Tre anni senza Pino Daniele. La figlia Sara si confessa: “Dopo la morte di mio padre, ho cominciato a bere”

dalla Redazione
Cronaca

Tre anni esatti senza Pino Daniele. Era il 4 gennaio 2015 quando si è spento uno dei più grandi cantautori che l’Italia ricordi. Un vuoto incolmabile nei cuori dei suoi fan ma soprattutto dei familiari, a partire dalla figlia Sara, che in un’intervista a Oggi parla del dolore provato e della pericolosa strada su cui si stava incamminando: “Dopo la morte di mio padre, nei mesi successivi, quando il rumore intorno a noi si era spento e l’attenzione scemata, quando la gente pensava che ormai il brutto fosse passato, è successo che io mi sono persa. Ma per davvero. Passavo la mia giornata in tuta e alle 11 del mattino avevo già il bicchiere di vino in mano. Odiavo tutto e tutti. Per prima me stessa”.

Sono queste le parole della 21enne, nota alle cronache rosa anche per essere grande amica di Aurora Ramazzotti, che continua: “Ero smarrita. Fragile. Irriconoscibile. Piena di rancore che riversavo su me stessa… Un giorno ho capito che dovevo cambiare qualcosa, io e basta, e ho telefonato all’università inglese che mi aveva accettato l’anno precedente e ho chiesto di rientrare la sessione successiva… So benissimo di essere scappata. La mia famiglia ha elaborato il lutto, io l’ho solo accantonato”.

Inevitabile per Sara, nata come i fratelli Sofia e Francesco dall’amore tra Pino Daniele e Fabiola Sciabbarrasi, chiedersi cosa penserebbe oggi di lei il padre: “Così per me è come se mio padre fosse in tour… Ho fatto tante cose in questi tre anni, tante scelte, tante sfide, è normale che io mi chieda cosa mio padre ne avrebbe pensato. Sarebbe fiero di me oggi? Ho la fortuna di sentire ancora la sua voce, ma non è l’artista che mi manca, ma il padre”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *