Tom Cruise, sacerdote mancato per colpa dell’alcol

tomcruiseÈ risaputo che Tom Cruise abbia sfiorato una vita da seminarista prima di intraprendere la carriera dell’attore, ma ora si è scoperto che è stato l’alcol ad impedirgli di indossare l’abito talare. La star di Hollywood, che è notoriamente uno dei principali seguaci della chiesa di Scientology, da adolescente aveva tutte le intenzioni di diventare prete cattolico, ma le sue ambizioni sono state troncate quando gli è stato suggerito di non tornare nel seminario di Cincinnati dove aveva già passato due anni. L’amico dell’attore Shane Dempler ha raccontato al New York Daily News cosa è successo, ricordando di quando era entrato in una stanza del seminario dove erano stipati degli alcolici e ne aveva prese un paio con Tom.

“Ne ho lanciate tipo sei a Tom – ha raccontato Dempler – si sono rotte quasi tutte ma siamo riusciti a prenderne un paio e nasconderle nei boschi vicini. I preti non ne se erano nemmeno accorti, finché alcuni degli altri ragazzi hanno coperto del nostro piano, sono andati di nascosto nei boschi e si sono ubriacati. Sono stati beccati barcollare lungo la strada per il seminario e costretti a confessare. La scuola ha scritto una lettera ai nostri genitori dicendo che gli piacevamo ma che avrebbero preferito che non ritornassimo. Così non siamo stati propriamente cacciati, ma solo invitati a non andarci più”.

Shane, che ha studiato con l’attore 50enne dal 1976 al 1977, afferma che entrambi fossero propensi a diventare preti, ma ritiene che non avessero l’età giusta per prendere decisioni serie sul loro futuro. Tom “aveva una forte fede cattolica. Andavamo a messa, passavamo il tempo nella cappella e ci piaceva ascoltare le storie dei preti. Pensavamo che i sacerdoti avesseo un grande stile di vita ed eravamo molto interessati al sacerdozio. Ma per la verità eravamo troppo giovani per prendere questa decisione”. A scuola, Tom aveva dimostrato i primi segni del suo talento attoriale. “Nello sport e nella recitazione lui usciva dal guscio. Erano comopetizioni e se c’era da competere lui ci stava. Altrimenti stava ad osservare la scena. Abbiamo avuto un grande maestro di teatro in padre Aubert Grieser. Ci ha insegnato come parlare in pubblico”.

Loading...