Verhofstadt il censore con le mani in pasta tra grandi aziende e lobby. Dà del burattino a Conte ma intasca migliaia di euro dalle società belghe Exmar e Sofina

di Antonio Acerbis
Politica

Chi è Guy Verhofstadt, il leader dell’Alde al Parlamento Europeo che due giorni fa ha dato del burattino al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte durante il dibattito nell’aula dell’Europarlamento? E’ un signore che qualche anno fa provò a portare gli europarlamentari del Movimento 5 Stelle nel suo gruppo parlamentare a Bruxelles e poi fu bloccato dai suoi stessi compagni di partito. Questo stesso signore che ha definito il premier italiano come una marionetta nelle mani di Salvini e Di Maio è una persona legata a ben altri fili. Tali connessioni sono state rivelate ieri dal Blog delle Stelle in un post intitolato “Ecco chi è veramente Verhofstadt, il burattino a libro paga di lobby e multinazionali”. Il leader dell’Alde, scrivono sul sito del Movimento 5 Stelle ”ha dichiarato di far parte di sette fra Comitati e consigli di amministrazione, incarichi che gli portano in tasca un reddito complessivo non inferiore a 12.003 euro al mese, inclusi i compensi che provengono da due grandi società belghe, Exmar e Sofina.

La Exmar è un gruppo armatoriale belga che opera nel trasporto internazionale di gas e petrolio e, in particolare, è specializzato nel trasporto di gas liquefatto. Il ruolo di Verfhofstadt è di direttore indipendente, una carica remunerata con un assegno inferiore ai 5 mila euro al mese. Sebbene Exmar non abbia ufficialmente dei lobbisti accreditati al Parlamento europeo, i suoi interessi economici sono certamente influenzati dalle leggi e dai regolamenti europei, in particolare nei settori del commercio e dell’accesso ai mercati. Lo dimostra il discorso che lo stesso Verfhofstadt ha tenuto a una cena di gala del settore del trasporto marittimo che si è tenuta a Bruxelles nel marzo del 2015.

E’ stato riportato che, durante questa cena Verhofstadt abbia esortato il settore del trasporto marittimo ad appoggiare il controverso Trattato di libero scambio fra Europa e Stati Uniti (il TTIP), dichiarando che l’accesso alle coste americane “sarebbe una enorme opportunità” per l’industria del settore e farebbe aumentare le compravendite, attualmente bloccate a causa della legge statunitense Jones. Verfhofstadt ha esortato gli armatori europei a “far sentire la loro voce a livello europeo verso tutte le Istituzioni coinvolte nella fase dei negoziati, in modo che il negoziato abbia successo. Questo caso mette in luce i problemi che possono essere sollevati quando i deputati hanno posizioni nella catena di comando di società con interessi commerciali nei temi che i deputati stessi sono in grado di influenzare: può nascere la percezione pubblica di un possibile conflitto d’interessi.

Stesso discorso vale per quanto riguarda l’altra carica che Verhofstadt detiene, quella di direttore di Sofina (società finanziaria per i Trasporti e le Imprese industriali), una multi miliardaria holding belga. Il compenso di Verhofstadt per questo incarico supera i 10 mila euro al mese. Sono clienti di Sofina il gigante energetico francese GDF-Suez, la multinazionale del cibo Danone e la catena di grande distribuzione belga Colruyt. Sofina ha, inoltre, una partecipazione nella società controllata da GDF-Suez, la Suez Environnement; l’anno scorso questa azienda aveva partecipato con una sua offerta alla gara sulla privatizzazione dell’acqua pubblica in Grecia”. Ecco chi è che ha insultato Conte.