Profumo e Carrai sponsorizzano i 70 anni di Israele. Partiti gli inviti dell’ambasciatore Ofer Sachs. Con un drappello di aziende a fare da partner

di Stefano Sansonetti
Cronaca
MARCO CARRAI

L’ambasciata di Israele in Italia sembra aver organizzato le cose in grande. Del resto i 70 anni dalla nascita dello Stato sono un appuntamento di non poco conto, soprattutto in conseguenza di uno scenario geopolitico oggi molto delicato. Così sono già partiti gli inviti per la celebrazione che nel Belpaese si terrà il prossimo 4 giugno. A fare da padrone di casa, in un noto albergo della Capitale, saranno l’ambasciatore israeliano in Italia, Ofer Sachs, e la moglie Rony. Naturalmente sono numerosissime le personalità nostrane invitate, tra funzionari ministeriali, manager pubblici, imprenditori e super lobbisti. A pochi di loro è sfuggita una particolarità del cartoncino di invito. Su un riquadro, infatti, sono riportati i loghi di un piccolo gruppo di società ed enti che di fatto “sponsorizzano” l’appuntamento per festeggiare il settantesimo compleanno di Israele. Tra questi spicca sicuramente il logo di Leonardo, ovvero l’ex Finmeccanica oggi guidata dall’amministratore delegato Alessandro Profumo.

Il dettaglio – L’attenzione per Israele del nostro colosso dall’aerospazio, reduce da un periodo economico non proprio felicissimo, è sicuramente giustificato dalle grandi spese sostenute dal Paese nel settore della difesa, complice il quadro geopolitico nel quale storicamente si è trovato a operare. Insomma, le prospettive di business per Leonardo sono da questo punto di vista molto ampie. Ma nel gruppetto di aziende che “sponsorizzano” l’anniversario c’è anche la Cmc, acronimo che sta per Cambridge Management Consulting Labs. Di cosa si tratta? Semplice, della società di consulenza animata da Marco Carrai, imprenditore fiorentino fedelissimo dell’ex premier Matteo Renzi. La stessa Cmc ha partecipazioni rilevanti in altre creature di Carrai come la Cys4, che si occupa di cyber security, e la Cgnal, che si occupa di Big Data. Anche questi, neanche a dirlo, sono settori su sui l’attenzione israeliana è massima. Giova ricordare che nella stessa Cmc Carrai è in compagnia di altri soci (anche indiretti), come l’ex numero uno di Telecom, Franco Bernabè, e l’imprenditore israeliano Jonathan Pacifici, di stanza a Tel Aviv con un’avviata attivita di startupper.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *