Arrestato il sindaco di Priolo Pippo Gianni: il primo cittadino è finito ai domiciliari con l’accusa di concussione

Pippo Gianni, sindaco di Priolo Gargallo, è stato arrestato ed è finito ai domiciliari per concussione. L’inchiesta della procura.

Il sindaco di Priolo Pippo Gianni è stato arrestato con l’accusa di concussione. Il primo cittadino è finito ai domiciliari, come disposto dall’autorità giudiziaria.

Arrestato il sindaco di Priolo Pippo Gianni: il primo cittadino è finito ai domiciliari con l’accusa di concussione

Arrestato il sindaco di Priolo Pippo Gianni: l’inchiesta della procura

Scattano gli arresti ai domiciliari per il sindaco di Priolo Giuseppe Gianni, detto Pippo. L’ordinanza è stata eseguita nella mattinata di lunedì 3 ottobre dagli agenti della polizia di Siracusa.

Sulla base delle informazioni sinora diffuse dal palazzo di giustizia, il primo cittadino del comune siciliano, 77 anni, risulta essere coinvolto in un’inchiesta coordinata dai magistrati della procura “per una serie di concussioni”. L’autorità giudiziaria, quindi, ha disposto che Gianni venisse arrestato e posto ai domiciliari con l’accusa, appunto, di concussione.

Il primo cittadino è finito ai domiciliari con l’accusa di concussione

La carriera politica di Pippo Gianni è cominciata negli anni ’90 del secolo scorso quando ha assunto la carica di deputato regionale. Inizialmente, ha militato tra le file della Democrazia cristiana per poi aderire prima al Cdu e infine all’Udc.

Oltre alla carica di deputato regionale ha ricoperto il ruolo di assessore regionale all’Industria nel governo di Raffaele Lombardo ed è stato anche deputato alla Camera per una legislatura. Nel 2012 e nel 2017, invece, ha mancato la rielezione al Parlamento e, di conseguenza, ha scelto di fare ritorno alla sua città natale ossia Priolo Gargallo. Nel 2018, dopo aver già ricoperto l’incarico negli anni ’80 e ’90, è stato rieletto sindaco della città.

Alla fine del mese di agosto 2022, poco prima che si tenessero le elezioni regionali in Sicilia che hanno visto il trionfo di Renato Schifani, Gianni aveva annunciato di aver aderito alla Lega.

LEGGI ANCHE: C’è la solita santificazione di Giorgia Meloni, c’è lei che si complimenta con l’Egitto per i diritti umani e c’è la Lega che si è inventata la secessione. Eccoci al nostro bestiario di governo

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram