Strage in una discoteca ad Ancona, 6 morti e oltre cento feriti. Spray urticante scatena il panico durante il concerto di Sfera Ebbasta. Tra le vittime anche una mamma

dalla Redazione
Cronaca
Ancona

Cinque minorenni e una mamma che accompagnava il figlio sono le vittime della strage avvenuta nella notte nella discoteca “Lanterna azzurra Clubbing” di Corinaldo, in provincia di Ancona. I feriti sono oltre un centinaio, di cui una decina in gravi condizioni.

Sulla tragedia indagano i carabinieri. Secondo la prima ricostruzione dei fatti, qualcuno avrebbe spruzzato un gas urticante provocando il panico fra i ragazzi che si erano recati nella discoteca per assistere al concerto di Sfera Ebbasta, rapper della Trap music. La calca ha poi causato il crollo di una balaustra fuori dal locale.

Le vittime sono tutte giovanissime. Due ragazze del 2004 di Senigallia, un ragazzo del 2002 di Ancona, un ragazzo e una ragazza del 2003 di Fano. Tra loro anche una mamma di 39 anni di Senigallia.  La tragedia è avvenuta intorno all’una di notte nella discoteca. Almeno mille persone erano all’interno del locale, dove stava per cominciare il concerto del trapper.

Gli inquirenti sospettano che il numero dei presenti fosse superiore a quello consentito. I titolari della discoteca sono stati già sentiti. Fondata l’ipotesi che sia stato spruzzato dello spray urticante, provocando il fuggi fuggi generale. Una ragazza presente nella discoteca ha ripreso con il cellulare i momenti fondamentali della tragedia.

“Mi sembra che la capienza fosse inferiore alle 900 persone, anche una unità in più è stata un errore che ha complicato tutto. Io mi tengo in contatto costante”, ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, commentando la tragedia. “Non servono nuove leggi – ha aggiunto il vicepremier – ma bisogna fa rispettare le leggi che ci sono. In questo Paese chi sbaglia paga. E chi ha sbagliato paga e paga fino in fondo da nord a sud. Ovunque, da Genova ad Ancona”.

“I biglietti venduti sono circa 1.400 a fronte di una capienza di 870 persone circa”, ha detto il procuratore capo della Repubblica di Ancona, Monica Garulli, dopo aver effettuando un sopralluogo nella discoteca. “La causa scatenante dell’ondata di panico – ha detto ancora il procuratore -, che ha spinto centinaia di ragazzi a tentare di uscire dalla discoteca: si è parlato di una bomboletta di spray urticante”.

“Sono profondamente addolorato per quello che è successo ieri sera a Corinaldo”, ha detto il trapper Sfera Ebbasta. “E’ difficile trovare le parole giuste – ha aggiunto l’artista – per esprimere il rammarico e il dolore di queste tragedie. Non voglio esprimere giudizi sui responsabili di tutto questo, vorrei solo che tutti quanti vi fermaste a pensare a quanto può essere pericoloso e stupido usare lo spray al peperoncino in una discoteca”.

#Corinaldo (AN) #8dic, nella clip il drammatico intervento dei #vigilidelfuoco nella discoteca dove hanno perso la vita sei giovanissimi pic.twitter.com/b9xjMiWp1k

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *