Francia, l’Isis ha già votato per l’Eliseo. Terrore a Parigi: identificato l’assalitore, fermati tre membri della sua famiglia. Caccia al complice

dalla Redazione
Mondo
Elezioni Francia

Ancora un attentato ha colpito al cuore la Francia. Questa volta alla vigilia delle elezioni per l’Eliseo. Un agente di polizia è stato ucciso e altri due sono stati feriti a colpi di kalashnikov.  in una sparatoria, ieri sera, sugli Champs Elysees di Parigi, mentre l’assalitore è stato abbattuto. C’è il giallo su un secondo terrorista in fuga, ma certa è invece la rivendicazione arrivata da parte dell’Isis. L’attentatore si chiama Karim, ma il suo nome completo per il momento non sarà rivelato. Si tratterebbe di un pregiudicato 39enne che aveva nell’auto coltelli ed un fucile a pompa. Sono stati fermati tre membri della sua famiglia che sono finiti sotto il torchio degli inquirenti per essere interrogati.

Secondo gli inquirenti lo avrebbe aiutato un complice proveniente dal Belgio. Un uomo è stato segnalato dalle autorità di Bruxelles a quelle francesi, ma il sospettato si è presentato autonomamente in commissariato ad Anversa per provare la sua estraneità ai fatti. La polizia belga, però, avrebbe trovato a casa sua armi e un  biglietto direzione Parigi proprio per ieri mattina.

La situazione è tornata alla normalità nella zona dell’attentato. Gli Champs Elysees sono il lungo viale che attraversa il cuore della capitale dall’Arco di Trionfo a place de la Concorde. La sparatoria sugli Champs Elysees nel cuore di Parigi è avvenuta all’altezza del locale Le Foquets di fronte al negozio Yves Rocher.

Sul posto, riferisce la rete Bfmtv, sono intervenuti i corpi speciali della polizia Bis. I colpi sono stati sparati intorno alle 21 al numero 104 degli Champs Elysees. Anche la rete Bfmtv sostiene che testimoni riferiscono di due aggressori.

In Francia tra 3 giorni si svolge il primo turno delle elezioni presidenziali. Il 30 novembre 2016 la città è stata teatro del più sanguinoso attentato della storia francese: un commando di Isis massacrò 130 persone colpendo in modo coordinato diversi punti della città, dallo Stade de France al locale Bataclan.

IL QUADRO SULLE PRESIDENZIALI IN FRANCIA