Pd a rischio scissione. Ora pure Renzi fa da paciere e tenta il tutto per tutto. L’appello ai dirigenti: “non andatevene”

dalla Redazione
Politica
Renzi

Salvare il Pd è ancora possibile. Parola di Matteo Renzi. In un’intervista rilasciata questa mattina al Corriere della Sera, il segretario del Pd ha lanciato un appello ai dirigenti: “bloccate le macchine della divisione. Non andatevene, venite. Partecipate. Le porte sono aperte, nessuno caccia nessuno, torniamo a parlare di Italia”.

Renzi ha anche detto che non accetterà “ricatti”, che il congresso va fatto, come chiesto dalla minoranza, e che sui tempi “c’è lo statuto”. “Io voglio evitare qualsiasi scissione”, afferma l’ex presidente del Consiglio. “Se la minoranza mi dice: o congresso o scissione, io dico congresso. Ma se dopo che ho detto congresso loro dicono ‘comunque scissione’, il dubbio è che si voglia comunque rompere. Che tutto sia un pretesto. Toglieremo tutti i pretesti, tutti gli alibi. Vogliono una fase programmatica durante il congresso? Bene. Ci stiamo”.

“In America – ha continuato Renzi – c’è Trump, l’Europa rischia di sgretolarsi se vince la Le Pen, i grillini sono alti nei sondaggi nonostante gli imbarazzanti risultati di Roma, Berlusconi e Salvini sono pronti a riprendersi la scena. Domando: chi ci va dai militanti della Festa dell’Unità a spiegare perché si deve rompere il Pd?”, si chiede. Sui tempi del congresso Renzi sottolinea che non è lui a decidere: “C’è uno statuto. Ci sono delle regole”. Il Pd, rimarca Renzi, “non è un partito personale, ma essere un partito democratico significa accettare anche il dibattito. Il confronto. La democrazia interna. La minoranza deve sentirsi a casa. Ma sentirsi a casa non significa che o si fa come dicono loro o se ne vanno”.

Quanto al voto, dice, “non sarò io a decidere la data, non sono più il presidente del Consiglio, deciderà il presidente della Repubblica, sulla base della situazione politica”. E Gentiloni “merita il nostro sostegno sempre, non ‘provvedimento per provvedimento’ come sosteneva qualcuno fino a qualche giorno fa”. Renzi risponde anche a una domanda sulla notizia del padre indagato per traffico di influenze nell’inchiesta Consip esprimendo “fiducia totale nella magistratura”. “Guai a chi fa polemica, gli inquirenti hanno il dovere di verificare tutto”.