Caso Orlandi, spuntano due ossari sotto una botola all’interno del Pontificio Collegio Teutonico. Il 20 luglio nuovi accertamenti dopo l’apertura delle due tombe trovate vuote

di Fabrizio Colarieti
Cronaca

Nuovo colpo di scena in Vaticano, spuntano due ossari. Dopo l’apertura delle due tombe nel Cimitero Teutonico, trovate vuote giovedì scorso, la Santa Sede ha svolto nuove indagini, “sia di carattere documentale che di carattere logistico”, per verificare la natura dei lavori di ristrutturazione effettuati in passato all’interno del Campo Santo tedesco finito al centro dei misteri del caso Orlandi. Le ispezioni, ha fatto sapere il portavoce della Sala stampa vaticana, Alessandro Gisotti, “hanno portato alla individuazione di due ossari”, all’interno del Pontificio Collegio Teutonico, che “sono stati immediatamente sigillati per il successivo esame e repertazione dei materiali ossei”.

“La ripresa delle attività peritali è stata fissata – informa ancora la Santa Sede – per sabato 20 luglio, alle ore 9”. In seguito alle attività istruttorie disposte dall’autorità giudiziaria vaticana – in particolare dopo l’esposto presentato a marzo dai familiari di Emanuela Orlandi, ai quali, un anno fa, un anonimo aveva detto di cercare proprio lì il corpo della 15enne scomparsa nell’83 – la Santa Sede, come era stato annunciato, ha svolto accertamenti “dai quali è emerso che, come risulta agli atti del Pontificio Collegio Teutonico, tra gli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso sono stati effettuati lavori di ampliamento del Collegio stesso. In quel periodo i lavori hanno interessato l’intera aerea cimiteriale e l’edificio del Collegio Teutonico”.

Gisotti ha spiegato, inoltre, che “essendo pertanto possibile che le spoglie delle due Principesse siano state traslate in altro luogo idoneo del Campo Santo, sono state svolte con le maestranze competenti le conseguenti verifiche per constatare la situazione degli ambienti attigui alle tombe. Tali ispezioni hanno portato alla individuazione di due ossari collocati sotto la pavimentazione di un’aerea all’interno del Pontificio Collegio Teutonico, chiusi da una botola. Tali ossari sono stati immediatamente sigillati per il successivo esame e repertazione dei materiali ossei ivi giacenti, sempre nell’ambito e con le modalità richieste dalle attività istruttorie”.

Il Promotore di Giustizia del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano, Gian Piero Milano, e il suo aggiunto, Alessandro Diddi, hanno dunque disposto “che tali operazioni avvengano alla presenza dei periti dell’Ufficio e di quelli nominati dalla famiglia Orlandi, nonché del personale specializzato del Corpo della Gendarmeria e delle stesse maestranze già impiegate. La ripresa delle attività peritali è stata fissata per sabato 20 luglio, alle ore 9”.

Saranno quindi gli accertamenti medico legali, anche in questo caso affidati dalla magistratura vaticana al consulente Giovanni Arcudi, docente di Medicina legale all’Università di Tor Vergata, a chiarire cosa contengono i due ossari. Non è escluso che all’interno vi siano i resti delle principesse, Sophie von Hohenlohe e Carlotta Federica di Mecklemburgo, scomparse tra il 1836 e il 1840, traslati, come sostiene il Vaticano, negli anni scorsi dalle due tombe ispezionate l’11 luglio.

“Ci è stato comunicato – ha detto all’Ansa l’avvocato della famiglia Orlandi, Laura Sgrò – che sabato prossimo, il 20 luglio, proseguiranno le operazioni peritali. Che cosa faranno non lo sappiamo ma che ci sia un approfondimento in questo momento fa piacere. Nostro interesse è collaborare attivamente con la magistratura vaticana per capire come mai quelle due tombe fossero vuote. Se lo capiamo insieme è meglio”.