Entro fine anno arriveranno nella Capitale 500 vigili in più. La Raggi annuncia l’approvazione del nuovo regolamento di polizia urbana. C’è anche il daspo per 14 zone dal centro storico a Ostia

dalla Redazione
Politica

Entro fine anno saranno assunti altri 500 vigili nella Capitale, oltre i 400 già entrati in servizio nel 2018. Ad annunciarlo è stata la sindaca di Roma, Virginia Raggi, nel corso della presentazione del nuovo regolamento di polizia urbana. Raggi ha spiegato che l’obiettivo è raggiungere quota 8.000 agenti, oggi in servizio ce ne sono meno di 6mila.

“Sto lavorando con il governo per superare i limiti assunzionali”, ha aggiunto la sindaca. “Dopo 72 anni di attesa – ha detto ancora – Roma ha un nuovo regolamento di polizia urbana. Oggi è una giornata storica. Ci dotiamo di nuovi strumenti per rendere più cogenti i divieti, con l’introduzione ad esempio del daspo urbano che dà la possibilità di allontanare un soggetto da un’area precisa”.

Il provvedimento, ha spiegato la sindaca, potrà essere applicato in 14 zone di Roma, dal centro storico a Ostia, dall’Eur a San Lorenzo e Prati, e in caso di recidiva potrà arrivare fino a 60 giorni. Entra nel nuovo regolamento di polizia urbana anche la stretta sul consumo per strada di alcolici, dalle 23 alle 7, e di bevande in vetro dalle 22 alle 7. Mentre dalle 2 alle 7 sarà vietata la somministrazione da chiunque ne sia autorizzato.

Stop anche ai centurioni e ai ‘salta-fila’ nelle aree di interesse artistico e storico della Capitale all’interno della zona Unesco, ad esempio al Colosseo, e a Villa Borghese. Il divieto, anche in questo caso, entra nel nuovo regolamento. “Ci sono anche una serie di norme – ha aggiunto Raggi – per il rispetto delle fontane, che purtroppo sono diventate piscine a cielo aperto ed è intollerabile”. Sono regolamentate le sanzioni per chi farà il bagno nelle fontane storiche o le userà in modo inappropriato, pena anche il Daspo.