Autostrade, uno scandalo italiano

di Gaetano Pedullà

Autostrade per l’Italia è uno dei più grandi regali mai fatti dallo Stato a un privato, il gruppo Benetton, che si è immensamente arricchito sulle spalle degli italiani. Uno scandalo alla luce del sole, di cui in pochi parlano perché Benetton possiede giornali, potere e protezioni politiche. La storia è quella di un Paese che deve emettere debito pubblico – cioè di tutti noi – per costruire le sue autostrade. Poi un giorno affida la concessione di gran parte di questa rete in cambio di quattro soldi e una promessa: una quota dei pedaggi va utilizzata per investimenti. Ovviamente una promessa da marinaio, come chiunque può facilmente constatare facendosi un giretto per le nostre autostrade. Nonostante questo, proprio il concessionario controllato dai Benetton da mesi ha la faccia tosta di chiedere un prolungamento delle concessioni senza fare nessuna gara. Un diritto a vita, insomma. E dire che basterebbe un magistrato serio per restituire allo Stato questa gallina dalle uova d’oro. A spiegare perché è stata ieri la Banca d’Italia, rivelando che i ricavi da pedaggi per le concessionarie italiane sono i più alti dopo la Francia.

Non solo. Negli ultimi venti anni questi pedaggi sono più che raddoppiati passando da 2,5 miliardi di euro nel 1993 a oltre 6,5 miliardi nel 2012. E se le tariffe vengono inasprite di anno in anno, poi non seguono affatto i nuovi investimenti. Una situazione che basterebbe da sola a far cadere le concessioni per manifesta inottemperanza della più basilare delle condizioni. Altro che rinnovi automatici, dei quali per altro non si capisce la fretta.

QUANTA FRETTA, MA DOVE CORRI?
Se il gruppo Gavio (secondo tra i grandi concessionari nazionali) ha scadenze non lunghisime, invece Atlantia (che ha in pancia proprio Autostrade per l’Italia, cioè il gruppo nettamente più rilevante) ha concessioni valide fino al 2038. Quindi non proprio domani mattina. Eppure anche attreverso la potente associazione di settore Aiscat, guidata da Fabrizio Palenzona (un ex camionista che oggi colleziona poltrone, tra cui la presidenza della Fondazione Crt e la vicepresidenza di Unicredit) le concessionarie stanno cercando di agganciarsi a una legge europea che si sono fatte loro stesse e così blindarsi per altri decenni.

REPLICHE INCREDIBILI
Ovviamente i diretti interessati danno una versione dei fatti tutta differente. Poveri! A sentir loro quasi ci rimettono a gestire le autostrade. Purtroppo per loro, però, non ci sono argomenti più testardi dei numeri. E basta guardare i bilanci di Autostrade per l’Italia del primo trimestre 2015 per vedere 294 milioni di investimenti a fronte di 831 milioni di incassi netti da pedaggi. Investimenti che tra l’altro sono stati con fatica aumentati dagli appena 186 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso. Un sacrificio che secondo l’amministratore delegato di Atlantia, Giovanni Castellucci, giustificherebbe quel prolungamento delle concessioni senza gara che non dispiaceva all’ex ministro dei trasporti Maurizio Lupi. Poi Lupi è saltato per la storia dell’orologio regalato da un’impresa al figlio e al ministero è arrivato Graziano Delrio. Ministro di cui adesso sarà interessante vedere la reazione davanti alla denuncia di Bankitalia. Se ancora una volta non accadrà nulla, capiremo purtroppo molte cose.

