Olanda roccaforte d’Europa. Il premier Rutte vince le elezioni, i risultati delle urne non premiano l’anti-Ue Wilders

dalla Redazione
Mondo

Niente effetto Brexit questa volta: le urne hanno fatto tirare un sospiro di sollievo all’Unione europea. Gli ultimi sondaggi, infatti, avevano previsto bene i risultati delle elezioni in Olanda. E avevano evidenziato la rimonta del premier liberale Mark Rutte, che ha infatti ottenuto la maggioranza: il suo partito, Vvd, ha conquistato 33 seggi. Certo, rispetto alle ultime elezioni ha comunque perso qualche deputato (ne aveva 41), ma la flessione non è stata il crollo che gli analisti preventivavano nei mesi scorsi. E soprattutto il responso degli elettori gli consentirà di restare primo ministro.

Per il Pvv, l’estrema destra olandese guidata da Geert Wilders, le elezioni sono state amare, nonostante la crescita dei consensi: alla Camera ci saranno infatti 20 rappresentanti, con un +6 in confronto a prima. Eppure la sensazione è quella di una sconfitta, visto che fino a qualche settimana fa Wilders ambiva addirittura a diventare il premier. Alle spalle del leader islamofobo si sono piazzati i democristiani del Cda e i liberali di sinistra del D66 ottenendo 19 seggi, che quasi sicuramente entreranno nella coalizione di governo. Rutte, infatti, ha la necessità di arrivare alla soglia di 76 deputati per formare una maggioranza. Le trattative includeranno sicuramente molti partiti minori, che sono riusciti a entrare nella Camera bassa.

L’ascesa dei GroenLinks, sotto la leadership carismatica di Jesse Klaver, è stata forte come previsto con la conquista di 14 seggi, esattamente come la Sp, la sinistra radicale. Per i laburisti del presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, invece, le elezioni del 2017 sono state pesantissime: il PvdA ha strappato solo 9 seggi, un quarto rispetto al precedente Parlamento. Da valutare, quindi, l’eventuale ingresso nella maggioranza.

  • honhil

    Intanto, Erdogan minaccia l’Europa Comportamento, del resto, che era nell’ordine delle cose. Il buonsenso è da tempo che si sforza di far capire alle prime quattro cariche dello Stato che quest’invasione che loro incoraggiano in nome di un multiculturalismo ideologico, quasi a volersi allineare a quei paesi con un robusto passato coloniale, non era altro che una cambiale in bianco che prima o poi l’Islam avrebbe messo all’incasso. Ma loro niente. Tetragoni a portare avanti il loro vessillo. Adesso un ministro, il ministro degli esteri turco, forte e chiaro rivela quella strategia che i popoli europei avevano da tempo subodorato ma non le Istituzioni. Adesso che l’Islam sa di potere mettere, quando vuole, a ferro e fuoco un buon numero di capitali europee, lancia la sfida e una promessa a lungo represse: «l’Europa sarà presto teatro di “guerre di religione”». Della serie: o vi convertite all’Islam e vi passeremo a fil di coltello. E i cosiddetti leader tutti zitti e con la coda tra le gambe. Mentre le Istituzioni di cui sopra, impavidi, continueranno a raccontare la loro edificante favola del “multiculturalismo”. Amen.