Nuove frontiere per i cybereati, violata la pec. Bucato per la prima volta il muro della sicurezza sulle e-mail certificate. Una banda di cinque persone beccata in Calabria

dalla Redazione
Cronaca

Una maxi truffa informatica per oltre un milione e 200 mila euro. I pirati informatici riuscivano a inserirsi nella comunicazioni tra clienti e banche e a impossessarsi delle credenziali d’accesso dei titolari dei conti corrente per disporre una serie di operazioni a favore di persone che facevano parte dell’organizzazione criminale. A mettere fine alla truffa l’operazione dei carabinieri di Messina che hanno arrestato cinque persone accusate ora di associazione per delinquere finalizzata alla frode informatica, accesso abusivo a sistema informatico o telematico e sostituzione di persona. L’indagine ha portato anche al sequestro di 31 tra conti correnti e depositi bancari per un valore di oltre un milione e 200mila euro. Nel corso dell’indagine denominata “fraudatores”, gli investigatori hanno accertato che i 5 arrestati erano in grado di modificare sui principali siti web istituzionali gli indirizzi di posta elettronica certificata di alcune tra le maggiori banche italiane e straniere, sostituendole con altri indirizzi pec simili. Tra gli arrestati ci sono il 37enne calabrese Giuseppe Cesare Tricarico, considerato il capo dell’organizzazione, e il 33enne fratello Davide (entrambi erano agli arresti domiciliari), il 35enne Nicola Ameduri e il 54enne Nicodemo Porporino, e l’abruzzese 35enne Antonello Cancelli. Sono moltissimi i casi documentati delle truffe. Basti pensare che dal conto corrente di una donna milanese la banda ha fatto partire un bonifico da ben 49 mila euro.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *