Gentiloni? Un Governo che scalda la sedia

di Gaetano Pedullà

Il ministero dell’Economia non ha ancora pigiato il tasto invio sull’ultimo bonifico da 5,4 miliardi al Monte dei Paschi e già arriva un altro costo per il Paese: la banca di Siena metterà sulla strada 5.500 dipendenti. Il ministro del Tesoro Padoan canta vittoria, e anche con qualche ragione, ma solo tra Toscana e Veneto lo Stato ha scucito direttamente o indirettamente decine di miliardi per salvare la credibilità del nostro sistema del credito. Sacrifici che mal si combinano con l’andamento generale del Paese. Proprio ieri l’istat ha svelato che la lieve ripresa appena incrociata sta già rallentando. E nei prossimi mesi il quadro non si presenta affatto incoraggiante. Le sirene di allarme si stanno sentendo sempre più spesso. Dalla Banca d’Italia ai report più o meno riservati delle grandi banche d’investimento internazionale, emerge il possibile replay dell’attacco speculativo visto nel 2011 sui mercati. Il conto alla rovescia già programmato per ridurre e poi concludere l’immissione di liquidità monetaria da parte della Bce potrebbe far tornare facilmente le tensioni sul debito degli Stati con un forte debito pubblico.

Parliamo del giochino dello spread, insomma, con cui nella prima edizione fu fatto saltare un governo (che piacesse o no) regolarmente eletto, mentre in una ipotetica replica il finale è del tutto imprevedibile. Molto esemplificativo, per capirci, cosa prevede un report di Moody’s rivelato in esclusiva dal nostro Stefano Sansonetti su La Notizia di ieri: il tasso di default (cioè di fallimento) dell’Italia può arrivare tra dieci anni all’11%. Per essere chiari: stiamo ballando sul Titanic.

Che spreco – Non per piangere sul latte versato, ma per capire dove è stato il nostro più grande errore degli ultimi anni: abbiamo mancato clamorosamente l’opportunità di fare le grandi riforme che ci servono. L’occasione non possiamo dire di non averla avuta. Con i tassi a zero garantiti dalla Banca centrale europea e un’elasticità che ai tempi di Tremonti ministro del Tesoro nemmeno ci sognavamo di chiedere all’Europa, avremmo potuto creare le condizioni legislative, economiche e di fiducia indispensabili per far ripartire il Paese. Chi stava messo peggio di noi, come il Portogallo e la Spagna, si è dato da fare e oggi può ridere dei dati sulla nostra crescita. Pensate che per quest’anno la Confindustria stima un aumento della ricchezza prodotta (il Pil) dell’1,3%, mentre a Madrid hanno dovuto correggere le stime del Governo perchè passeranno dal 2,7 al 3% tondo. Più del doppio rispetto a Roma, dove qualche ministro ha avuto pure la faccia tosta di festeggiare lo scatto in avanti dello zero virgola (dall’1,1 all’1,3%).

Tutti numeri che significano il fallimento delle poche riforme fatte dai tre Esecutivi Letta, Renzi e Gentiloni. Dal lavoro alla pubblica amministrazione, dalla scuola alla Giustizia, abbiamo visto riforme dai nomi pretenziosi, come il Jobs Act, con dentro sicuramente qualcosa di buono ma in fin dei conti troppo poco rispetto alle esigenze di un Paese ingessato da decenni. Renzi, in particolare, con la sua promessa di sfornare una riforma al mese, ha creato un’aspettativa che adesso lo azzoppa anche elettoralmente. Paga la rottura con i “vecchi” del suo stesso partito, l’ostilità dei corpi intermedi costretti a qualche piccolo sacrificio, e la delusione di chi aveva creduto in una spinta riformista più radicale. Certo, grazie alla propaganda e al sistema di potere costruito in pochi anni, ci sono ancora molti elettori disposti a dargli credito. Soprattutto per il calcolo di rientrare sul carro del vincitore. Ma siccone non c’è argomento più testardo dei numeri – dalla disoccupazione rimasta altissima alla povertà – le urne ormai quasi sicure in primavera potrebbero essere per il Pd renzizzato ben più deludenti delle ultime amministrative. E tra la difficile gestione degli immigrati e le nuove tasse a cui già si pensa per far quadrare la manovra finanziaria di fine anno, Grillo e i rissosi partiti del Centrodestra sentono di avere la loro grande occasione a portata di mano. Il tempo rimasto prima dei diktat sui conti da Bruxelles, prima delle prossime elezioni politiche e prima del rialzo del costo del denaro è dunque poco. Ma non pochissimo se Gentiloni provasse a riprendere il tema delle riforme. O ci provasse almeno, invece di limitarsi a scaldare la sedia per Renzi, come sta facendo. Perchè se continua a limitarsi a questo non è davvero detto che su quello scranno ci torni qualcuno del Pd.

