Da Saviano uno spot alle cosche

di Gaetano Pedullà

Leonardo Sciascia, uno dei più grandi intellettuali italiani, mai accusato di aver saccheggiato lavori altrui per i suoi libri, aveva visto giusto: l’antimafia può essere una professione fruttuosa. Un concetto sicuramente chiarissimo a un altro brillante intellettuale come Roberto Saviano, da anni in prima linea contro le cosche, e ciò nonostante protagonista di attacchi durissimi contro il cuore dello Stato che combatte proprio quella criminalità. Definendo Matteo Salvini il ministro della malavita, lo scrittore diventato simbolo di una Sinistra tanto perbenista quanto ingenua (quando vuole), ha fatto un regalo insperato ai clan, la cui forza si genera e cresce lì dove lo Stato è assente. Mafia non è solo un insieme di attività illegali, ma un concetto culturale antico e solidissimo all’interno di comunità che hanno sempre visto le istituzioni democratiche in subordine alle tradizioni di affiliazione, ordine e controllo del territorio ereditate da lontano. L’onore, o quel mal interpretato senso della famiglia a cui si appartiene a costo di uccidere e morire, p un lascito che può spezzare solo l’istruzione, il senso civico, il riconoscersi nello Stato e non nell’antistato governato dai boss mafiosi. Se questo Stato però litiga al suo interno, con un grande accusatore dei criminali che dà sostanzialmente del malavitoso al ministro dell’Interno, cioè il primo responsabile delle Forze di polizia, allora è chiaro che l’antistato è più serio e credibile del suo concorrente. Se a questo si aggiunge che lo Stato non offre da mangiare mentre i clan sì, ecco che lo spot per le bande è tragico e irresistibile. Salvini, si dirà, aveva ipotizzato di togliere la scorta a Saviano. Una scelta rischiosa perché le mafie non dimenticano, ma questa decisione spetta alle autorità preposte e la reazione preventiva di Saviano ne ha fatto un fortissimo oppositore politico della Lega con la scusa della pelle da difendere. Insomma, un capitolo per certi aspetti sovrapponibile ai veleni di cui parla la sentenza di primo grado sulla presunta trattativa tra Stato e mafia, con la politica che gioca sottobanco e i difensori della legalità più in vista – come è naturalmente percepito Saviano – che si fanno i cazzi loro.

Commenti

  1. honhil

    Esattissimamente. Non per niente, ciò che si pensa di vedere o di percepire dal proprio angolo d’osservazione, viene ammannito come l’unica e sola verità. Difatti, per quanto li riguarda (con un aggancio al fiume di veleni di cui alla chiusura del pezzo) “Ne sono sicuri i giudici della corte d’Assise di Palermo. E lo scrivono nelle motivazioni della sentenza che ha condannato l’ex senatore di Forza Italia a dodici anni di carcere alla fine del processo sulla Trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra”. Anche l’uomo della strada è sicuro di tantissime cose, ma senza prove schiaccianti, se apre la bocca contro questo o quello, da quelle stesse toghe viene condannato. Tuttavia, da una parte vi sono dei giudici che sanzionano gli italiani che si lamentano o accusano senza prove chicchessia, e dall’altra altri giudici che scrivono nelle motivazioni di questa o quella sentenza ciò che pensano e non la verità che sono riusciti a scavare. Una furbata ideologica che si commenta da sola. Con l’applauso di tutte le penne d’oca della stampa dalla schiena dritta. E del Csm e Anm. Questa è l’Italiana. Sembra proprio una Repubblica delle toghe. Con quelle cinquemila pagine che non si sa (dato che manca la prova regina) se sono servite per romanzare i desiderata delle toghe o per incartare le coscienze con quella tante pagine patinate così da rendere inudibile i loro rimbrotti? Sembra quasi una savianiana copiatura, insomma. O quasi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un vento nuovo sui mercati

