Tutti al mare…a mangiar le bacche chiare! Due italiani su tre hanno mangiato fuori casa durante le vacanze. Impressionante la svolta salutista del Belpaese

dalla Redazione
Argomenti

Le vacanze quest’anno hanno avuto un tratto peculiare: gli italiani hanno mangiato fuori casa. Almeno due italiani su tre si sono infatti messi a tavola fuori casa con il 39% che ha scelto di privilegiare per mangiare principalmente il ristorante, l’11% la pizzeria, l’8% negli agriturismi con la stessa percentuale di pub, fast food e ambulanti. Il dato emerge dall’indagine Coldiretti/Ixé dalla quale si evidenzia la tendenza degli italiani a tornare a mangiare fuori in vacanza. Un andamento – sottolinea la Coldiretti – confermato dal bilancio del weekend di Ferragosto che quasi la metà degli italiani (47%) ha scelto di trascorrere fuori casa, da parenti/amici, in vacanza, al mare, in campagna o in montagna. Se 5,1 milioni di italiani ha optato per il tradizionale picnic, in molti hanno deciso di stare comodamente seduti in ristoranti, trattorie e agriturismi.

Ma non è tutto. Circa un terzo della spesa di italiani e stranieri in vacanza in Italia – sottolinea la Coldiretti – è destinato alla tavola, con una decisa svolta verso prodotti ad alto valore salutistico nell’estate 2017. Orientamento importante per l’Italia che – sottolinea la Coldiretti – è leader mondiale nel turismo enogastronomico, ma anche il Paese che ha conquistato nel 2017 il primo posto come Paese più sano al mondo secondo la classifica Bloomberg Global Health Index che analizza le condizioni di salute di 163 Nazioni.

Non a caso, la novità dell’estate 2017 in Italia è il forte aumento dell’offerta del benessere a tavola per far fronte alle richieste di turisti italiani e stranieri che si spostano dal supermercato alle vacanze. Si va dall’incremento dell’11% della richiesta di cibi integrali a quello del 26% degli alimenti senza glutine, dal +20% del biologico al +7% delle bevande vegetali registrato da Nielsen nel 2017. Una domanda alla quale la ristorazione italiana risponde con la diffusione ormai capillare di ristoranti, trattorie, pizzerie bar, gelaterie che incontrano i nuovi orientamenti. Molto gettonati gli agriturismo con oltre 7 milioni di presenze previste nell’estate 2017 con un aumento stimato pari al 8 per cento rispetto allo scorso anno per effetto soprattutto degli stranieri che – secondo la Coldiretti – hanno sorpassato gli italiani. In Italia – continua la Coldiretti – ci sono oltre 22mila aziende agricole autorizzate all’esercizio dell’agriturismo che aiutano a conservare un patrimonio di 4965 prodotti alimentari tradizionali censiti dalle regioni e 291 specialità Dop/Igp registrate a livello comunitario ai quali sono riconosciute straordinarietà proprietà salutistiche e nutrizionali, dei veri e propri superfood della nonna, che vengono riscoperti nei menu dell’estate 2017.

Ma il Belpaese può contare anche sull’agricoltura più green d’Europa essendo infatti leader in Europa con quasi 60mila aziende agricole biologiche. Insomma, anche per i salutisti l’Italia è il Paese più gettonato.