C’è un Pardo sulla via di Cairo. A La7 si pensa allo sport e all’estate con In Onda. Rai, Verdelli non piace solo a Renzi ma pure al Colle

di Marco Castoro
Tv e Media

di Marco Castoro

Metti Urbano Cairo in uno studio televisivo e tutti gli opinionisti fanno a gara per fare bella figura al suo cospetto. A Tiki Taka (9,23% di share), oltre al presidente del Torino, c’erano Luca Telese, Giuseppe Cruciani e Tommaso Labate. Il primo, soprattutto, si è battuto come un leone per difendere i torti subiti dal Toro nel derby con la Juve, ripetendo più volte “Ha ragione il presidente”. Cairo è apparso molto più tranquillo e moderato dell’ultras Telese (peraltro tifoso della Roma). Ha strizzato l’occhiolino al suo pupillo Labate e senza dare troppo nell’occhio ha dimostrato di divertirsi molto con la conduzione Pardo, che resta un sogno proibito di La7. Pardo e Telese sono due dei conduttori che in questo periodo stanno al centro della scena. Nella prossima stagione potrebbero cambiare palcoscenico. L’impressione avuta è che a Cairo non dispiacerebbe affidare a Pardo il Tiki Taka di La7, nuovo di zecca. Mentre il conduttore, seppure lusingato, avrebbe qualche timore dovuto al rischio di perdere share. Per quanto riguarda Telese non è da escludere il suo ritorno a La7, magari alla guida di In Onda. In fondo ha lasciato un buon ricordo, quando assieme a Nicola Porro ha condotto il programma. Come un buon ricordo hanno lasciato pure i quattro conduttori dell’ultima edizione estiva. La doppia coppia Paragone-Barra e Labate-Parenzo ha fatto molto bene nei mesi di luglio e agosto. Tutto fa pensare a una conferma in blocco. Anche perché due mesi di seguito con gli stessi conduttori è pesante. Meglio il cambio della guardia per dare un po’ di freschezza. Paragone-Barra hanno avuto una stagione particolare. Il conduttore de La Gabbia non è stato artefice di grandi exploit negli ascolti, però ha portato a casa molto pubblico dai social. La Barra ha fatto l’opinionista contesa in giro per i programmi. L’abbiamo vista girovagare per Mattino 5, La Vita in diretta, Lo speciale Sanremo, Torto o ragione, Il Processo del Lunedì, Maggioranza assoluta, Tv talk e la stessa Gabbia. Non si è certo annoiata. Anche la coppia Parenzo-Labate si è tolta belle soddisfazioni. Ha saputo conquistarsi pure uno spazio invernale. Insomma, Cairo come talent scout dei conduttori di In Onda può fare concorrenza al Torino di Ventura che negli ultimi anni ha valorizzato Immobile, Cerci, Darmian, Maksimovic, Peres.

VERDELLI SANTO SUBITO
Non solo Campo Dall’Orto (e quindi Renzi) ma anche dal Quirinale hanno una grande stima di Carlo Verdelli, il direttore destinato a cambiare l’informazione Rai. Per il diretto interessato un mandato con la strada tutta in discesa.

CARELLI IL MASTER
L’ex direttore e fondatore di SkyTg24 (nonché del Tg5) Enrico Carelli, lasciata l’eredità del suo tiggì a Sarah Varetto, è in prima linea con i Master della Lumsa. Assieme a Carlo Chianura (La Repubblica) dirige una nuova edizione del corso di giornalismo della durata di due anni, che consentirà ai partecipanti di accedere all’esame di Stato per l’iscrizione all’Albo dei Giornalisti Professionisti. Si comincia il 30 aprile 2016. Massimo 30 iscritti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *