Che silenzio sul Paese che riparte. L’Istat segnala una nuova crescita della produzione industriale a febbraio ma non ce lo dicono

di Gaetano Pedullà

Ci sono notizie che su certi giornali non ce la fanno proprio a resistere, e nelle edizioni online crollano quasi subito in coda ad altre cento, mentre sui quotidiani di carta si parcheggiano in poche righe in fondo alle pagine interne, quando non sono stravolte per essere spiegate esattamente al contrario. Così ieri c’è stato poco da stupirsi nel vedere il dato nazionale sulla produzione industriale letteralmente sparire dai siti delle maggiori testate, superato dalla foto del buco nero, i regolamenti di conti nel Pd dopo l’assoluzione dell’ex sindaco Marino e ovviamente il solito pianto delle grandi imprese sull’economia nazionale e le critiche al Def, cioè le previsioni finanziarie del Governo appena spedite ai controllori di Bruxelles.

Certo, fosse stato negativo, questo dato sarebbe rimasto in cima, abbondantemente commentato dai competenti del Pd, di Forza Italia e dei loro giornalisti di complemento, ma purtroppo per loro l’Istat segnala una nuova crescita della produzione industriale a febbraio, centrando la seconda variazione congiunturale positiva (+0,8%) dopo quattro mesi di cali. Insomma, la coda delle politiche economiche del precedente Governo ci ha lasciato in mutande, mentre già con i primi effetti del decreto dignità varato a luglio scorso si è invertita la rotta. Una lettura, questa, confermata anche dalla proiezione dell’Istituto nazionale di statistica su base annua, dove si registra una prima dinamica espansiva, con un aumento dello 0,9% rispetto a febbraio 2018.

Tale risultato deriva principalmente dal buon andamento dei beni di consumo (+4,7% su base annua, +3,2% sul mese) e, in misura inferiore, dai beni strumentali (+1,5% su anno, +1,1% sul mese). Diminuisce invece in modo marcato l’energia (-4,1%) mentre più moderata è la diminuzione dei beni intermedi (-1,1%).  Ora è chiaro che queste crescite, inserite in un contesto economico da tempo negativo, non bastano ad escludere una terza contrazione congiunturale consecutiva nel primo trimestre 2019, facendoci transitare dalla recessione tecnica a quella conclamata, ma adesso è più probabile che questo non accada, e ciò cambierebbe lo scenario macro che più interessa ai grandi investitori, sottraendo l’Italia dall’imbarazzante posizione di recessione a quella più comoda di semplice stagnazione.

Ce ne sarebbe, dunque, da gioirne tutti, se non fosse che il nostro Paese preferisce sabotarsi da solo pur di non fare gioco di squadra. Così si continua a sparare contro ogni manovra del Governo, comprese quelle che non hanno ancora cominciato a distendere gli effetti, come il Reddito di cittadinanza e Quota cento. Retorica dello sfascio a parte, il quadro che abbiamo realmente di fronte resta complicatissimo, ma decisamente meno degradante di come ce lo raccontano. Sempre sui grandi giornali non c’è quasi traccia del boom registrato dalla nostra Borsa non su una settimana o su un mese, ma sull’intero primo trimestre di quest’anno. Una crescita che non ha pari negli ultimi nove anni, e che se è vero non fa ancora recuperare tutte le perdite precedenti – quelle cioè cominciate quando a Palazzo Chigi c’erano gli Esecutivi con cui saltavano le banche – testimonia una fiducia dei grandi investitori internazionali sul nostro Paese e che piaccia o no anche su chi lo guida.

Lo spread sul nostro debito resta però alto, e questo è l’argomento principe utilizzato dai detrattori delle politiche dei gialloverdi, persino a costo del ridicolo visto che ai tempi di Berlusconi cacciato da Palazzo Chigi proprio per lo spread alle stelle, questo parametro adesso diventato sacro era una truffa e la prova provata del dominio antidemocratico dei mercati sulla sovranità popolare. La giustificazione penosa che viene data è quella di definire lo spread di allora indotto dalle banche tedesche, mentre il differenziale tra i nostri titoli del debito pubblico e gli equivalenti di Berlino intorno ai 250 punti è attribuito a misteriosi motivi esogeni, come se i Btp si vendessero da soli. La verità, come è semplicemente logico, sta in un evidente e gravissimo errore della Banca centrale europea, che ha interrotto troppo presto il quantitative easing, cioè l’immissione di liquidità monetaria sui mercati finanziari.

Al contrario degli Usa, dove questa stessa manovra è durata anni dopo la crisi scatenata dalla Lehman Brothers, in Europa i tedeschi ne hanno imposto una chiusura accelerata, tradendo lo stesso pilastro della Bce, cioè la stabilità monetaria e il conseguente livello del 2% per l’inflazione. Un livello abbondantemente mancato (se va bene l’Eurozona raggiungerà l’1,2%), e pertanto resta grottesco che a noi ci si faccia la lezione imponendo politiche virtuose e di austerità, mentre dalla Commissione di Bruxelles all’Eurotower di Francoforte non ne imbroccano una, e ci lasciano un’Europa ovunque in frenata.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La vicenda Siri. Le sparate di Salvini. Gli attacchi alla Raggi. Ora vi dico se il Governo dura o no

Curiosa metamorfosi ieri per Matteo Salvini, effetto evidente dei nuovi venti in arrivo dalle Procure. Il ministro che vuole mettere i prefetti al posto dei sindaci incapaci – a suo dire – di agire con forza contro il degrado delle città, se l’è presa ancora una volta con la sindaca Virginia Raggi, registrata illegalmente in…

Continua

La pubblicità è l’anima della Lega. La febbre da elezioni sta spingendo Salvini a spararla ogni giorno più grossa

Dopo essersi preso l’esercito, con una direttiva sui migranti che non compete al Viminale, Matteo Salvini fa sue anche le città, affidando ai prefetti il contrasto al degrado che è compito dei sindaci. Ci manca solo che commissari gli arbitri per far vincere il suo Milan, e magari mentre ci siamo il Parlamento e il…

Continua

I proclami e le circolari di Salvini sono solo arnesi di una propaganda che serve ad acchiappare consensi

D’accordo che ormai c’è la nuova legge sulla legittima difesa – a proposito, a settimane dall’approvazione non c’è traccia del Far West immaginato dalle opposizioni – ma sparare sull’esercito non è una grande idea, soprattutto se a farlo è il ministro dell’Interno, titolare di competenze ben distinte da quelle della Difesa. Matteo Salvini però a…

Continua

Parigi gioca col fuoco. La crisi libica sta diventando una guerra

Il rogo di Notre Dame rende più faticoso ma ugualmente necessario tornare su un altro incendio francese che rischia di far danni infinitamente maggiori. In Libia, il proseguire delle ostilità tra due eserciti pressoché disarmati – come sono quelli del generale Haftar e delle milizie fedeli ad al-Sarraj – sta diventando una vera guerra, con…

Continua

Gli scontrini non pagati da Marino. Bene l’assoluzione ma quell’accusa fu l’alibi per far saltare un sindaco definito “marziano” anche dal suo partito

L’assoluzione di Ignazio Marino in Cassazione con la formula “il fatto non sussiste” è una notizia sicuramente buona per il professore, ma del tutto ininfluente per il politico ex sindaco di Roma. Contrariamente a quanto ancora adesso si racconta, il primo cittadino non perse la poltrona per le spese con la carta di credito del…

Continua

Pd, partito delle balle. I dem dimenticano che al timone del Paese c’era il Governo delle falle quando l’Europa ci impose il bail-in

Per il Pd quello gialloverde è il Governo delle balle, perché tra breve risarcirà migliaia ma non tutti i truffati delle banche. Con un’incredibile faccia tosta, si fa finta di dimenticare che al timone del Paese c’era il Governo delle falle quando l’Europa ci impose il bail-in e nessuno disse niente, ci fecero saltare da…

Continua

Il Grande fratello delle toghe. I magistrati si cancelleranno dai social network? E’ molto improbabile

L’ex ministro e sindaco di Roma Francesco Rutelli pare che abbia provato a dissuadere la figlia a non partecipare alla prossima edizione del Grande Fratello usando argomenti più espliciti di quelli con cui il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sconsigliato i social network ai magistrati. Stare sulla rete e in genere sui media –…

Continua

Le “manine” nei ministeri e i sospetti sul ministro Tria. Conte è circondato da una danza macabra e affollatissima

Con tutta la ciccia che c’è nel decreto Crescita approvato ieri dal Consiglio dei ministri, oggi dovremmo festeggiare un grande passo avanti per il Paese. E invece la formula del via libera “salvo intese” e ancor di più il rinvio dei rimborsi per i truffati delle banche accendono il primo vero allarme sul Governo. Il…

Continua

Il valore dei privilegi perduti. Rispettando il denaro pubblico la politica torna a rispettare i cittadini

Cosa volete che siano 150 milioni dentro il bilancio di uno Stato con 800 miliardi l’anno di spesa pubblica? Poca roba, è chiaro, ma come diceva Totò è la somma che fa il totale, e dunque i 150 milioni che si risparmieranno in cinque anni grazie all’abolizione dei vitalizi annunciata ieri per i consiglieri regionali…

Continua

Juncker ce la vuole dare a bere. A Roma il numero uno degli euroburocrati ne ha combinata una delle sue

Se devi ubriacarti, ubriacati di vino buono. Questo detto, che sospettiamo non sia sconosciuto al presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, suggerisce di fare le cose in grande, anche quando sono riprovevoli. Così il numero uno degli euroburocrati ieri ha accusato alcuni indefiniti ministri italiani di essere bugiardi, perché grazie al piano di aiuti europei…

Continua