv tutti ricercano nuovi talenti canori. Addirittura è stato scongelato lo storico Festival di Castrocaro (che sta in queste settimane tenendo le prime selezioni in tutta Italia in vista della finale del 12 luglio su Raiuno), il nuovo programma di Milly Carlucci “Altrimenti ci arrabbiamo” (adattamento del format britannico Born to shine, da aprile su Raiuno, in cui il canto avrà una grande importanza).
Negli ultimi anni infatti di fronte ai pochi, anzi pochissimi, che sono riusciti a mantenere e a consolidare il loro successo, sono in molti ad essere velocemente tornati nell’ombra o che faticano per mantenersi a galla.
Il podio canoro dell’ultima edizione di Amici, Gerardo Pulli-Ottavio De Stefano-Carlo Alberto Di Micco, è passato velocemente lasciando pochissime tracce dietro di sé, così come del recentissimo X-Factor, a parte la vincitrice Chiara Galiazzo, ricordiamo (e sentiamo) ben poco. Per non citare i “prescelti” dei talent meno importanti: la carriera di Daniela Ciampitti, vincitrice lo scorso dicembre di “The Winner is….” e di un relativo contratto discografico con la Universal, non è purtroppo mai decollata.
Probabilmente i talent cominciano ad essere troppi anche per la stessa industria discografica: si fa fatica a star dietro a tutti i nuovi cantanti che ogni anno finiscono per ingrossare i loro rosters (meno frequentemente ahimè i bilanci), i contratti faraonici promessi (300.000 euro quello per i vincitori di X Factor) spesso sono tali solo sulla carta per una industria che fa i conti con la crisi, e anche gli spettacoli dal vivo segnano spesso il passo con scarse richieste e ancor meno spettatori paganti (e se questo vale anche per artisti più affermati come Valerio Scanu vincitore del Festival di Sanremo nel 2010, figuriamoci per gli altri…).
Insomma trovare una nuova Emma Marrone o un nuovo Marco Mengoni sembra essere una ricerca sempre più difficile. Indipendentemente dalla loro Voice.

  • Sara

    Ce ne sono tantissimi che sono giá spariti e dimenticati !