Di Matteo e la lezione di Falcone

di Gaetano Pedullà

Chissà se il dott. Nino Di Matteo adesso è soddisfatto. L’ombra che ha gettato sul ministro Alfonso Bonafede, indirettamente accusato di essersi piegato ai boss nella scelta del capo delle carceri, ha compattato il Centrodestra nella richiesta di sfiducia al Guardasigilli. Il partito di Berlusconi, fondato con Dell’Utri – cioè un condannato in via definitiva per mafia – insieme alla Lega che fece cadere il Governo Conte1 anche per tentare di salvare la prescrizione nei processi, e i Fratelli d’Italia che in Calabria chiamano Fratelli d’ndrangheta per quanti esponenti gli hanno arrestato, avranno l’occasione di mandare a casa uno dei ministri che sulla lotta ai clan e ai corrotti ha fatto di più nell’intera storia della Repubblica.

Poco importa se Salvini, Meloni e il Cav sono divisi sul Mes, sull’Europa e sulle poltrone: quando si tocca la Giustizia suonano tutti la stessa campana. E vedremo se a questo concerto si unirà Renzi (per ora pare di no) e qualche senatore scappato di casa, magari in cambio di un posto al sole nelle prossime liste elettorali. Perché l’improbabile, quanto non impossibile sfiducia a Bonafede – visti i numeri risicati della maggioranza a Palazzo Madama – non lascerebbe al Governo margini di sopravvivenza.

Ora tutto questo è poca cosa di fronte all’offesa che l’ex pm della Trattativa si è portato segretamente dentro per due anni, così come dev’essere secondario per il ministro trascinato ad affermare in Parlamento la sua totale impermeabilità alle cosche, ma se questi signori non alzano il telefono e si parlano e chiariscono, com’è di rigore tra persone intelligenti, si porteranno dietro non solo la responsabilità di un favore alle destre, ma anche quella di aver fatto un regalo ai capimafia che stanno spingendo per uscire dal carcere.

Possibile che uomini così intelligenti e perbene non lo capiscano? Seppure passata in secondo piano – per l’epidemia, la crisi e tutti i problemi che abbiamo – la criminalità organizzata non ha smesso di essere fortissima, e se chi la combatte è isolato e in conflitto, questa rialza la testa. La lezione di Giovanni Falcone, di cui tra pochi giorni corre l’anniversario della morte, non è possibile che non ci abbia insegnato niente.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una destra che ci mette in pericolo

Se ci fossero ancora dubbi, il Centrodestra sceso ieri in piazza ha certificato quanto siamo fortunati ad avere un premier come Giuseppe Conte e non degli irresponsabili con in testa Salvini e Meloni. Il virus che ci lascia 33mila morti e un Paese con l’economia a pezzi sta perdendo potenza, ma questa inutile manifestazione a…

Continua

La stagione delle divisioni inaccettabili

Noi ci lamentiamo, e giustamente, dei governatori di Regione che si contraddicono tra loro e poi tutti insieme fanno guerra al Governo, ma negli Stati Uniti se la passano peggio. La partita delle nostre autonomie locali è grottesca, come s’è visto nella gestione della pandemia e delle riaperture agli spostamenti di domani. Perché siamo arrivati…

Continua

Formigoni ci ricorda dov’è il virus

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana messo alle strette dai pm di Bergamo ha fatto il salto della quaglia e scaricato su Roma la responsabilità della diffusione del Covid nella sua regione. La tesi è che il compito di istituire le famose zone rosse, isolando i focolai del virus, non gli competeva perché toccava al…

Continua

Salviamoci dai matti delle regioni

Ci mancavano solo i governatori che chiudono i confini delle regioni, che per farci passare chiedono il passaporto e se va avanti così tra un po’ si dichiarano guerra tra loro. Non serviva il Coronavirus per mostrare chiaramente che il regionalismo in Italia è un immenso fallimento. Ma la situazione adesso ha raggiunto le soglie…

Continua

Ai sovranisti restano le chiacchiere

Di grande successo in Italia, il cabaret di Salvini e Meloni adesso fa ridere il mondo. Esattamente come usano con il Governo di Giuseppe Conte, a cui i leader sovranisti aggiungono un più davanti a qualunque provvedimento, ieri i leader sovranisti hanno bocciato la poderosa proposta della Commissione europea per superare i disastrosi effetti economici…

Continua

Italia Viva e Paese moribondo

Nulla di nuovo dalla Destra abituata a difendersi dai processi e non nei processi. A meno di una improbabile giravolta dell’Aula del Senato, Matteo Salvini non andrà a processo per la vicenda Open Arms, come chiesto dai pm siciliani. Le novità arrivate dal voto della Giunta per le autorizzazioni sono invece significative per Cinque Stelle…

Continua

Che paura gli assistenti civici

Non ci salvano neppure il volontariato. La destra più becera e cialtrona di sempre, fiancheggiata da giornali e tv costretti a sfidare il senso del ridicolo pur di contestare il governo anche se moltiplicasse i pani e i pesci, ieri non ha trovato di meglio che dichiarare guerra a un esercito di pensionati, di padri,…

Continua

Autostrade e la beffa agli italiani

Il Gruppo che ha incassato miliardi grazie a una concessione pubblica delle autostrade ancora oggi inspiegabilmente vantaggiosa fa causa allo Stato perché la pacchia è finita. Un epilogo inevitabile, perché la vecchia politica non gli ha consegnato soltanto le chiavi di un patrimonio che appartiene a noi tutti, ma ha permesso di blindare legalmente il…

Continua

Chi ha paura del bis della Raggi

Da qualche giorno la romanella dei salotti e degli abusi sfuggiti per decenni al Campidoglio è in agitazione. La Raggi potrebbe candidarsi per un nuovo mandato e se ce la facesse tutte le piaghe dell’Egitto non farebbero altrettanto male. La maturazione del Movimento Cinque Stelle ha fatto comprendere che non disperdere l’esperienza dei suoi portavoce…

Continua

Basta fenomeni da circo

Dopo averne dette di tutti i colori sul Governo e il ministro della Giustizia, Matteo Renzi non ha votato la sfiducia a Conte e Bonafede. Cose da pazzi? No, perché questo signore a furia di piroette non ha più una faccia da perdere e divide il suo tempo strillando per avere potere e poi facendo…

Continua