Basta poco per sparare su Trump. Ogni scusa è buona per attaccare il presidente Usa. L’ultima polemica per una foto scattata con gli stagisti

di Monica Tagliapietra
Mondo

Pure la foto con gli stagisti rischia di creare un terremoto alla Casa Bianca. L’immagine è quella di rito, cioè il presidente Donald Trump insieme ai tirocinanti dell’ultimo anno.  A prima vista niente di particolare, ma guardando con attenzione i volti dei ragazzi, in tutto sono 128, si scopre che sono quasi tutti bianchi, tranne pochissimi. Tanto è bastato per scatenare una nuova polemica contro il tycoon, che la Cnn e non solo ha già ribattezzato xenofobo. E questa non è la prima volta che succede, già in passato, infatti, l’amministrazione Trump era finita nel mirino di chi lamentava la mancanza di diversificazione etnica tra i partecipanti allo stage. Tanto che in questa occasione gli organi di stampa ufficiali della Casa Bianca hanno tardato persino a divulgare la fotografia. è chiaro che la prima cosa che è tornata alla mente di tutti è stata l’istantanea ai tempi di Barack Obama, a prima vista più variegata.  E se è vero che gli stagisti non portano bene alla Casa Bianca già dai tempi di Bill Clinton e la storica Monica Lewinsky è pure vero che ogni scusa è buona per seppellire il miliardario americano. In principio fu il capello, troppo riporto, troppo finto.  Un piacione che ad alcuni ha ricordato il Berlusconi dei tempi d’oro, perché durante una telefonata con il primo ministro irlandese, chiamò a sé una giornalista per farle dei complimenti. Senza parlare del rapporto con i media che non  è certo dei più idilliaci, basti pensare che la stampa americana lo ha paragonato a Mussolini, Peron e non è escluso che il mainstream lo identifichi pure con l’Anticristo. La verità vera è che Donald Trump non va proprio giù. Il coro mediatico non fa altro che parlar male di lui anche per il muro col Messico, che già esisteva tra l’altro o per il tema degli omosessuali. The Donald resta un uomo d’affari. E anche se le sue scelte possono risultare impopolari l’America va come un treno da quando si è insediato. Nel 2017 l’economia a stelle e strisce è stata contrassegnato da una serie di boom. E regolarizzare un’immigrazione selvaggia evita non solo di portare criminali negli Usa ma anche di togliere posti di lavoro ai cittadini.