Ufficio di presidenza, il M5s sbanca pure a Montecitorio. Di Maio all’attacco: “Ora per i vitalizi non c’è scampo”

Alessandro Righi
Politica

Alla fine è tutta una questione di numeri. E per dirla con le parole di Luigi Di Maio, i numeri dicono che “ora per i vitalizi non c’è scampo”. La madre di tutte le battaglie, quella contro il privilegio della Casta più odiato dagli italiani si giocherà, del resto, negli Uffici di presidenza di Camera e Senato. Dove, a differenza di cinque anni fa, i rapporti di forza all’interno degli organi di vertice dei due rami del Parlamento si sono completamente ribaltati.

Il Movimento 5 Stelle è passato, su un totale di sedici caselle in ciascuno dei due Uffici di presidenza (ma alla Camera si salirà a 17), da un solo membro a sei componenti al Senato, dove potrà contare su un vice presidente (Paola Taverna), un questore (Laura Bottici) e quattro segretari; e da tre (poi scesi a 2 dopo la sospensione di Claudia Mannino) a sette alla Camera, dove potrà invece contare sul presidente (Roberto Fico), un vice presidente (Maria Edera Spadoni), un questore (Riccardo Fraccaro) e quattro segretari. Insomma, pur non disponendo della maggioranza assoluta, saranno determinanti per l’adozione dei provvedimenti inerenti le spese di Camera e Senato.

Provvedimenti adottati peraltro con regolamenti interni, approvati o modificati con semplici delibere degli organi di vertice attraverso le quali si potrà ridefinire, in virtù del principio dell’autodichia, la disciplina di tutti i rapporti in essere. A partire dai vitalizi, per i quali i 5 Stelle puntano al ricalcolo contributivo degli assegni già in essere e all’innalzamento dell’età pensionistica (attualmente 65 anni con un mandato e 60 dal secondo in poi) per quelli futuri sugli stessi livelli previsti per i comuni cittadini. Ma non è tutto. Con una semplice delibera si potrebbero introdurre nuove sforbiciate – dopo il taglio triennale scaduto il 31 dicembre scorso – agli stipendi del personale di Camera e Senato. Anche se una sentenza del Collegio d’appello lo vieterebbe.

Per ora un piano definito ancora non c’è. Di certo, con i 6 e i 7 voti garantiti negli Uffici di presidenza del Senato e della Camera, trovare la maggioranza sarà un’impresa meno ardua rispetto alla passata legislatura. Ieri si è chiusa la partita anche a Montecitorio. Dove, sono stati eletti alla vice presidenza anche Mara Carfagna (Forza Italia), la più votata con 259 preferenze, Lorenzo Fontana (Lega) e Ettore Rosato (Pd). Mentre affiancheranno Fraccaro, questore anziano più votato (269 preferenze), Gregorio Fontana (Forza Italia) e Edmondo Cirielli (Fdi). Segretari sono stati invece eletti Francesco Scoma (Forza Italia), Silvana Comaroli (Lega), Marzio Liuni, (Lega), Raffaele Volpi (Lega), Azzurra Cancelleri (M5S), Mirella Liuzzi (M5S), Vincenzo Spadafora (M5S) e Carlo Sibilia (M5S). Ai quali si aggiungerà un ulteriore segretario in rappresentanza del Gruppo Misto che sarà eletto in una votazione ad hoc.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *