Il premier è intervenuto al Senato sul ddl Zan affermando che il Parlamento è libero “di discutere e di legiferare” e che il nostro ordinamento “contiene tutte le garanzie per verificare che le nostre leggi rispettino sempre i principi costituzionali e gli impegni internazionali, tra cui il Concordato”.
23 Giu,
18:11
dalla Redazione