Alitalia fa autorete con Lotito

di Gaetano Pedullà

Se ha fatto bene alla Lazio, farà bene all’Alitalia, è la profezia dell’ex campione biancoceleste Luigi Martini, passato dallo scudetto del 1974 alla presidenza – anni dopo – dell’Enav, la società che gestisce il traffico aereo. Facili entusiasmi a parte, l’annuncio di un’offerta da parte di Claudio Lotito per rilevare l’Alitalia ha sparigliato la trattativa per salvare la compagnia, mostrando quanto l’operazione stia diventando grottesca e a questo punto avventurosa e pericolosa. Il passaggio del vettore a una cordata pilotata dalle Ferrovie dello Stato non era stato un capriccio del Governo, ma l’ultima chance per evitarne la svendita o il temuto spezzatino.

L’unica offerta credibile era stata quella di Lufthansa, per quanto indigeribile visto che prevedeva tremila esuberi per cominciare e poi chissà quanti altri a seguire. Di tempo per decidere, inoltre, ce n’era poco già a inizio di quest’anno, quando i commissari straordinari facevano notare che la cassa della società rimboccata dal prestito ponte da 900 milioni erogato dallo Stato si stava consumando velocemente. Fs aveva preso però in mano le trattative, ottenendo più volte una proroga dei termini fissati dal Ministero dello Sviluppo economico per presentare il piano di rilancio.

Una defezione dietro l’altra, in partita però è rimasta solo la compagnia americana Delta, disposta a intervenire con il 10% del capitale da ricostituire, e la trasformazione del prestito ponte in azioni, oltre a un 40% da passare alla Ferrovie, non bastavano. Perciò si era lungamente ventilato l’ingresso di Atlantia, la holding della famiglia Benetton, che in questo modo avrebbe ricucito con un Governo intenzionato a toglierle la concessione di Autostrade per l’Italia. Ricucitura che non è avvenuta, come reiteratamente annunciato dall’Ad Giovanni Castellucci. Così tutto il castello stava per cadere, anche perché la Cassa Depositi e Prestiti, lungamente pressata per intervenire direttamente, non può farlo per statuto, essendole interdetta la partecipazione in aziende problematiche.

In ogni caso, l’assenza di altri player privati avrebbe trasformato il salvataggio in una ri-nazionalizzazione dell’Alitalia. Dunque, la promessa fatta dai vertici di Ferrovie al ministro Di Maio al momento è tutt’altro che onorata, e in questo impasse ieri è arrivata l’offerta a sorpresa del patron della Lazio, brillante operatore economico nel settore del global service, oltre che del mondo del pallone, ma sicuramente privo della competenza necessaria per riportare in quota una compagnia dove si sono schiantati tutti, dallo Stato ai capitani coraggiosi di Colaninno, fino agli arabi di Ethiad.

A due giorni dallo scadere del terzo rinvio concesso dal Governo per conoscere il destino di Alitalia, l’unica novità è perciò una proposta dai contorni improbabili. Per quanto il simbolo della Lazio sia un aquila che nell’inno dei tifosi “vola alta in cielo”, c’è poco da stare sereni se quella di Lotito è l’offerta più rilevante sul tappeto, al netto di un’altra annunciata dal Gruppo Toto, altro grande concessionario autostradale, in passato però al centro di un pesante contenzioso proprio con Alitalia, alla quale cedette la sua AirOne.

Così ha avuto gioco facile ieri il Pd, nel denunciare che su questa vicenda il Governo naviga a vista, anche se in realtà è dai vertici di Ferrovie che si attendono risposte. La faccenda è entrata nell’ultimo pezzetto del Consiglio dei ministri economico di ieri, e lo stesso premier Conte ha parlato di più offerte da vagliare. Se però il riferimento era a Toto e Lotito, il minimo che possiamo fare è allacciare le cinture di sicurezza.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’Italia ha bisogno di riforme profonde, ma ci si può fidare di Giorgetti?

