Autostrade, uno scandalo italiano

di Gaetano Pedullà

Autostrade per l’Italia è uno dei più grandi regali mai fatti dallo Stato a un privato, il gruppo Benetton, che si è immensamente arricchito sulle spalle degli italiani. Uno scandalo alla luce del sole, di cui in pochi parlano perché Benetton possiede giornali, potere e protezioni politiche. La storia è quella di un Paese che deve emettere debito pubblico – cioè di tutti noi – per costruire le sue autostrade. Poi un giorno affida la concessione di gran parte di questa rete in cambio di quattro soldi e una promessa: una quota dei pedaggi va utilizzata per investimenti. Ovviamente una promessa da marinaio, come chiunque può facilmente constatare facendosi un giretto per le nostre autostrade. Nonostante questo, proprio il concessionario controllato dai Benetton da mesi ha la faccia tosta di chiedere un prolungamento delle concessioni senza fare nessuna gara. Un diritto a vita, insomma. E dire che basterebbe un magistrato serio per restituire allo Stato questa gallina dalle uova d’oro. A spiegare perché è stata ieri la Banca d’Italia, rivelando che i ricavi da pedaggi per le concessionarie italiane sono i più alti dopo la Francia.

Non solo. Negli ultimi venti anni questi pedaggi sono più che raddoppiati passando da 2,5 miliardi di euro nel 1993 a oltre 6,5 miliardi nel 2012. E se le tariffe vengono inasprite di anno in anno, poi non seguono affatto i nuovi investimenti. Una situazione che basterebbe da sola a far cadere le concessioni per manifesta inottemperanza della più basilare delle condizioni. Altro che rinnovi automatici, dei quali per altro non si capisce la fretta.

QUANTA FRETTA, MA DOVE CORRI?
Se il gruppo Gavio (secondo tra i grandi concessionari nazionali) ha scadenze non lunghisime, invece Atlantia (che ha in pancia proprio Autostrade per l’Italia, cioè il gruppo nettamente più rilevante) ha concessioni valide fino al 2038. Quindi non proprio domani mattina. Eppure anche attreverso la potente associazione di settore Aiscat, guidata da Fabrizio Palenzona (un ex camionista che oggi colleziona poltrone, tra cui la presidenza della Fondazione Crt e la vicepresidenza di Unicredit) le concessionarie stanno cercando di agganciarsi a una legge europea che si sono fatte loro stesse e così blindarsi per altri decenni.

REPLICHE INCREDIBILI
Ovviamente i diretti interessati danno una versione dei fatti tutta differente. Poveri! A sentir loro quasi ci rimettono a gestire le autostrade. Purtroppo per loro, però, non ci sono argomenti più testardi dei numeri. E basta guardare i bilanci di Autostrade per l’Italia del primo trimestre 2015 per vedere 294 milioni di investimenti a fronte di 831 milioni di incassi netti da pedaggi. Investimenti che tra l’altro sono stati con fatica aumentati dagli appena 186 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso. Un sacrificio che secondo l’amministratore delegato di Atlantia, Giovanni Castellucci, giustificherebbe quel prolungamento delle concessioni senza gara che non dispiaceva all’ex ministro dei trasporti Maurizio Lupi. Poi Lupi è saltato per la storia dell’orologio regalato da un’impresa al figlio e al ministero è arrivato Graziano Delrio. Ministro di cui adesso sarà interessante vedere la reazione davanti alla denuncia di Bankitalia. Se ancora una volta non accadrà nulla, capiremo purtroppo molte cose.

Commenti

  1. francesco richichi

    Uno scandalo a celo aperto e nssn ne parla.. Per andare da RC a MI si paga quasi 80€.. In Italia nn hanno messo il bollino come nei paesi che guarda caso hanno economie ottime.. Nel lavoro ci sn tasse incredibili, nei consumi la stessa cosa, nei trasporti.. Messina Reggio Calabria i trasporti sono sotto cartello imposta da una burocrazia che non permette l’accrescimento di nuovi competitor.. Ormai l’ITALIA è in mano ai cattocomunisti.. che non necessariamente sono a sx.. Ormai stiamo morendo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Finti razzisti e ipocriti certificati

