Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

di Gaetano Pedullà

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo ininfluenti per le sorti del pianeta. Certo, la politica, con la sua azione di indirizzo può fare ancora di più, ma anche in questo caso a patto di lasciar perdere i sogni e darci vere soluzioni. Perché certi spettacoli sono molto diversi tra palco e realtà. Così ieri è andato in scena uno scontro animato dalle migliori intenzioni tra chi vuole una supertassa sulle automobili a trazione diesel (e non si capisce bene se anche a benzina e Gpl) e chi invece si oppone parlando addirittura di operazione da Robin Hood alla rovescia. Tra le misure in ballo con la Manovra c’è infatti un bonus di seimila euro per chi compra auto elettriche, da finanziare sostanzialmente con i tremila euro di supertassa pagati da chi sceglie un’auto più inquinante. Apparentemente un ottimo incentivo a passare tutti alle vetture elettriche, ma si fatto una tassa sulla povertà e dai dubbi effetti sul mercato delle auto elettriche. Chi acquista questi modelli può permettersi infatti di pagare anche prezzi rilevanti, visto che il riferimento classico per il segmento è la Tesla, che costa fino a oltre centodiecimila euro nel caso in cui si voglia prendere quella con la maggiore autonomia. Chi compra le auto tradizionali e soprattutto chi le usa, anche di seconda mano, sono le persone con meno mezzi economici e quasi tutti i fornitori di servizi nelle nostre città. Piccoli padroncini che all’alba consegnano il latte e i cornetti nei bar, i giornali nelle edicole, i pacchi dei grandi distributori, ogni genere di beni per i commercianti, non possono permettersi un’auto elettrica. Parliamo di servizi che svolgono in grandissima parte lavoratori immigrati, che magari a forza di sacrifici si sono messi in proprio e a fatica si sono comprati l’auto o il furgoncino usato. Penalizzare questo mondo per fare uno sconto ai fortunati (e benestanti) acquirenti delle auto elettriche oltre che iniquo rischia di lasciare le città senza molti servizi o farne aumentare sensibilmente il costo. Di qui la richiesta di approfondire la faccenda arrivata dagli stessi leader Di Maio e Salvini (l’emendamento sulla supertassa è stato presentato da un parlamentare della Lega), perché si spinga un passaggio graduale alle forme di trazione automobilistica meno inquinanti (oltre all’elettrico ci sono l’ibrido e il Gpl), consentendo di abbattere l’inquinamento senza abbattere parallelamente il lavoro di migliaia di persone.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua

Ritorsione politica da Bruxelles

Una Commissione europea arrivata a fine corsa e con il fiato dei movimenti sovranisti sul collo ha fatto il più classico degli errori. La bocciatura della nostra Manovra per il 2019 è infatti la tipica azione inconsulta di chi è in preda al panico, e per colpire un avversario che fa paura finisce per spararsi…

Continua

I leader si vedono adesso

La maggioranza che va sotto alla Camera, dove 5 Stelle e Lega hanno un margine larghissimo sulle opposizioni, è il segnale peggiore che l’Italia possa dare mentre l’Europa si prepara a infilzarci, bocciando la Manovra economica. I giochetti di un manipolo di parlamentari senza la statura necessaria per una battaglia epocale tra spread e democrazia…

Continua

Cosa insegna Treviso sui rifiuti

Alzi la mano chi aveva sentito mai parlare di modello Treviso. Si tratta – per tutti quelli che ancora non lo sanno – del sistema messo in piedi vent’anni fa nella provincia veneta per liberarsi dai rifiuti. Senza bisogno di termovalorizzatori dalle dubbie ricadute su inquinamento e salute, nel trevigiano smaltiscono il 100% della spazzatura…

Continua

Uno Stato che spreca ancora

La libertà di stampa e il valore del giornalismo non sono in discussione. Concetti che noi della Notizia sosteniamo da sempre e che ieri abbiamo potuto ribadire sul Blog delle stelle, cosa per la quale ringraziamo il Movimento Cinque Stelle. Ma questa libertà serve a ben poco, come un conto vincolato in banca, se non…

Continua

L’ipocrisia della libera stampa

Non lo facciamo spesso, ma il trambusto di questi giorni su una certa faziosità dei giornalisti ci obbliga a parlare anche di noi, perché La Notizia è uno dei non molti quotidiani nazionali nati in questi anni di grande crisi della stampa e soprattutto di proprietà di un editore puro. I padroni delle pagine che…

Continua