Commenti

  1. Saverio Schinzari

    Ce ne siamo accorti un po’ in ritardo. Meglio tardi che mai. Nella speranza che quella sedia scaldi il suo c..o e tolga il disturbo. Le emorroidi talvolta fanno male.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Non dateci un leader di cartapesta

Ieri i click sul computer per i 5 Stelle, oggi e domani i banchetti della Lega. Il nuovo bon ton della democrazia impone che qualche decimale dei milioni di elettori dei partiti decidano per tutti. I cittadini si sentono più coinvolti e i leader più forti. In realtà i primi fanno solo da spettatori ai…

Continua

Dopo lo spread, il calo di Mps. E Padoan usa i mercati per affossare l’intesa tra Lega e M5S

I mercati continuano a dare segni di nervosismo e lo spread che ci fa pagare più interessi sul debito pubblico prosegue la sua corsa. Si tratta di una evidente ritorsione dei nostri creditori contro la nascita di un Governo Lega-Cinque Stelle che vuole ridiscutere su parte delle esposizioni finanziarie dello Stato. Un’ingerenza vergognosa sul nostro…

Continua

Un Paese ostaggio dei mercati

Opss… l’hanno fatto di nuovo. I grandi finanzieri che possono vendere i nostri titoli di Stato per miliardi hanno ricominciato a bastonarci con lo spread. Un film già visto nel 2011, quando i mercati proprio con questo espediente licenziarono l’ultimo Governo Berlusconi, consegnandoci attraverso il presidente Napolitano al salasso del successivo premier Mario Monti. In…

Continua

Bruxelles che ci umilia si suicida

Se c’erano perplessità sulla nascita di un governo tra le due forze politiche con più consenso oggi nel Paese, degli oscuri burocrati europei ci hanno tolto ogni dubbio. Chi ancora si illude che l’Unione sia una comunità tra Stati con gli stessi diritti prenda atto che a Bruxelles pensano tutta un’altra cosa. L’Italia non solo…

Continua

Una chance a M5S e Lega è doverosa

Diciamolo: la gente della strada vuole vedere all’opera Di Maio e Salvini. Non saranno i personaggi più raffinati e politicamente corretti che conosciamo ma proprio il loro populismo li ha fatti diventare un fedele specchio del Paese. Naturale che dal vecchio establishment politico ed economico sia partito il fuoco di sbarramento. Meno comprensibile è il…

Continua

Ora si può parlare di riforme

Paradossi della politica: ci volevano i Cinque Stelle per fare di Berlusconi uno statista a cui per la prima volta diranno grazie tutti. Accettando il passo indietro imposto da Di Maio, il Cavaliere permetterà la nascita dell’unico Governo possibile con le forze parlamentari che abbiamo. Un Esecutivo di impronta populista, sicuramente più in sintonia con…

Continua

Basta rischi sui servizi pubblici

L’autobus che brucia in pieno centro a Roma è l’immagine perfetta di come è ridotta la città. I servizi pubblici sono in una condizione di degrado mai vista. Chiariamo subito: la colpa di tutto questo non è solo del sindaco Raggi e della sua parte politica, che in quasi due anni portano a casa risultati…

Continua

La strada che riporta alle urne

Vediamo se tocca perdere una scommessa e pagare dazio per aver assicurato a destra e manca che i nostri neoeletti parlamentari col cavolo segheranno l’albero sul quale si sono appena seduti. Abituati come siamo a vedere lapidata la coerenza verso gli elettori con menate varie – tipo ce lo chiede l’Europa – non avevamo ben…

Continua

Vanno sentite le basi o è un golpe

Verrebbe da dire: “contento lui..”. La missione del presidente della Camera Roberto Fico conclusa a suo parere con esito positivo, di fatto non porta a casa niente, se non due partiti mai stati tanto divisi al loro interno. I Cinque Stelle, dove uno varrebbe uno, ma poi nei fatti contano due – Grillo e Casaleggio…

Continua

La coerenza o il potere, che derby nel Pd!

Quando non c’è amore più grande del potere pure la dignità può diventare un optional. Nel Pd ancora a trazione renziana, asserragliato da quasi due mesi sull’Aventino e finora graniticamente contrario a qualunque accordo con i Cinque Stelle, l’incarico dato dal Capo dello Stato a Fico mette il partito davanti a un bivio: accordarsi con…

Continua