Come si dice in arabo gratitudine?

di Gaetano Pedullà

Una grande riconoscenza comporta molta delicatezza, scriveva alla fine del Seicento Jean de La Bruyère, un moralista francese di cui il sindaco di Olbia Settimo Nizzi evidentemente non conosce gli aforismi. L’idea di intitolare una scuola elementare della sua città alla madre dell’Emiro del Qatar, Al Thani, sta facendo passare gli olbiesi per ingrati e lo stesso primo cittadino per nemico della libertà di stampa. Un esito imprevedibile per quello che Nizzi immaginava come un bel gesto verso la famiglia che sta spendendo un sacco di milioni in Gallura, salvando la compagnia aerea Meridiana (adesso rinominata Airitaly), realizzando un ospedale e facendo lavorare migliaia di persone negli hotel della Costa Smeralda. Di cosa hanno bisogno d’altra parte questi miliardari che a suon di petrodollari possono comprarsi tutto? Una bella targa, dunque, avrebbe mostrato a buon mercato una riconoscenza che il territorio deve ai reali del Qatar. Anche perché proprio la scuola da intitolare alla madre dell’Emiro è stata in parte ricostruita dopo l’alluvione del 2013 con una donazione della gentile signora. Unica cosa a cui Nizzi non ha pensato è stato chiedere ai suoi concittadini che ne pensassero. Una lacuna coperta dal sito d’informazione locale Olbia.it, che ha fatto un sondaggio tra i suoi lettori, scoprendo che il 96% di circa tremila votanti non era affatto d’accordo col sindaco. Un risultato che Nizzi non ha preso affatto bene, ordinando per ripicca di escludere la testata dalla mailing list del Comune. Una censura non rara.

Il blackout mirato della comunicazione da parte di chi dovrebbe essere sempre trasparente e collegato ai cittadini (o ai clienti nel caso di società che offrono servizi pubblici) è purtroppo molto più frequente di quello che i non addetti ai lavori possano pensare. La Notizia – per fare l’esempio a noi più facile – in cinque anni di pubblicazioni è stata esclusa persino dalle mailing list di aziende controllate dallo Stato che, in teoria, sarebbero obbligate a fornire almeno i più importanti dati economici e finanziari. Per non parlare di istituzioni e blasonate associazioni di categoria, anche del mondo finanziario, che hanno escluso questo giornale che adesso avete in mano dalle proprie rassegne stampa, così da nascondere almeno ai dirigenti gli eventuali articoli non graditi. Piccolezze di un Paese dove persone che sentono l’informazione come un fastidio coprono spesso ruoli determinanti. Personalità o sedicenti manager illuminati, che nei discorsi pubblici si pregiano pure di sostenere la stampa (purché sia amica).

Per tutti questi motivi il sindacato dei giornalisti e pezzi del mondo dell’informazione hanno espresso alla testata Olbia.it una solidarietà alla quale anche La Notizia si associa, convinti come siamo che nel nostro Paese c’è un deficit fortissimo sul diritto di stampa e di critica. Un tentativo di censura che trova nel ricorso temerario ai tribunali il gradino più alto di una visione distorta del rapporto che deve esserci tra poteri (siano politici, economici o di altro genere poco importa) e chi fa seriamente informazione. Il sindaco di Olbia è perciò in abbondante compagnia, vittima di un atteggiamento che lo ha scaraventato da una situazione di potenziale ragione in una condizione oggettivamente di torto. Cosa ha sbagliato Nizzi? Offrire un riconoscimento a un grande benefattore è un gesto di cortesia e gratitudine difficile da contestare. Dunque l’errore è stato solo nel non condividere la sua idea con i cittadini o perlomeno con i diretti interessati della comunità scolastica coinvolta.