La società cambia, la politica cambia e anche i mercati si accodano. Solo così può spiegarsi quello che è accaduto ieri, quando il presidente della Commissione europea ha sparato contro l’Italia un missile che in altri tempi avrebbe fatto sprofondare la Borsa tanto in basso da costringere gli operatori a scavare. Incuranti di un teatrino…

Continua

Si rafforza il filo tra 5S e Lega

Andare in guerra per fare la pace (fiscale). Sembra un paradosso, ma è esattamente quanto è successo ieri tra Cinque Stelle e Lega, ormai costrette a declinare in atti concreti gli impegni assunti solo genericamente nel contratto di Governo. Ne è venuto fuori un inevitabile confronto, che per quanto enfatizzato dalle indiscrezioni del solito manipolo…

Continua

L’Europa delle lingue biforcute

Che lingua biforcuta che hanno questi zombie della Commissione europea. Un attimo prima minacciano l’Italia perché la Manovra economica non è sufficientemente punitiva, un momento dopo chiedono a tutti di abbassare i toni delle polemiche susseguenti e appena la situazione si placa gettano nuova benzina sul fuoco accusando il nostro Governo di non mantenere la…

Continua

Autostrade. Il modello è criminale

Mentre cadono più ponti che foglie in autunno, la Procura di Avellino chiede decine di anni di carcere per il crollo di un viadotto sull’autostrada A16 Napoli-Canosa. Era il 2013 e in quella tragedia morirono 40 persone, solo tre meno di quante hanno perso la vita due mesi fa sul Morandi di Genova. Due disastri…

Continua

Ci minaccia la troika al completo

Sentivamo terribilmente la mancanza del terzo guardiano dell’austerità senza ritorno, quel Fondo monetario internazionale che per fondo deve intendere il baratro in cui ha gettato decine di Stati. Primus inter pares di Commissione Ue e Banca centrale europea nella famigerata troika – facciamo un torto se per capirci la paragoniamo a una Equitalia mondiale? –…

Continua

Ultimi colpi di una Ue in scadenza

Chi avesse ancora dubbi sulle vere cause del crollo dell’Italia sui mercati farebbe bene ad allungare lo sguardo fino alla Lettonia. Da questo Paese arriva il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, un signore che insieme al Commissario agli Affari economici Pierre Moscovici ha bocciato preventivamente la Manovra economica italiana, scatenando i guai di Borsa…

Continua

Bruxelles. Il golpe del potere

Neanche il tempo di leggerlo e già lo bocciano. Che fenomeni che sono questi tecnocrati di Bruxelles. Dombrovskis e Moscovici da giorni bombardano il nostro Governo per il Documento di economia e finanza che sfora di appena lo 0,8% i vincoli sul deficit. Dunque non c’è da stupirsi che ieri abbiano stroncato l’architrave della Manovra,…

Continua

Questa Ue ci bombarda per salvarsi

Formidabile il nostro ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che prende carta e pena e scrive lettere a Bruxelles per assicurare che l’Italia crescerà più di quanto prevedono Lor signori, e Roma non ha nessuna intenzione di mollare l’Europa. Troppo preso a far quadrare conti che non risulteranno mai se si utilizza solo la calcolatrice dei mercati,…

Continua

Una lezione da Traini e Riace

Giornate difficili sia per i razzisti che per gli ultrà dell’accoglienza. I primi hanno visto cadere una loro bandiera, quel Luca Traini che aveva vendicato la morte della povera Pamela, a Macerata, sparando a degli uomini a caso, solo perché erano di colore. Condannato a dodici anni, Traini ha chiesto scusa in tribunale e rinnegato…

Continua

Un ministro dell’Economia debole non serve

Bisogna avere la testa di coccio, come dicono a Roma, per credere davvero che lo scostamento di meno di un punto sul deficit sia inconciliabile con il risanamento del Paese e gli obiettivi belli fissati dall’Europa. L’Italia in una situazione di grande disagio sociale ha chiesto una deroga più che ragionevole a un establishment che…

Continua