Sediamoci attorno a un tavolo “per cambiare tutti insieme quattro-cinque cose e dare un governo decente al Paese”. A proporlo è stato ieri il numero due della Lega, Giancarlo Giorgetti, e non è esattamente quello che diceva ad agosto scorso, quando invece spingeva Salvini a staccare la spina del Governo gialloverde per prendersi i pieni…

Continua

I partiti investano solo in Btp. L’uso speculativo dei finanziamenti dovrebbe essere vietato

Il tesoriere della Lega, Giulio Centemero (nella foto), un signore che rischia il processo per finanziamento illecito ai partiti nello scandalo sullo stadio della Roma, ha negato ogni legame tra l’investimento di 300mila euro in bond dell’ArcelorMittal e la vicenda Ilva. Sebbene ieri Repubblica ha ricostruito una serie di collegamenti tra la maggiore delle nostre…

Continua

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Bruxelles non ha capito la lezione

Avvisi ai naviganti in arrivo dai mercati e dall’Europa. Per qualche ora, giusto il tempo di far capire l’aria che tira, i titoli del nostro debito pubblico sono diventati più rischiosi di quelli della Grecia. Un regalo, l’ultimo di una lunga serie della Commissione europea, o se vogliamo di quello che resta del vecchio governo…

Continua

La lezione dei libri incendiati. Chi strizza l’occhio alla violenza non faccia finta di non sapere

Guai a dire che dietro la Destra che monta nel Paese c’è puzza di fascismo. Salvini ci fa sopra una grassa risata e strizzando l’occhio a Casapound ne nega l’evidenza. Ieri però a Roma hanno bruciato una libreria, e chi conosce giusto i rudimenti storici di quanto avveniva in Europa meno di cento anni fa…

Continua

L’autogol del Centrodestra su Conte e il caso Fiber

Se non imbrogliasse gli italiani con le bugie sull’aumento delle tasse, gli immigrati e il Governo che fa scappare dall’Ilva quei benefattori dell’ArcelorMittal, al Centrodestra resterebbe ben poco per tenersi stretto un consenso dopato da giornali e tv a reti unificate. Una prova l’abbiamo vista ieri, col tentativo di affibbiare al premier Giuseppe Conte un…

Continua

Non siamo una colonia di ArcelorMittal

La mossa della multinazionale indiana ArcelorMittal che minaccia di andarsene dall’Ilva non era affatto imprevista, e anzi era quasi scontata visto che parliamo di uno dei gruppi più rilevanti di un Paese che ci ha sequestrato per anni due nostri marò, e adesso pretende di gestire un’azienda altamente inquinante col salvacondotto dell’immunità penale, una sorta…

Continua

Un progetto di cambiamento per il Paese. Contro gli slogan sovranisti occorre convincere gli elettori che nel Centrodestra quando non si litiga non c’è nient’altro

Quanto resiste il governo, che fine fanno i Cinque Stelle. Giro l’Italia e le domande che mi fanno sono sempre queste, nella maggior parte dei casi con un tono che tradisce l’attesa di veder cadere tutto nel più breve tempo possibile. È il prezzo che si paga per aver dovuto mischiare l’acqua e l’olio formando…

Continua

L’umanità non si butta a mare. I diritti umanitari non sono un costo ma anche un dovere

Quando si parla di crescita del Paese il pensiero corre subito all’economia, e ancor di più in questi giorni in cui si sta definendo la Manovra finanziaria, alle tasse (che quest’anno sono molte meno rispetto ai tagli fiscali) e al lavoro. Tutto giusto, ma crescita è anche superare l’ipocrisia con cui da tre anni nascondiamo…

Continua

Chi strizza l’occhio ai razzisti. Mettersi contro la Commissione Segre rafforza il sentimento d’impunità

Le commissioni parlamentari si sa che lasciano spesso il tempo che trovano. Non ha cavato un ragno dal buco quella sui crac bancari che Matteo Renzi fece affidare prudentemente a Pierferdinando Casini, subito dopo fortunato vincitore di un collegio sicuro del Pd. Dunque figuriamoci che si può fare su un problema storico come l’antisemitismo e…

Continua

Fermiamo le bugie sulle tasse

L’ultima novità è di ieri sera, e non sarebbe nemmeno una novità perché si tratta della tassa sugli affitti con la cedolare secca, che resta come prima, ferma al 10%. Da quando è partito l’iter della nuova manovra economica – cioè dal primo giorno del governo giallorosso, visto che mettere in sicurezza i conti era…

Continua