Un test genetico potrebbe svelare se una persona rischia di essere colpita da un attacco cardiaco. Team di ricercatori dell’Università di Leicester ha analizzato 1,7 milioni di varianti genetiche

dalla Redazione
Salute

Un nuovo test genetico potrebbe svelare se una persona rischia di essere colpita da un attacco cardiaco. È quanto emerge da uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology da un team internazionale di ricercatori dell’Università di Leicester, secondo cui il nuovo esame potrebbe quindi essere impiegato per effettuare lo screening dell’intera popolazione. Per sviluppare il test, chiamato Genomic risk score (Grs), i ricercatori hanno analizzato 1,7 milioni di varianti genetiche. Hanno così messo a punto un metodo che ricerca modelli genetici piuttosto che un singolo gene ereditario. Secondo gli autori della ricerca, l’impiego del test potrebbe aiutare a individuare i pazienti che pur non presentando i fattori di rischio tradizionali potrebbero avere un’ischemia.