Gentiloni? Un Governo che scalda la sedia

di Gaetano Pedullà

Il ministero dell’Economia non ha ancora pigiato il tasto invio sull’ultimo bonifico da 5,4 miliardi al Monte dei Paschi e già arriva un altro costo per il Paese: la banca di Siena metterà sulla strada 5.500 dipendenti. Il ministro del Tesoro Padoan canta vittoria, e anche con qualche ragione, ma solo tra Toscana e Veneto lo Stato ha scucito direttamente o indirettamente decine di miliardi per salvare la credibilità del nostro sistema del credito. Sacrifici che mal si combinano con l’andamento generale del Paese. Proprio ieri l’istat ha svelato che la lieve ripresa appena incrociata sta già rallentando. E nei prossimi mesi il quadro non si presenta affatto incoraggiante. Le sirene di allarme si stanno sentendo sempre più spesso. Dalla Banca d’Italia ai report più o meno riservati delle grandi banche d’investimento internazionale, emerge il possibile replay dell’attacco speculativo visto nel 2011 sui mercati. Il conto alla rovescia già programmato per ridurre e poi concludere l’immissione di liquidità monetaria da parte della Bce potrebbe far tornare facilmente le tensioni sul debito degli Stati con un forte debito pubblico.

Parliamo del giochino dello spread, insomma, con cui nella prima edizione fu fatto saltare un governo (che piacesse o no) regolarmente eletto, mentre in una ipotetica replica il finale è del tutto imprevedibile. Molto esemplificativo, per capirci, cosa prevede un report di Moody’s rivelato in esclusiva dal nostro Stefano Sansonetti su La Notizia di ieri: il tasso di default (cioè di fallimento) dell’Italia può arrivare tra dieci anni all’11%. Per essere chiari: stiamo ballando sul Titanic.

Che spreco – Non per piangere sul latte versato, ma per capire dove è stato il nostro più grande errore degli ultimi anni: abbiamo mancato clamorosamente l’opportunità di fare le grandi riforme che ci servono. L’occasione non possiamo dire di non averla avuta. Con i tassi a zero garantiti dalla Banca centrale europea e un’elasticità che ai tempi di Tremonti ministro del Tesoro nemmeno ci sognavamo di chiedere all’Europa, avremmo potuto creare le condizioni legislative, economiche e di fiducia indispensabili per far ripartire il Paese. Chi stava messo peggio di noi, come il Portogallo e la Spagna, si è dato da fare e oggi può ridere dei dati sulla nostra crescita. Pensate che per quest’anno la Confindustria stima un aumento della ricchezza prodotta (il Pil) dell’1,3%, mentre a Madrid hanno dovuto correggere le stime del Governo perchè passeranno dal 2,7 al 3% tondo. Più del doppio rispetto a Roma, dove qualche ministro ha avuto pure la faccia tosta di festeggiare lo scatto in avanti dello zero virgola (dall’1,1 all’1,3%).

Tutti numeri che significano il fallimento delle poche riforme fatte dai tre Esecutivi Letta, Renzi e Gentiloni. Dal lavoro alla pubblica amministrazione, dalla scuola alla Giustizia, abbiamo visto riforme dai nomi pretenziosi, come il Jobs Act, con dentro sicuramente qualcosa di buono ma in fin dei conti troppo poco rispetto alle esigenze di un Paese ingessato da decenni. Renzi, in particolare, con la sua promessa di sfornare una riforma al mese, ha creato un’aspettativa che adesso lo azzoppa anche elettoralmente. Paga la rottura con i “vecchi” del suo stesso partito, l’ostilità dei corpi intermedi costretti a qualche piccolo sacrificio, e la delusione di chi aveva creduto in una spinta riformista più radicale. Certo, grazie alla propaganda e al sistema di potere costruito in pochi anni, ci sono ancora molti elettori disposti a dargli credito. Soprattutto per il calcolo di rientrare sul carro del vincitore. Ma siccone non c’è argomento più testardo dei numeri – dalla disoccupazione rimasta altissima alla povertà – le urne ormai quasi sicure in primavera potrebbero essere per il Pd renzizzato ben più deludenti delle ultime amministrative. E tra la difficile gestione degli immigrati e le nuove tasse a cui già si pensa per far quadrare la manovra finanziaria di fine anno, Grillo e i rissosi partiti del Centrodestra sentono di avere la loro grande occasione a portata di mano. Il tempo rimasto prima dei diktat sui conti da Bruxelles, prima delle prossime elezioni politiche e prima del rialzo del costo del denaro è dunque poco. Ma non pochissimo se Gentiloni provasse a riprendere il tema delle riforme. O ci provasse almeno, invece di limitarsi a scaldare la sedia per Renzi, come sta facendo. Perchè se continua a limitarsi a questo non è davvero detto che su quello scranno ci torni qualcuno del Pd.

  • Saverio Schinzari

    Ce ne siamo accorti un po’ in ritardo. Meglio tardi che mai. Nella speranza che quella sedia scaldi il suo c..o e tolga il disturbo. Le emorroidi talvolta fanno male.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Più rispetto per sperare nel Colle

L’apparente garbo istituzionale per cui Luigi Di Maio ha ritenuto di informare il Presidente della Repubblica sui nomi dei ministri di un ipotetico Governo M5S in realtà è l’ennesima prova di un imbarbarimento della politica arrivato alla guerriglia in piazza di questi giorni. Poiché non bisogna essere fini costituzionalisti per sapere che i ministri vanno…

Continua

Come si dice in arabo gratitudine?

Una grande riconoscenza comporta molta delicatezza, scriveva alla fine del Seicento Jean de La Bruyère, un moralista francese di cui il sindaco di Olbia Settimo Nizzi evidentemente non conosce gli aforismi. L’idea di intitolare una scuola elementare della sua città alla madre dell’Emiro del Qatar, Al Thani, sta facendo passare gli olbiesi per ingrati e…

Continua

Dopo l’inchiesta di Fanpage.it si accetti l’agente provocatore

Se la prima inchiesta giornalistica in Italia con un agente provocatore tira fuori l’immondizia che stiamo vedendo a Napoli, c’è da pensare che con lo stesso meccanismo consentito ai magistrati viene giù il mondo. Ammetterlo è triste quanto le immagini che inchiodano politici, amministratori pubblici e faccendieri ripresi dalle telecamere nascoste di Fanpage.it mentre si…

Continua

Un piano B alla Rai per Parisi

Nell’intervista di ieri al Corsera il candidato del Centrodestra Stefano Parisi non ha mostrato dubbi: l’avversario da battere per la presidenza della Regione Lazio è solo l’uscente Nicola Zingaretti; Pirozzi non si sa chi rappresenti e la Cinque Stelle Lombardi senza i voti degli elettori moderati non avrà il successo della Raggi. Ben per lui…

Continua

L’illusione dei candidati perfetti

Ma come li hanno scelti i candidati alle elezioni? Solo per la loro dabbenaggine i Cinque Stelle dovrebbero farsi qualche domanda in più su regole interne e capacità di selezionare una classe dirigente in grado di governare. Il caos delle Parlamentarie era apparso subito chiaro, ma da Di Maio in giù era stata promessa una…

Continua

L’Italia paga l’autobus ai tedeschi

La ricetta tedesca contro l’inquinamento può farci sentire idioti per non averci pensato prima: i mezzi pubblici gratis sono un bell’incentivo a mollare l’automobile. Ma risolvere certi problemi è facile quando il conto lo pagano altri. Serve una prova? I teutonici in appena trent’anni hanno fatto quello che l’Italia è ancora lontana dal realizzare dopo…

Continua

Se l’onestà diventa un autogol

Molti elettori (non solo Cinque Stelle) neppure sanno chi era Pietro Nenni, lo storico leader socialista che certificò in modo lapidario come facendo a gara per chi è più puro, è facile che salti fuori qualcuno ancora più puro che ti epura. Un rischio che il Movimento fondato da Grillo corre deliberatamente sin dalla nascita,…

Continua

Toghe sporche e depistaggi. Siamo una Repubblica fondata sull’intrigo

Nel nuovo terremoto giudiziario tra Roma e Messina, come nella vicenda Consip, non si capisce da che parte stanno anche i piani più alti dello Stato. Siamo diventati una Repubblica fondata sull’intrigo? A quanto pare sì. L’inchiesta che scoperchia un sistema di potere capace di pilotare affari per centinaia di milioni, provando persino ad aggiustare…

Continua

Wall Street ci sta avvisando

La ricreazione sta finendo. E la caduta secca di Wall Street, solo ieri andata giù di sei punti, ci avvisa che dobbiamo prepararci a tempi duri. Insieme alla crescita economica, gli Stati Uniti hanno visto salire gli stipendi e con questi anche i prezzi dei beni di consumo e l’inflazione. La conseguenza è che la…

Continua

L’Italia delle riforme impossibili

Fare le riforme in Italia non è difficile, come dice il ministro Franceschini. È impossibile. E chi dice il contrario mente sapendo di mentire, a meno di voler considerare riforme quei brodini annacquati che ci propinano da anni, spesso spacciati per grandi cene gourmet, come nel caso del Jobs Act, giusto per citare il fiore…

Continua