Se i risultati dei vertici internazionali si misurassero dall’intensità di sorrisi e strette di mano, quello di ieri tra Conte e la Merkel sarebbe poca cosa rispetto ad altri faccia a faccia tra la stessa cancelliera e nostri premier come Monti, Renzi e Gentiloni, giusto per fermarci agli esempi più recenti. Tutti incontri chiusi con…

Continua

Un silenzio da Prima Repubblica

L a natura differente dei Cinque Stelle. Differente dai vecchi partiti maneggioni, da chi governa e dice una cosa mentre ne pensa un’altra, dalla politica che nasconde la verità, trattando i cittadini come sudditi. Ecco perché il Movimento è diventato rapidamente un gigante nei consensi, fino a conquistare il Governo del Paese. Ora è chiaro…

Continua

L’intrallazzo Capitale non perdona

Sarebbe bene leggerle le 288 pagine dell’ordinanza che chiude la partita sullo stadio della Roma. Nelle intercettazioni della Procura c’è un concentrato dell’intrallazzo Capitale. Palazzinari che pagano per pilotare politici e burocrazia, consulenti che si spartiscono mazzette, esponenti di partito perennemente col cappello in mano: un film già visto, dove l’unica novità è che stavolta…

Continua

Un cinico traballante all’Eliseo

Inutile perdere troppo tempo sulle parole rivolte dal presidente francese Macron all’Italia per la vicenda della nave Aquarius. Come vedete accanto lo chiamiamo Micron, e abbiamo detto tutto. Quello che ci interessa di più è capire come sia possibile che l’enfant prodige della nuova politica trasversale ai tradizionali partiti di destra e sinistra sia arrivato…

Continua

La finta solidarietà di Madrid

Perdevamo colpendo uniti ai tempi delle crociate, a maggior ragione perdiamo oggi facendo tutta Europa di testa propria. Nella penosa vicenda della nave Aquarius, un esercito di poveri africani armati solo di fame e disperazione ha sbaragliato gli opulenti Paesi al di qua del Mediterraneo, carichi di egoismi e protagonismi, arrivati a livelli di disumanità…

Continua

Buona la prima di Conte al G7. L’Italia torna a contare nel mondo

Qualche decina di acuti frequentatori dei social network, quasi tutti dichiaratamente grillini, ieri ci ha duramente criticato per aver rivelato che alcuni ministri hanno rapporti forti con gli Stati Uniti. L’argomento è stato scambiato per un velleitario tentativo di screditare il Governo, quando invece da una tale informazione si evince che il premier e la…

Continua

Un giusto segnale alle imprese

Ora che ne ha meno bisogno, chissà quando Beppe Grillo offrirà una delle sue pastiglie di Maalox a Vincenzo Boccia e tutto il blasonato stato maggiore della Confindustria. Aver visto il leader dei Cinque Stelle Luigi Di Maio che promette mari e monti all’assemblea della Confcommercio, mentre alla stessa messa cantata degli industriali c’è andato…

Continua

La ricetta liberale di Salvini

Incassata la fiducia anche alla Camera, ora il Governo Conte non ha altro da fare che cominciare a lavorare. Archiviamo dunque la campagna elettorale, e pazienza se ancora chi non ci vuole stare. Certo, il contratto di M5S e Lega ha qualche punto debole, ma su molte cose le idee sono chiare e su queste…

Continua

Così l’Italia fa saltare il tappo Ue

Mentre gli esegeti del Conte-pensiero fanno le pulci al discorso con cui ieri il premier ha incassato la fiducia al Senato, il nuovo Governo sta già rivoltando le regole assurde che ci hanno imposto dall’Europa. Per questo a noi interessa poco il dibattito sulle singole parole pronunciate dal Presidente del Consiglio in Parlamento, dove a…

Continua

Polemiche sui migranti, Governo e Sinistra in eterna campagna elettorale

Dopo gli infiniti errori fatti sui migranti, quel che resta di una Sinistra a corto di idee e di elettori ha deciso di schiantarsi proprio su questo scoglio. A dare la linea dalle pagine sempre più borghesi di Repubblica sono gli alfieri di una intellighenzia che non ci vuole proprio stare ad aver perso le…

Continua