  • francesco richichi

    Uno scandalo a celo aperto e nssn ne parla.. Per andare da RC a MI si paga quasi 80€.. In Italia nn hanno messo il bollino come nei paesi che guarda caso hanno economie ottime.. Nel lavoro ci sn tasse incredibili, nei consumi la stessa cosa, nei trasporti.. Messina Reggio Calabria i trasporti sono sotto cartello imposta da una burocrazia che non permette l’accrescimento di nuovi competitor.. Ormai l’ITALIA è in mano ai cattocomunisti.. che non necessariamente sono a sx.. Ormai stiamo morendo

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Imprenditori suicidi. Al rogo chi crea lavoro

Visto che non lo fa il Sole 24 Ore lo facciamo più modestamente noi della Notizia. Vogliamo dire una verità che farà storcere il naso a tante anime belle, tanto certe che tutte le Ong abbiano solo fini umanitari, quanto sicure che gli imprenditori in questo Paese sono sempre corruttori o evasori fiscale? Per un…

Continua

Le mezze verità di Napolitano su Gheddafi

Le persone di una certa età si sa che possono avere inconvenienti con la memoria. Non deve fare eccezione Giorgio Napolitano, ex Presidente della Repubblica che ieri disinvoltamente si è tolto di dosso ogni responsabilità per l’intervento militare italiano contro Gheddafi nel 2011. Formalmente non ha detto falsità e non c’è dubbio che Berlusconi si…

Continua

Caso Fincantieri, se Bruxelles alimenta la barbarie

Occhio per occhio… secoli di cultura industriale, di deontologia in economia, di diplomazia e regole europee andate in fumo in pochi giorni per una prepotenza del governo francese alla quale doveva essere la Commissione europea prima di chiunque altro a rispondere, impedendo la nazionalizzazione dei cantieri navali di Saint-Nazaire conquistati secondo le regole del mercato…

Continua

Roma governata dal caos

Nell’editoriale di ieri spiegavamo che il disastro di trasporti, degrado e disorganizzazione in cui versa Roma è frutto del passato ma anche del dilettantismo con cui la Capitale è amministrata dai Cinque Stelle. Ci sbagliavamo. Quello che sta accadendo in Campidoglio non ha nulla a che fare con il dilettantismo perché si tratta di professionismo…

Continua

Amministrazione Raggi: Roma nel degrado più totale. Paghiamo per i dilettanti allo sbaraglio

Quello che si è visto ieri per le strade di Roma supera il limite della decenza. E spiega perché in questa città l’Isis non ha fatto attentati: a rendere la vita un incubo per i cittadini ci pensano già gli amministratori. E ci riescono benissimo. Ieri era ampiamente prevista la chiusura di un pezzo del…

Continua

Una politica allergica alle cure forti

I problemi di Roma vengono da lontano, la siccità non è certo colpa dei Cinque Stelle e in un anno neppure la migliore amministrazione al mondo poteva fare i miracoli. Qui però i guai aumentano e alle responsabilità più antiche se ne sommano di nuove. L’amministratore dell’Atac andato via dopo poche settimane era stato scelto…

Continua

L’autonomia delle toghe e la lezione di Melillo

Se il magistrato Giovanni Melillo non avesse il curriculum che ha, non l’avrebbe scampata al fuoco di sbarramento contro la promozione arrivata ieri alla guida della Procura di Napoli. Con tutti i guai del Paese la vicenda può sembrare una questione minore ma non lo è per niente. Quella che va in scena da mesi…

Continua

Ci mancava lo spot della casta

Botte da orbi per esibire la paternità di una presa in giro. Con la legislatura ormai vicina al “game over” la Camera ce l’ha fatta ad approvare la legge che taglia i vitalizi dei parlamentari. Un privilegio immorale fatto fuori con una norma incostituzionale, che quasi certamente in questo Parlamento non diventerà definitiva. I Cinque…

Continua

Un deposito nucleare per la politica

Avere una tavola piena di cibi ben cotti e morire di fame perché non sappiamo che piatto scegliere. Siamo capaci anche di questo, soprattutto se il piatto scotta quanto scotta nell’opinione pubblica tutto ciò che si porta attaccato la parola nucleare. Qui il piatto sono le aree su cui far sorgere il deposito nazionale che…

Continua

Da Bruno Caccia alla Lucarelli, la tortura della giustizia lumaca

Neppure un animo incendiario come quello di Selvaggia Lucarelli ha retto alla tensione di una sentenza arrivata dopo sette anni. I giudici l’hanno assolta dal temibilissimo reato di aver sottratto da un computer le foto di una festa vip e l’imputata ha finito di scontare una tortura mediatica che comunque l’è costata più della pena…

Continua