Uova di Pasqua amiche della salute. Meglio se il cioccolato è fondente. Il cacao aiuta ad abbassare il colesterolo cattivo e contribuisce a ridurre il rischio di infarto e ictus

dalla Redazione
Salute

È la dieta che piace a tutti. Gli esperti assolvono le uova di Pasqua perché è ricco di micronutrienti e fa bruciare calorie. E poi contribuisce a ritrovare il relax, combatte l’ansia e svolge una funzione antiossidante. E allora da domani largo al cioccolato ma a una sola condizione: che sia extra fondente, meglio ancora se arricchito da fave di cacao. Contenendo cacao, è infatti un alimento antiossidante, antidepressivo naturale, energetico, anti-carie e persino di aiuto per ottenere il peso forma. Proprietà, invece, assenti nel cioccolato bianco o in quello al latte. Il cioccolato, insomma, può fare persino bene, lo dicono diverse ricerche. Tanto per cominciare migliora la concentrazione, ha la capacità di mantenere la mente sveglia e attiva e donarci, in modo gratificante, l’energia necessaria per affrontare gli impegni della giornata. Merito della teobromina e della caffeina, sostanze contenute nel cacao, che mantengono la mente lucida dando la giusta carica. Quaranta grammi di cioccolato extra-fondente al giorno possono essere di grande supporto nei momenti di surmenage fisico e mentale.

Inoltre le fave di cacao forse non tutti sanno che sono ricchissime di magnesio, un minerale che agisce da anti-ansia, miorilassante e contrasta i crampi, grazie alla feniletilamina che stimola la produzione di serotonina aiutando il buon umore. Ma non solo. Il cioccolato è anche utile a chi desidera combattere la produzione di radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare: il cacao agisce come potente antiossidante sulle nostre cellule. Il merito va a catechine e flavonoidi: entrambe le sostanze agiscono contrastando la produzione naturale di radicali liberi, legata allo stress e all’età, proteggendo così le cellule dei nostri organi. E poi brucia calorie se è extra fondente: una piccola porzione di cioccolato extra fondente al giorno, con un contenuto in cacao pari o superiore al 75 per cento, contribuisce a stimolare il metabolismo: la caffeina e la teobromina aumentano la termogenesi nel tessuto adiposo, soprattutto a livello addominale. In questo modo anche il metabolismo si attiva e si consumano più calorie. Molto benefici, a questo scopo, sono proprio i semi del cacao. Il cacao viene utilizzato anche nelle creme anticellulite e nei trattamenti snellenti: le sue sostanze hanno mostrato un effetto drenante e tonificante anche sulla pelle. Infine, quando la percentuale di cacao è superiore all’80 per cento, il cioccolato svolge anche azione di protezione dei denti dalla carie grazie ad antibatterici naturali. Tutto il contrario per il cioccolato al latte o quello bianco, che favoriscono carie e proliferazione di batteri a causa dell’elevato contenuto di zuccheri. Come se non bastasse, diversi studi affermano che un consumo regolare di cioccolato fondente ricco di polifenoli può ridurre le malattie cardiovascolari e il rischio di infarto e di ictus. Inoltre, il cacao, con il suo contenuto di acido oleico nel burro di cacao, svolge un’azione benefica sulla salute del nostro sangue, abbassando i livelli di colesterolo cattivo LDL e dei trigliceridi. Ma allora il cioccolato fa bene alla salute e possiamo mangiarlo senza sensi di colpa? Non proprio, perché non se ne possono consumare più di 20 grammi al giorno.