Alitalia fa autorete con Lotito

di Gaetano Pedullà

Se ha fatto bene alla Lazio, farà bene all’Alitalia, è la profezia dell’ex campione biancoceleste Luigi Martini, passato dallo scudetto del 1974 alla presidenza – anni dopo – dell’Enav, la società che gestisce il traffico aereo. Facili entusiasmi a parte, l’annuncio di un’offerta da parte di Claudio Lotito per rilevare l’Alitalia ha sparigliato la trattativa per salvare la compagnia, mostrando quanto l’operazione stia diventando grottesca e a questo punto avventurosa e pericolosa. Il passaggio del vettore a una cordata pilotata dalle Ferrovie dello Stato non era stato un capriccio del Governo, ma l’ultima chance per evitarne la svendita o il temuto spezzatino.

L’unica offerta credibile era stata quella di Lufthansa, per quanto indigeribile visto che prevedeva tremila esuberi per cominciare e poi chissà quanti altri a seguire. Di tempo per decidere, inoltre, ce n’era poco già a inizio di quest’anno, quando i commissari straordinari facevano notare che la cassa della società rimboccata dal prestito ponte da 900 milioni erogato dallo Stato si stava consumando velocemente. Fs aveva preso però in mano le trattative, ottenendo più volte una proroga dei termini fissati dal Ministero dello Sviluppo economico per presentare il piano di rilancio.

Una defezione dietro l’altra, in partita però è rimasta solo la compagnia americana Delta, disposta a intervenire con il 10% del capitale da ricostituire, e la trasformazione del prestito ponte in azioni, oltre a un 40% da passare alla Ferrovie, non bastavano. Perciò si era lungamente ventilato l’ingresso di Atlantia, la holding della famiglia Benetton, che in questo modo avrebbe ricucito con un Governo intenzionato a toglierle la concessione di Autostrade per l’Italia. Ricucitura che non è avvenuta, come reiteratamente annunciato dall’Ad Giovanni Castellucci. Così tutto il castello stava per cadere, anche perché la Cassa Depositi e Prestiti, lungamente pressata per intervenire direttamente, non può farlo per statuto, essendole interdetta la partecipazione in aziende problematiche.

In ogni caso, l’assenza di altri player privati avrebbe trasformato il salvataggio in una ri-nazionalizzazione dell’Alitalia. Dunque, la promessa fatta dai vertici di Ferrovie al ministro Di Maio al momento è tutt’altro che onorata, e in questo impasse ieri è arrivata l’offerta a sorpresa del patron della Lazio, brillante operatore economico nel settore del global service, oltre che del mondo del pallone, ma sicuramente privo della competenza necessaria per riportare in quota una compagnia dove si sono schiantati tutti, dallo Stato ai capitani coraggiosi di Colaninno, fino agli arabi di Ethiad.

A due giorni dallo scadere del terzo rinvio concesso dal Governo per conoscere il destino di Alitalia, l’unica novità è perciò una proposta dai contorni improbabili. Per quanto il simbolo della Lazio sia un aquila che nell’inno dei tifosi “vola alta in cielo”, c’è poco da stare sereni se quella di Lotito è l’offerta più rilevante sul tappeto, al netto di un’altra annunciata dal Gruppo Toto, altro grande concessionario autostradale, in passato però al centro di un pesante contenzioso proprio con Alitalia, alla quale cedette la sua AirOne.

Così ha avuto gioco facile ieri il Pd, nel denunciare che su questa vicenda il Governo naviga a vista, anche se in realtà è dai vertici di Ferrovie che si attendono risposte. La faccenda è entrata nell’ultimo pezzetto del Consiglio dei ministri economico di ieri, e lo stesso premier Conte ha parlato di più offerte da vagliare. Se però il riferimento era a Toto e Lotito, il minimo che possiamo fare è allacciare le cinture di sicurezza.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La vera fase due del Governo? Smetterla di litigare per ogni cosa

Prima bisognava avere pazienza, perché c’erano le elezioni europee e in campagna elettorale ogni forza politica tira acqua al suo mulino. Poi c’era da arrivare a questo benedetto 20 luglio, ultimo giorno utile per sperare di votare prima della sessione di bilancio. Inevitabile che il nervosismo dilagasse, amplificato da due netti errori politici di Salvini…

Continua

Autostrade per l’Alitalia

I due dossier resteranno separati, e così si eviterà ogni conflitto d’interesse. Alitalia dove entrano i Benetton sarà una cosa e le Autostrade, dove gli stessi Benetton sono messi alla porta, saranno un’altra. Possiamo crederci? Se le cose andranno effettivamente così – come ha promesso ancora ieri Luigi Di Maio – lo vedremo molto presto,…

Continua

Una regolata al motore gialloverde

A chi si domanda se il Governo va avanti o cade, suggerisco il sondaggio che pubblichiamo oggi nelle pagine interne, realizzato per La Notizia dalla società Gpf di Roberto Baldassarri. I 5 Stelle e la Lega, come vediamo ogni giorno, non nascondono obiettivi e sensibilità diverse, ma la netta maggioranza degli italiani approva l’Esecutivo gialloverde,…

Continua

Alitalia può essere un affare

Nessuno più di questo giornale ha scritto peste e corna dei Benetton e di come hanno fatto i soldi veri, grazie a una concessione autostradale con condizioni talmente vantaggiose (per loro) da essere stata segretata fino alla caduta del ponte Morandi, quando i Cinque Stelle hanno preteso che quel contratto diventasse pubblico. Elemento centrale dell’accordo…

Continua

Sdoganato il salario minimo Ue

Promettere mari e monti è la regola quando si vuole qualcosa. Specialità della casa per i politici italiani, c’è da dire che su questo fronte tutto il mondo è paese, e ci sarebbe poco da stupirsi se i tedeschi notoriamente tutti d’un pezzo volessero provare l’ebbrezza dell’allievo che supera il maestro. A fare la promessa…

Continua

Un altro passo falso su Salvini

Ieri sulle pagine social della Notizia c’è stato un boom di commenti e visualizzazioni su tre fatti che avevamo in prima pagina: lo stop della Cassazione ai vitalizi dei parlamentari, il sistematico linciaggio dei Cinque Stelle su giornali e trasmissioni tv, e infine le responsabilità di Nicola Zingaretti e non di Virginia Raggi sui rifiuti…

Continua

Putin non passa per caso. Il raccontino di un’Italia isolata dal resto del pianeta non regge più

Sarà capitato anche a voi di sentire degli acutissimi analisti politici e di amenità assortite secondo cui un signore di nome Vladimir Putin ha così poco da fare a Mosca da concedersi una vacanza a Roma per farsi fotografare col Papa, Mattarella e Conte. Solo così regge il raccontino di un’Italia isolata dal resto del…

Continua

Un premier tutt’altro che isolato

Attenti a leggere le nomine europee con gli occhiali della politica italiana. Era l’autunno del 2014 quando il governo dell’epoca guidato da Matteo Renzi cantava vittoria per la nomina di Pierre Moscovici commissario Ue agli affari economici. Questo signore a casa sua era stato una colomba quando c’era da lasciar correre sui vincoli di bilancio.…

Continua

Autostrade e Benetton, lo Stato torni a farsi rispettare

Autostrade per l’Italia aveva così tanti sospetti sulla sicurezza del ponte Morandi da aver chiesto già nel 2003 un preventivo per demolirlo. A rivelarlo è stata la stessa società che ieri ha fatto esplodere i piloni risparmiati dal crollo dell’anno scorso. Non bastassero i 43 morti, i feriti, la cicatrice lasciata su Genova e sull’immagine…

Continua

Uno Stato più forte dell’acciaio. L’Ilva e la minaccia di ArcelorMittal

La legge è uguale per tutti ma se hai l’immunità della legge te ne freghi. Neanche fossimo nel Medioevo, quando gli imperatori la concedevano ai vescovi per tenersi buono il Papa, nel 2015 il Governo Renzi regalò lo stesso privilegio alla multinazionale ArcelorMittal, come benefit per l’acquisto degli ultimi scampoli della fallimentare industria italiana dell’acciaio.…

Continua