Autostrade, uno scandalo italiano

di Gaetano Pedullà

Autostrade per l’Italia è uno dei più grandi regali mai fatti dallo Stato a un privato, il gruppo Benetton, che si è immensamente arricchito sulle spalle degli italiani. Uno scandalo alla luce del sole, di cui in pochi parlano perché Benetton possiede giornali, potere e protezioni politiche. La storia è quella di un Paese che deve emettere debito pubblico – cioè di tutti noi – per costruire le sue autostrade. Poi un giorno affida la concessione di gran parte di questa rete in cambio di quattro soldi e una promessa: una quota dei pedaggi va utilizzata per investimenti. Ovviamente una promessa da marinaio, come chiunque può facilmente constatare facendosi un giretto per le nostre autostrade. Nonostante questo, proprio il concessionario controllato dai Benetton da mesi ha la faccia tosta di chiedere un prolungamento delle concessioni senza fare nessuna gara. Un diritto a vita, insomma. E dire che basterebbe un magistrato serio per restituire allo Stato questa gallina dalle uova d’oro. A spiegare perché è stata ieri la Banca d’Italia, rivelando che i ricavi da pedaggi per le concessionarie italiane sono i più alti dopo la Francia.

Non solo. Negli ultimi venti anni questi pedaggi sono più che raddoppiati passando da 2,5 miliardi di euro nel 1993 a oltre 6,5 miliardi nel 2012. E se le tariffe vengono inasprite di anno in anno, poi non seguono affatto i nuovi investimenti. Una situazione che basterebbe da sola a far cadere le concessioni per manifesta inottemperanza della più basilare delle condizioni. Altro che rinnovi automatici, dei quali per altro non si capisce la fretta.

QUANTA FRETTA, MA DOVE CORRI?
Se il gruppo Gavio (secondo tra i grandi concessionari nazionali) ha scadenze non lunghisime, invece Atlantia (che ha in pancia proprio Autostrade per l’Italia, cioè il gruppo nettamente più rilevante) ha concessioni valide fino al 2038. Quindi non proprio domani mattina. Eppure anche attreverso la potente associazione di settore Aiscat, guidata da Fabrizio Palenzona (un ex camionista che oggi colleziona poltrone, tra cui la presidenza della Fondazione Crt e la vicepresidenza di Unicredit) le concessionarie stanno cercando di agganciarsi a una legge europea che si sono fatte loro stesse e così blindarsi per altri decenni.

REPLICHE INCREDIBILI
Ovviamente i diretti interessati danno una versione dei fatti tutta differente. Poveri! A sentir loro quasi ci rimettono a gestire le autostrade. Purtroppo per loro, però, non ci sono argomenti più testardi dei numeri. E basta guardare i bilanci di Autostrade per l’Italia del primo trimestre 2015 per vedere 294 milioni di investimenti a fronte di 831 milioni di incassi netti da pedaggi. Investimenti che tra l’altro sono stati con fatica aumentati dagli appena 186 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso. Un sacrificio che secondo l’amministratore delegato di Atlantia, Giovanni Castellucci, giustificherebbe quel prolungamento delle concessioni senza gara che non dispiaceva all’ex ministro dei trasporti Maurizio Lupi. Poi Lupi è saltato per la storia dell’orologio regalato da un’impresa al figlio e al ministero è arrivato Graziano Delrio. Ministro di cui adesso sarà interessante vedere la reazione davanti alla denuncia di Bankitalia. Se ancora una volta non accadrà nulla, capiremo purtroppo molte cose.

Commenti

  1. francesco richichi

    Uno scandalo a celo aperto e nssn ne parla.. Per andare da RC a MI si paga quasi 80€.. In Italia nn hanno messo il bollino come nei paesi che guarda caso hanno economie ottime.. Nel lavoro ci sn tasse incredibili, nei consumi la stessa cosa, nei trasporti.. Messina Reggio Calabria i trasporti sono sotto cartello imposta da una burocrazia che non permette l’accrescimento di nuovi competitor.. Ormai l’ITALIA è in mano ai cattocomunisti.. che non necessariamente sono a sx.. Ormai stiamo morendo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Cosa insegna Treviso sui rifiuti

Alzi la mano chi aveva sentito mai parlare di modello Treviso. Si tratta – per tutti quelli che ancora non lo sanno – del sistema messo in piedi vent’anni fa nella provincia veneta per liberarsi dai rifiuti. Senza bisogno di termovalorizzatori dalle dubbie ricadute su inquinamento e salute, nel trevigiano smaltiscono il 100% della spazzatura…

Continua

Uno Stato che spreca ancora

La libertà di stampa e il valore del giornalismo non sono in discussione. Concetti che noi della Notizia sosteniamo da sempre e che ieri abbiamo potuto ribadire sul Blog delle stelle, cosa per la quale ringraziamo il Movimento Cinque Stelle. Ma questa libertà serve a ben poco, come un conto vincolato in banca, se non…

Continua

L’ipocrisia della libera stampa

Non lo facciamo spesso, ma il trambusto di questi giorni su una certa faziosità dei giornalisti ci obbliga a parlare anche di noi, perché La Notizia è uno dei non molti quotidiani nazionali nati in questi anni di grande crisi della stampa e soprattutto di proprietà di un editore puro. I padroni delle pagine che…

Continua

Se si torna al rigore perdiamo noi

Una bugia detta anche mille volte non diventa una verità, ma raccontandoci ogni giorno che la Manovra del Governo non funziona, il Pil cala, la fiducia scende, il Paese declina e tutte queste belle amenità, alla fine il clima diventa negativo per forza. D’altra parte a noi italiani piace farci male da soli. Contrapposti da…

Continua

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua