Azioni dolose per espugnare il Monte

di Gaetano Pedullà

Brutta storia se le banche centrali un giorno regalano miliardi di euro per sostenere il sistema finanziario e quello dopo indossano i panni dell’Isis, terrorizzando il comparto e in particolare – chissà come mai – qualche ben individuato istituto di credito. Questo è quanto succede da anni sotto gli occhi di tutti con il Monte dei Paschi di Siena. Una banca che paga certamente le scelte di vecchi amministratori scellerati, ma che adesso è chiaramente vittima di un disegno criminoso: farne crollare il valore per consentire a qualche cavaliere bianco di conquistarla con due soldi. Tra richiami, stress test, pressioni della vigilanza (certamente senza confronti con le banche finite in risoluzione) la Bce ha pesato non poco nella fuga degli investitori che ha fatto perdere a Siena il 73,3% di valore solo quest’anno. Un’azione che a questo punto ha molte ragioni per apparire premeditata, un tirare la volata a chi vuole espugnare Siena. Un mandante ancora segreto, che però conosceremo presto. Esattamente il giorno in cui il sicario di Francoforte avrà finito il suo compito. Nel silenzio colpevole di un Paese che non sa difendere neppure le sue grandi banche.

  • honhil

    A proposito di banche e di risparmi. Giampaolo Pansa, su Libero, stamane scrive: «Se toccate i risparmi veniamo a cercarvi». Su Repubblica, invece, campeggia un titolo di segno opposto: «La cricca delle nomine. “Così ho fatto assumere il fratello di Alfano alle Poste”». Come dire, in quei due titoli, c’è la fotografia dell’Italia di ieri e di oggi. Del domani, si sa, non c’è certezza. Anche se l’isis è da tempo che ci studia sopra. Di certo c’è, però, per rispondere a Pansa, che gli italiani sono un popolo di asini. Nel senso che sopportano ogni tipo di angheria, senza ribellarsi mai. Sì, l’uomo dalle almeno tre pensioni d’oro, l’Amato che il mondo ci invidia, almeno così la Stampa di sinistra ci ha raccontato di lui (anche quando di notte ha rapinato tutti i correntisti italiani con un decreto urgente), ha tradito gli italiani più volte. E prima ancora aveva tradito Craxi. Ma c’è un solo modo per cancellare una classe politica così disonesta. Entrare in Parlamento e prenderli tutti a calci in culo. Certo l’Isis agirebbe in modo diverso. Ma l’importante è trovare la risolutezza e agire. Invece, Angelino Alfano è sinonimo di africanizzazione. Il suo successo politico, oramai, l’ha alle spalle. Mentre il suo odierno appeal politico è dello 0,0001. E’ destinato a scomparire insieme al suo Ncd. L’assunzione di suo fratello è cosa vecchia. Che, di tanto in tanto, il tam tam del fango porta a galla. Detto questo, dov’è lo scoop? Repubblica cambia il pelo ma non il vizio. Adesso c’è da capire, tuttavia, cosa è che vuole coprire, con questo polverone di stagione alzato così maldestramente? Non è che sono proprio le “Azioni dolose per espugnare il Monte” che, Repubblica, sta coprendo?

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’Europa spartita all’Eliseo

Un’Europa più sovrana, efficace e democratica. Il presidente francese Macron e la quasi confermata cancelliera tedesca Merkel hanno deciso che sarà questo il volto dell’Europa che si stanno spartendo, alla faccia del rispetto per la democrazia e la sovranità degli altri Paesi. I due leader partono da un punto incontestabile: così com’è questa Europa non…

Continua

L’inutile guerra a Bettino

Un Paese che guarda avanti utilizzando gli occhiali del passato. E per questo sbatte regolarmente la testa al muro. Non bastassero i problemi che abbiamo, se per un giorno non c’è motivo di polemizzare e di dividerci, ecco che lo costruiamo in quattro e quattr’otto, a costo di spostarci con la memoria alla tangentopoli di…

Continua

Il fantastico Centro per l’impiego

In Italia un centro per l’impiego come quello che aprono oggi i Cinque Stelle non si era visto mai. I posti in palio sono decine e la paga non è male. Nessuna paura se non si dispone di un gran curriculum: basterà che votino un po’ di buoni amici e il gioco è fatto, si…

Continua

De Benedetti, l’autogol delle toghe

Se l’Italia è il Paese dei furbi che conosciamo parte della colpa è di una Giustizia che si fa fatica a comprendere, oltre che sentire giusta. E come credere davvero che la Legge sia uguale per tutti quando sentiamo da una parte il pm Di Matteo risalire agli Assiri e ai Babilonesi pur di incastrare…

Continua

Fake news e altre promesse

Una tassa che viene (sul serio) e una tassa che va (a chiacchiere). Il Pd di Matteo Renzi, convinto sostenitore della nuova imposta sulle buste dell’ortofrutta, si scorda di aver governato negli ultimi cinque anni, e a due mesi dalle elezioni promette l’abolizione del canone Rai. Perché non l’abbia fatto prima è un mistero, mentre…

Continua

La fortuna dei manager perplessi

La tassa sui sacchetti dell’ortofrutta non smette di stupire, non solo per l’approssimazione con cui si è fatta la norma, perfetta per fare incassare i produttori, molto meno per ridurre l’inquinamento. Renzi e il Pd hanno difeso a spada tratta l’iniziativa, senza spiegare però – se è così nobile – per quale motivo l’hanno infilata…

Continua

I voti del Pd gettati via a sacchetti

Matteo Renzi non ci sta a prendersi le maledizioni dei consumatori, centuplicate dai social network, per la norma che fa pagare le bustine dell’ortofrutta. L’esborso ha una nobile motivazione di politica ambientale – rivendica l’ex premier – ed è una fake news che il Parlamento abbia favorito una specifica azienda, facendo riferimento alla Novamont guidata…

Continua

Sui rifiuti chiacchiere e illusioni

Un dialogo tra sordi, dove l’unica cosa che si sente è la puzza di una politica rissosa e inconcludente. Un deputato Cinque Stelle emiliano, tale Michele Dell’Orco, attacca la sua Regione perché “inventa” l’emergenza rifiuti a Roma. Le 15mila tonnellate di spazzatura che la sindaca Raggi ha chiesto di smaltire eventualmente a Bologna sono quanto…

Continua

Agli statali non bastava un regalo

Se si fa un regalo elettorale bisogna farlo bene. E dunque dopo aver aperto il cordone della borsa per dare un aumento di stipendio agli statali, adesso si sta correndo per mettere in busta paga gli arretrati. Soldi da fare arrivare ovviamente un attimo prima del 4 marzo, guarda caso la data delle elezioni. Dopo…

Continua

Cinque anni al minimo sindacale

Il Presidente del Consiglio Gentiloni l’ha detta giusta: il suo Governo ha garantito una fine ordinata della legislatura. Per un esecutivo fotocopia di quello precedente, tirato fuori dal cilindro di Napolitano anziché dalle urne, il risultato minimo è comunque un risultato. Il Paese meritava di più, meritava di meglio? Certo che sì, soprattutto perché le…

Continua