Romics, torna la voglia di cartoon. Caccia a tutte le novità di fumetti e videogames, a Roma dal 5 all’8 aprile

dalla Redazione
Cultura

Fumetti, cinema, animazione e games per la XXIII edizione del Romics che si terrà nella Capitale dal 5 all’8 aprile. L’appuntamento si terrà alla Fiera di Roma dove sono attesi oltre 200 mila visitatoriper i quattro giorni di kermesse. Il programma di quest’anno prevede oltre 100 presentazioni, incontri ed eventi in dieci location in contemporanea.

Grandi ospiti – Tre le stelle di assoluto livello che verranno premiate con il Romics d’Oro. Si tratta di Tsukasa Hojo, il papà di Occhi di Gatto, lo storico cartone animato con protagoniste le tre ladre più famose dei manga, ma anche inventore di City Hunter e Angel Heart; Massimo Rotundo, maestro del fumetto italiano, sketch artist, autore poliedrico da Tex a Gangs of New York; Martin Freeman famosissimo interprete di una serie di personaggi amati in tutto il mondo, essendo arrivato a John Watson della serie tv Sherlock e al recentissimo Ghost Stories. Il ricco programma prevede anche tanti panel dedicati a horror e fantascienza. Ma ci sarà anche tanto da ridere con Frank Matano e da scatenarsi con il concerto di Cristina D’Avena. L’edizione di quest’anno coincide anche con i 40 anni della prima messa in onda italiana di Goldrake. Spazio anche al Gran Gala del doppiaggio, con oltre 500 voci degli attori di Hollywood e il Premio Ferruccio Amendola a Nanni Baldini, alias il Ciuchino di Shrek. Senza perdere d’occhio la suggestiva mostra dedicata a Il corvo: Memento Mori, la mini-serie di 4 volumi scritta da Roberto Recchioni e pubblicata da Edizioni BD in collaborazione con IDW Publishing. Memento Mori è un tributo a un personaggio, a una mitologia, che affascina i lettori da trent’anni, un’opera originale firmata da autori cresciuti con l’iconico originale di James O’Barr.

Per tutti i gusti – “Un format unico in cui convivono tutti i diversi pianeti dell’universo Romics”, ha spiegato la direttrice artistica Sabrina Perucca. Ci sarà anche un focus speciale dedicato alle Donne che disegnano donne, mostra-evento e live performance guidata dalla disegnatrice Disney Arianna Rea e dalle autrici italiane, Lady Be e Leila Leiz. “Racconteremo chi c’è dietro al tavolo da disegno”, ha spiegato la Rea, “Il ruolo della donna sta cambiando, anche nel fumetto. Non disegniamo solo principesse, c’è anche chi racconta Batman. E anche nelle storie, non siamo più da sole nel castello. Abbiamo molta più forza, che non vuol dire virilità, ma personalità”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *