Autostrade, uno scandalo italiano

di Gaetano Pedullà

Autostrade per l’Italia è uno dei più grandi regali mai fatti dallo Stato a un privato, il gruppo Benetton, che si è immensamente arricchito sulle spalle degli italiani. Uno scandalo alla luce del sole, di cui in pochi parlano perché Benetton possiede giornali, potere e protezioni politiche. La storia è quella di un Paese che deve emettere debito pubblico – cioè di tutti noi – per costruire le sue autostrade. Poi un giorno affida la concessione di gran parte di questa rete in cambio di quattro soldi e una promessa: una quota dei pedaggi va utilizzata per investimenti. Ovviamente una promessa da marinaio, come chiunque può facilmente constatare facendosi un giretto per le nostre autostrade. Nonostante questo, proprio il concessionario controllato dai Benetton da mesi ha la faccia tosta di chiedere un prolungamento delle concessioni senza fare nessuna gara. Un diritto a vita, insomma. E dire che basterebbe un magistrato serio per restituire allo Stato questa gallina dalle uova d’oro. A spiegare perché è stata ieri la Banca d’Italia, rivelando che i ricavi da pedaggi per le concessionarie italiane sono i più alti dopo la Francia.

Non solo. Negli ultimi venti anni questi pedaggi sono più che raddoppiati passando da 2,5 miliardi di euro nel 1993 a oltre 6,5 miliardi nel 2012. E se le tariffe vengono inasprite di anno in anno, poi non seguono affatto i nuovi investimenti. Una situazione che basterebbe da sola a far cadere le concessioni per manifesta inottemperanza della più basilare delle condizioni. Altro che rinnovi automatici, dei quali per altro non si capisce la fretta.

QUANTA FRETTA, MA DOVE CORRI?
Se il gruppo Gavio (secondo tra i grandi concessionari nazionali) ha scadenze non lunghisime, invece Atlantia (che ha in pancia proprio Autostrade per l’Italia, cioè il gruppo nettamente più rilevante) ha concessioni valide fino al 2038. Quindi non proprio domani mattina. Eppure anche attreverso la potente associazione di settore Aiscat, guidata da Fabrizio Palenzona (un ex camionista che oggi colleziona poltrone, tra cui la presidenza della Fondazione Crt e la vicepresidenza di Unicredit) le concessionarie stanno cercando di agganciarsi a una legge europea che si sono fatte loro stesse e così blindarsi per altri decenni.

REPLICHE INCREDIBILI
Ovviamente i diretti interessati danno una versione dei fatti tutta differente. Poveri! A sentir loro quasi ci rimettono a gestire le autostrade. Purtroppo per loro, però, non ci sono argomenti più testardi dei numeri. E basta guardare i bilanci di Autostrade per l’Italia del primo trimestre 2015 per vedere 294 milioni di investimenti a fronte di 831 milioni di incassi netti da pedaggi. Investimenti che tra l’altro sono stati con fatica aumentati dagli appena 186 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso. Un sacrificio che secondo l’amministratore delegato di Atlantia, Giovanni Castellucci, giustificherebbe quel prolungamento delle concessioni senza gara che non dispiaceva all’ex ministro dei trasporti Maurizio Lupi. Poi Lupi è saltato per la storia dell’orologio regalato da un’impresa al figlio e al ministero è arrivato Graziano Delrio. Ministro di cui adesso sarà interessante vedere la reazione davanti alla denuncia di Bankitalia. Se ancora una volta non accadrà nulla, capiremo purtroppo molte cose.

  • francesco richichi

    Uno scandalo a celo aperto e nssn ne parla.. Per andare da RC a MI si paga quasi 80€.. In Italia nn hanno messo il bollino come nei paesi che guarda caso hanno economie ottime.. Nel lavoro ci sn tasse incredibili, nei consumi la stessa cosa, nei trasporti.. Messina Reggio Calabria i trasporti sono sotto cartello imposta da una burocrazia che non permette l’accrescimento di nuovi competitor.. Ormai l’ITALIA è in mano ai cattocomunisti.. che non necessariamente sono a sx.. Ormai stiamo morendo

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua

La finanza cade sempre in piedi

L’ipotesi del complotto per ora non regge. Il tribunale di Trani ha assolto le agenzie di rating Standard & Poor’s e Fitch dall’accusa di aver manipolato il mercato favorendo la grande speculazione che fece impennare lo spread sul nostro debito pubblico nel 2011. Un giochetto che gli italiani pagano ancora. Per effetto di quella crisi…

Continua

Juncker, ma ci faccia il piacere

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è un personaggio buffo. Dopo essere stato al governo del paradiso fiscale Lussemburgo, una volta approdato a Bruxelles è arrivato a darci lezione di sobrietà fiscale. Spiritoso, soprattutto quando ha il fiasco in mano, ieri ha superato se stesso lanciando un anatema alla perfida Albione. “Rimpiangerete l’Unione europea”,…

Continua