Santa Teresa di Calcutta. Almeno in 100mila fedeli per la canonizzazione in piazza San Pietro. Roma blindata

dalla Redazione
Cronaca

La “matita nelle mani di Dio” diventa santa. E a celebrarla ci saranno almeno 100mila fedeli. Il 4 settembre, infatti, alle ore 10.30 Madre Teresa di Calcutta sarà proclamata santa durante la cerimonia organizzata a Piazza San Pietro. Si tratta di uno degli eventi più attesi del Giubileo: i biglietti gratuiti sono stati distribuiti sin dai giorni scorsi. Ma a quelli muniti di tagliando potranno aggiungersene altri, accolti in appositi settori. Insomma, la giornata sarà molto intensa anche per garantire totale sicurezza al rito della canonizzazione. Ha annunciato la sua presenza anche il primo ministro indiano, insieme ad altri 12 capi di governo.

“C’è tutta una serie di misure: via della Conciliazione sarà chiusa. Gli aspetti della sicurezza sono stati tutti considerati”, ha spiegato il portavoce della Sala stampa vaticana, Greg Burke. La Questura di Roma ha spiegato che «con provvedimento del Prefetto di Roma, su proposta del Questore, dalle ore 8 alle ore 19 di domenica è stato interdetto il volo in una vasta area adiacente San Pietro con la creazione di una `bolla di sicurezza´ controllata dall’Aeronautica Militare con il sistema ‘Slow Mover Interceptor’, un sistema di rilevamento dei velivoli non autorizzati».

La suora di Calcutta, che si definiva una “matita nelle mani di Dio”, è una delle figure più amate dai fedeli. Per questo si prevede una grande folla a Piazza San Pietro. “Con il suo instancabile lavoro per i poveri ha reso migliore Calcutta e ora la sua eredità non va dispersa”, ha raccontato suor Mary Prema Pierick, superiora generale delle Missionarie della Carità. “Madre Teresa viveva la vita religiosa come gioia come un privilegio e condivideva lo stesso dormitorio con noi senza preoccuparsi di aver una stanza per sé. Di fronte ai fallimenti ci incoraggiava a continuare. Ho sempre sentito la sua presenza”, ha aggiunto la suora su Santa Teresa da Calcutta. La canonizzazione sarà anche un grande evento mediatico: ci sono 600 giornalisti accreditati e 125 emittenti collegate per raccontare la storica giornata a Piazza San Pietro.