Scossa di terremoto di magnitudo 4.2 nella Piana del Fucino avvertita in tutto il centro Italia e nella Capitale. Ma non ci sono danni

dalla Redazione
Cronaca

E’ stata di magnitudo 4.2 la scossa di terremoto ben avvertita in Abruzzo, questa sera, alle 19.37. L’evento sismico ha avuto come epicentro, secondo quanto riferisce l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) a tre chilometri dal Collelongo e a circa cinquanta da L’Aquila, ad una profondità di 17 chilometri.

La scossa, avvenuta nella zona della piana del Fucino, vicino Villavallelonga, è stata avvertita in tutto il centro Italia e anche nella Capitale, a Latina e Frosinone.  L’evento sismico è stato particolarmente avvertito nella Marsica. Ad Avezzano le persone si sono riversate nelle strade. I Vigili del fuoco e il Dipartimento della Protezione civile riferiscono che al momento non sono pervenute alle sale operative richieste di soccorso o segnalazione di danni.

“E’ stata una scossa molto forte – ha detto il sindaco di Collelongo, Rossana Salucci – per fortuna non si rilevano danni a persone o cose. Ma c’è molta paura e, non potendo escludere nuove scosse, abbiamo aperto il Coc e messo a disposizione delle persone che vogliano dormire fuori casa, il plesso scolastico e il bocciodromo che sono in sicurezza”.

Non ci sono danni nei viadotti delle autostrade laziali ed abruzzesi A24 e A25 dopo la scossa di terremoto di questa sera. Sono queste le risultanze delle prime verifiche effettuate dagli ausiliari del traffico della concessionaria Strada dei Parchi. Controlli anche da parte di Rete Ferroviaria Italiana sono attualmente in corso. La circolazione sulle linee Roma-Avezzano-Sulmona-Pescara, Avezzano-Roccasecca, Sulmona-L’Aquila è stata pertanto sospesa.