Da Saviano uno spot alle cosche

di Gaetano Pedullà

Leonardo Sciascia, uno dei più grandi intellettuali italiani, mai accusato di aver saccheggiato lavori altrui per i suoi libri, aveva visto giusto: l’antimafia può essere una professione fruttuosa. Un concetto sicuramente chiarissimo a un altro brillante intellettuale come Roberto Saviano, da anni in prima linea contro le cosche, e ciò nonostante protagonista di attacchi durissimi contro il cuore dello Stato che combatte proprio quella criminalità. Definendo Matteo Salvini il ministro della malavita, lo scrittore diventato simbolo di una Sinistra tanto perbenista quanto ingenua (quando vuole), ha fatto un regalo insperato ai clan, la cui forza si genera e cresce lì dove lo Stato è assente. Mafia non è solo un insieme di attività illegali, ma un concetto culturale antico e solidissimo all’interno di comunità che hanno sempre visto le istituzioni democratiche in subordine alle tradizioni di affiliazione, ordine e controllo del territorio ereditate da lontano. L’onore, o quel mal interpretato senso della famiglia a cui si appartiene a costo di uccidere e morire, p un lascito che può spezzare solo l’istruzione, il senso civico, il riconoscersi nello Stato e non nell’antistato governato dai boss mafiosi. Se questo Stato però litiga al suo interno, con un grande accusatore dei criminali che dà sostanzialmente del malavitoso al ministro dell’Interno, cioè il primo responsabile delle Forze di polizia, allora è chiaro che l’antistato è più serio e credibile del suo concorrente. Se a questo si aggiunge che lo Stato non offre da mangiare mentre i clan sì, ecco che lo spot per le bande è tragico e irresistibile. Salvini, si dirà, aveva ipotizzato di togliere la scorta a Saviano. Una scelta rischiosa perché le mafie non dimenticano, ma questa decisione spetta alle autorità preposte e la reazione preventiva di Saviano ne ha fatto un fortissimo oppositore politico della Lega con la scusa della pelle da difendere. Insomma, un capitolo per certi aspetti sovrapponibile ai veleni di cui parla la sentenza di primo grado sulla presunta trattativa tra Stato e mafia, con la politica che gioca sottobanco e i difensori della legalità più in vista – come è naturalmente percepito Saviano – che si fanno i cazzi loro.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La pubblicità è l’anima della Lega. La febbre da elezioni sta spingendo Salvini a spararla ogni giorno più grossa

Dopo essersi preso l’esercito, con una direttiva sui migranti che non compete al Viminale, Matteo Salvini fa sue anche le città, affidando ai prefetti il contrasto al degrado che è compito dei sindaci. Ci manca solo che commissari gli arbitri per far vincere il suo Milan, e magari mentre ci siamo il Parlamento e il…

Continua

I proclami e le circolari di Salvini sono solo arnesi di una propaganda che serve ad acchiappare consensi

D’accordo che ormai c’è la nuova legge sulla legittima difesa – a proposito, a settimane dall’approvazione non c’è traccia del Far West immaginato dalle opposizioni – ma sparare sull’esercito non è una grande idea, soprattutto se a farlo è il ministro dell’Interno, titolare di competenze ben distinte da quelle della Difesa. Matteo Salvini però a…

Continua

Parigi gioca col fuoco. La crisi libica sta diventando una guerra

Il rogo di Notre Dame rende più faticoso ma ugualmente necessario tornare su un altro incendio francese che rischia di far danni infinitamente maggiori. In Libia, il proseguire delle ostilità tra due eserciti pressoché disarmati – come sono quelli del generale Haftar e delle milizie fedeli ad al-Sarraj – sta diventando una vera guerra, con…

Continua

Che silenzio sul Paese che riparte. L’Istat segnala una nuova crescita della produzione industriale a febbraio ma non ce lo dicono

Ci sono notizie che su certi giornali non ce la fanno proprio a resistere, e nelle edizioni online crollano quasi subito in coda ad altre cento, mentre sui quotidiani di carta si parcheggiano in poche righe in fondo alle pagine interne, quando non sono stravolte per essere spiegate esattamente al contrario. Così ieri c’è stato…

Continua

Gli scontrini non pagati da Marino. Bene l’assoluzione ma quell’accusa fu l’alibi per far saltare un sindaco definito “marziano” anche dal suo partito

L’assoluzione di Ignazio Marino in Cassazione con la formula “il fatto non sussiste” è una notizia sicuramente buona per il professore, ma del tutto ininfluente per il politico ex sindaco di Roma. Contrariamente a quanto ancora adesso si racconta, il primo cittadino non perse la poltrona per le spese con la carta di credito del…

Continua

Pd, partito delle balle. I dem dimenticano che al timone del Paese c’era il Governo delle falle quando l’Europa ci impose il bail-in

Per il Pd quello gialloverde è il Governo delle balle, perché tra breve risarcirà migliaia ma non tutti i truffati delle banche. Con un’incredibile faccia tosta, si fa finta di dimenticare che al timone del Paese c’era il Governo delle falle quando l’Europa ci impose il bail-in e nessuno disse niente, ci fecero saltare da…

Continua

Il Grande fratello delle toghe. I magistrati si cancelleranno dai social network? E’ molto improbabile

L’ex ministro e sindaco di Roma Francesco Rutelli pare che abbia provato a dissuadere la figlia a non partecipare alla prossima edizione del Grande Fratello usando argomenti più espliciti di quelli con cui il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sconsigliato i social network ai magistrati. Stare sulla rete e in genere sui media –…

Continua

Le “manine” nei ministeri e i sospetti sul ministro Tria. Conte è circondato da una danza macabra e affollatissima

Con tutta la ciccia che c’è nel decreto Crescita approvato ieri dal Consiglio dei ministri, oggi dovremmo festeggiare un grande passo avanti per il Paese. E invece la formula del via libera “salvo intese” e ancor di più il rinvio dei rimborsi per i truffati delle banche accendono il primo vero allarme sul Governo. Il…

Continua

Il valore dei privilegi perduti. Rispettando il denaro pubblico la politica torna a rispettare i cittadini

Cosa volete che siano 150 milioni dentro il bilancio di uno Stato con 800 miliardi l’anno di spesa pubblica? Poca roba, è chiaro, ma come diceva Totò è la somma che fa il totale, e dunque i 150 milioni che si risparmieranno in cinque anni grazie all’abolizione dei vitalizi annunciata ieri per i consiglieri regionali…

Continua

Juncker ce la vuole dare a bere. A Roma il numero uno degli euroburocrati ne ha combinata una delle sue

Se devi ubriacarti, ubriacati di vino buono. Questo detto, che sospettiamo non sia sconosciuto al presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, suggerisce di fare le cose in grande, anche quando sono riprovevoli. Così il numero uno degli euroburocrati ieri ha accusato alcuni indefiniti ministri italiani di essere bugiardi, perché grazie al piano di aiuti europei…

Continua