Il sondaggio però l’ha avvertito di questo problema, e se il sindaco invece di minacciare avesse preso la palla al balzo, oggi non starebbe a difendersi dall’accusa di voler censurare chi ha fatto col suo lavoro un servizio utile anche all’amministrazione comunale. Aiutando la Giunta a regolare il tiro e non far passare i cittadini di Olbia per ingrati, confondendo un sentimento che i sardi non hanno con una rivalsa per una mossa che nessuno gli ha spiegato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una manovra a prova di divisioni

Davvero una mossa geniale questa dei leader del Pd: vederli passare dai caminetti alle cene con servitù è esattamente quello che aspettavano i loro ultimi eroici elettori per trasferirsi altrove. Un messaggio surreale per quell’Italia proletaria e di Sinistra che ha fame, e gli amati sapori di una volta li trova più facilmente sulla tavola…

Continua

Merde Alors a Salvini. L’ultima moda in Europa è insultare l’Italia

Abituato com’è ad abitare sul Colle, il Presidente Mattarella vola alto e forse fatica a vedere cosa accade giù, in basso, dove prolificano i nazionalismi, e di certa Europa non si vuole più sentir parlare. L’integrazione – dice il Capo dello Stato – ci ha portato benefici, i sovranismi sono un pericolo e non è…

Continua

Fuoco di fila contro il Governo

Quando fu eletto commissario europeo agli Affari economici, anche con il voto dell’Italia, Pierre Moscovici era considerato una colomba, cioè un “amico” dei Paesi con qualche guaio nei conti pubblici. Poi è arrivato Macron e il ritorno di quell’asse franco-tedesco che ha saldato gli interessi di Parigi a quelli di Berlino, a discapito degli Stati…

Continua

L’inutile diplomazia dell’Onu

Chi gira ogni tanto per il mondo sa quanto è sottile la considerazione per il nostro Paese. L’Italia degli spaghetti, mafia e mandolino è uno stereotipo che ci hanno affibbiato per farci male. Sia chiaro, noi ci abbiamo messo del nostro e in parte ci meritiamo un certo dileggio. Ma l’immagine di una nazione è…

Continua

Ora rischia la fiducia nelle toghe

Tre dei quatto capi d’accusa ipotizzati per Matteo Salvini sono già caduti, l’ultimo impegnerà per mesi il tribunale dei ministri, altri magistrati e un mucchio di dipendenti pubblici, tutti a caccia di un reato che per moltissimi italiani è invece una medaglia sul petto del ministro. Tanto è vero, che la popolarità del leader della…

Continua

La Chiesa perdona, i giudici No

Come volevasi dimostrare, un bel gruppo dei migranti arrivati in Italia con la nave Diciotti non ha perso tempo a dileguarsi. I magistrati però non corrono rischi: invece di dedicarsi a questi signori possono continuare a cercare capi d’accusa contro Salvini, il ministro che ha tenuto questa gente più a lungo possibile sul mezzo della…

Continua

La fortuna al contrario di Tripoli

Quanto ha senso indignarsi per mezzo mondo che vuole immigrare a casa nostra e poi continuare a fare le guerre coloniali? Si dirà che le colonie europee sparse per il pianeta – o i posti al sole come li smaltava il fascismo – non ci sono più, ma la guerra civile in corso in Libia…

Continua

Il Vaticano affronti i suoi guai o cadono le fondamenta

A volte ci sono segni profetici, capaci di mostrarci qualcosa che può avvenire, affinché ci si pensi meglio prima di favorire con i propri gesti il concretizzarsi del presagio. Il crollo nella chiesa di San Giuseppe dei falegnami, nel cuore di Roma, tempio affidato a un influente gesuita, strettissimo collaboratore di Papa Francesco, ha in…

Continua

La lobby del casello ha chiuso

Autostrade per l’Italia non ci sta a perdere per un processo sommario una concessione che le fa incassare ogni anno miliardi di euro di utili. È caduto un ponte di cui aveva la responsabilità, sono morte 39 persone (e il bilancio potrebbe essere più grave), l’immagine dell’Italia nel mondo ha subito un danno molto più…

Continua

Sulla Rai un conflitto scandaloso

Un Paese che non ha mai regolato sul serio i conflitti d’interesse tra politica e grandi capitali, c’è un caso che sta diventando grottesco per quanto è abnorme e scandalosamente alla luce del sole. L’azionista di riferimento del maggiore polo televisivo privato può permettersi di paralizzare la gestione della tv pubblica, protetto da una delle …

Continua