Come si dice in arabo gratitudine?

di Gaetano Pedullà

Una grande riconoscenza comporta molta delicatezza, scriveva alla fine del Seicento Jean de La Bruyère, un moralista francese di cui il sindaco di Olbia Settimo Nizzi evidentemente non conosce gli aforismi. L’idea di intitolare una scuola elementare della sua città alla madre dell’Emiro del Qatar, Al Thani, sta facendo passare gli olbiesi per ingrati e lo stesso primo cittadino per nemico della libertà di stampa. Un esito imprevedibile per quello che Nizzi immaginava come un bel gesto verso la famiglia che sta spendendo un sacco di milioni in Gallura, salvando la compagnia aerea Meridiana (adesso rinominata Airitaly), realizzando un ospedale e facendo lavorare migliaia di persone negli hotel della Costa Smeralda. Di cosa hanno bisogno d’altra parte questi miliardari che a suon di petrodollari possono comprarsi tutto? Una bella targa, dunque, avrebbe mostrato a buon mercato una riconoscenza che il territorio deve ai reali del Qatar. Anche perché proprio la scuola da intitolare alla madre dell’Emiro è stata in parte ricostruita dopo l’alluvione del 2013 con una donazione della gentile signora. Unica cosa a cui Nizzi non ha pensato è stato chiedere ai suoi concittadini che ne pensassero. Una lacuna coperta dal sito d’informazione locale Olbia.it, che ha fatto un sondaggio tra i suoi lettori, scoprendo che il 96% di circa tremila votanti non era affatto d’accordo col sindaco. Un risultato che Nizzi non ha preso affatto bene, ordinando per ripicca di escludere la testata dalla mailing list del Comune. Una censura non rara.

Il blackout mirato della comunicazione da parte di chi dovrebbe essere sempre trasparente e collegato ai cittadini (o ai clienti nel caso di società che offrono servizi pubblici) è purtroppo molto più frequente di quello che i non addetti ai lavori possano pensare. La Notizia – per fare l’esempio a noi più facile – in cinque anni di pubblicazioni è stata esclusa persino dalle mailing list di aziende controllate dallo Stato che, in teoria, sarebbero obbligate a fornire almeno i più importanti dati economici e finanziari. Per non parlare di istituzioni e blasonate associazioni di categoria, anche del mondo finanziario, che hanno escluso questo giornale che adesso avete in mano dalle proprie rassegne stampa, così da nascondere almeno ai dirigenti gli eventuali articoli non graditi. Piccolezze di un Paese dove persone che sentono l’informazione come un fastidio coprono spesso ruoli determinanti. Personalità o sedicenti manager illuminati, che nei discorsi pubblici si pregiano pure di sostenere la stampa (purché sia amica).

Per tutti questi motivi il sindacato dei giornalisti e pezzi del mondo dell’informazione hanno espresso alla testata Olbia.it una solidarietà alla quale anche La Notizia si associa, convinti come siamo che nel nostro Paese c’è un deficit fortissimo sul diritto di stampa e di critica. Un tentativo di censura che trova nel ricorso temerario ai tribunali il gradino più alto di una visione distorta del rapporto che deve esserci tra poteri (siano politici, economici o di altro genere poco importa) e chi fa seriamente informazione. Il sindaco di Olbia è perciò in abbondante compagnia, vittima di un atteggiamento che lo ha scaraventato da una situazione di potenziale ragione in una condizione oggettivamente di torto. Cosa ha sbagliato Nizzi? Offrire un riconoscimento a un grande benefattore è un gesto di cortesia e gratitudine difficile da contestare. Dunque l’errore è stato solo nel non condividere la sua idea con i cittadini o perlomeno con i diretti interessati della comunità scolastica coinvolta.

Il sondaggio però l’ha avvertito di questo problema, e se il sindaco invece di minacciare avesse preso la palla al balzo, oggi non starebbe a difendersi dall’accusa di voler censurare chi ha fatto col suo lavoro un servizio utile anche all’amministrazione comunale. Aiutando la Giunta a regolare il tiro e non far passare i cittadini di Olbia per ingrati, confondendo un sentimento che i sardi non hanno con una rivalsa per una mossa che nessuno gli ha spiegato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua

Ritorsione politica da Bruxelles

Una Commissione europea arrivata a fine corsa e con il fiato dei movimenti sovranisti sul collo ha fatto il più classico degli errori. La bocciatura della nostra Manovra per il 2019 è infatti la tipica azione inconsulta di chi è in preda al panico, e per colpire un avversario che fa paura finisce per spararsi…

Continua

I leader si vedono adesso

La maggioranza che va sotto alla Camera, dove 5 Stelle e Lega hanno un margine larghissimo sulle opposizioni, è il segnale peggiore che l’Italia possa dare mentre l’Europa si prepara a infilzarci, bocciando la Manovra economica. I giochetti di un manipolo di parlamentari senza la statura necessaria per una battaglia epocale tra spread e democrazia…

Continua

Cosa insegna Treviso sui rifiuti

Alzi la mano chi aveva sentito mai parlare di modello Treviso. Si tratta – per tutti quelli che ancora non lo sanno – del sistema messo in piedi vent’anni fa nella provincia veneta per liberarsi dai rifiuti. Senza bisogno di termovalorizzatori dalle dubbie ricadute su inquinamento e salute, nel trevigiano smaltiscono il 100% della spazzatura…

Continua

Uno Stato che spreca ancora

La libertà di stampa e il valore del giornalismo non sono in discussione. Concetti che noi della Notizia sosteniamo da sempre e che ieri abbiamo potuto ribadire sul Blog delle stelle, cosa per la quale ringraziamo il Movimento Cinque Stelle. Ma questa libertà serve a ben poco, come un conto vincolato in banca, se non…

Continua