Obbligate a prostituirsi con i riti vodoo. Arrestati a Trento quattro nigeriani richiedenti asilo per tratta di essere umani finalizzata alla prostituzione

dalla Redazione
Cronaca
Trento

La Polizia di Trento ha arrestato quattro cittadini nigeriani, tutti richiedenti asilo, per tratta di esseri umani finalizzata allo sfruttamento della prostituzione, riduzione in schiavitù e immigrazione clandestina.

Le ragazze, di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, venivano reclutate in Nigeria con la falsa promessa di un lavoro in Europa e sottoposte a rito voodoo, in modo che fossero vincolate al pagamento del debito, circa 30mila euro le spese per raggiungere l’Italia.

A turno venivano imbarcate a Sebhrat e Tripoli sui barconi e trasferite in Italia, dove, nella maggior parte dei casi venivano fermate e condotte nei centri di accoglienza. Uscite dai centri accoglienza, venivano trasferite a destinazione in appartamenti sotto il controllo dell’organizzazione criminale.