L’Imu costa troppo, meglio non pagare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Una volta il tesoretto di casa si nascondeva sotto al mattone. Ma erano pochi spiccoli. Angiola Armellini, erede della celebre famiglia di imprenditori romani, avrebbe invece nascosto al fisco una cifra mostruosa, circa 2 miliardi di euro. Ma a scomparire non erano i redditi bensì le tasse; pur risultando proprietaria di centinaia di immobili a Roma, infatti, non ha mai pagato Ici e Imu. Secondo la Guardia di Finanza l’Armellini risulta proprietaria di 1.243 immobili: la donna è accusata, assieme ad altre undici persone, di associazione a delinquere finalizzata all’evasione fiscale. Le indagini, dirette dalla Procura di Roma e svolte dai finanzieri del Comando Provinciale, hanno permesso di rilevare come la donna sia sempre stata “l’amministratore di fatto” di un’articolata struttura societaria ideata negli anni ’90 al fine di “nascondere” al Fisco l’ effettiva disponibilità di ingenti capitali detenuti nei cosiddetti paesi a fiscalità’ privilegiata, come Principato di Monaco, Lussemburgo, Svizzera, Nuova Zelanda, Jersey e Bahamas.

Sempre secondo la tesi dell’accusa, la Armellini aveva anche spostato per alcuni anni la sua residenza nel Principato di Monaco, salvo poi abitare nella storica villa di famiglia nel quartiere romano dell’Eur. I finanzieri hanno inoltre disconosciuto all’imprenditrice dieci scudi fiscali presentati nel 2009, con riferimento al patrimonio estero posseduto dall’indagata. Gli investigatori hanno anche eseguito verifiche fiscali sia nei confronti dell’imprenditrice che di tre holding lussemburghesi (riconducibili alla donna) registrando l’omessa dichiarazione di ricavi, al lordo dei costi sostenuti, per circa 190 milioni di euro (oltre ad un’imposta di registro evasa per circa 230 mila euro).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA