Gentiloni? Un Governo che scalda la sedia

di Gaetano Pedullà

Il ministero dell’Economia non ha ancora pigiato il tasto invio sull’ultimo bonifico da 5,4 miliardi al Monte dei Paschi e già arriva un altro costo per il Paese: la banca di Siena metterà sulla strada 5.500 dipendenti. Il ministro del Tesoro Padoan canta vittoria, e anche con qualche ragione, ma solo tra Toscana e Veneto lo Stato ha scucito direttamente o indirettamente decine di miliardi per salvare la credibilità del nostro sistema del credito. Sacrifici che mal si combinano con l’andamento generale del Paese. Proprio ieri l’istat ha svelato che la lieve ripresa appena incrociata sta già rallentando. E nei prossimi mesi il quadro non si presenta affatto incoraggiante. Le sirene di allarme si stanno sentendo sempre più spesso. Dalla Banca d’Italia ai report più o meno riservati delle grandi banche d’investimento internazionale, emerge il possibile replay dell’attacco speculativo visto nel 2011 sui mercati. Il conto alla rovescia già programmato per ridurre e poi concludere l’immissione di liquidità monetaria da parte della Bce potrebbe far tornare facilmente le tensioni sul debito degli Stati con un forte debito pubblico.

Parliamo del giochino dello spread, insomma, con cui nella prima edizione fu fatto saltare un governo (che piacesse o no) regolarmente eletto, mentre in una ipotetica replica il finale è del tutto imprevedibile. Molto esemplificativo, per capirci, cosa prevede un report di Moody’s rivelato in esclusiva dal nostro Stefano Sansonetti su La Notizia di ieri: il tasso di default (cioè di fallimento) dell’Italia può arrivare tra dieci anni all’11%. Per essere chiari: stiamo ballando sul Titanic.

Che spreco – Non per piangere sul latte versato, ma per capire dove è stato il nostro più grande errore degli ultimi anni: abbiamo mancato clamorosamente l’opportunità di fare le grandi riforme che ci servono. L’occasione non possiamo dire di non averla avuta. Con i tassi a zero garantiti dalla Banca centrale europea e un’elasticità che ai tempi di Tremonti ministro del Tesoro nemmeno ci sognavamo di chiedere all’Europa, avremmo potuto creare le condizioni legislative, economiche e di fiducia indispensabili per far ripartire il Paese. Chi stava messo peggio di noi, come il Portogallo e la Spagna, si è dato da fare e oggi può ridere dei dati sulla nostra crescita. Pensate che per quest’anno la Confindustria stima un aumento della ricchezza prodotta (il Pil) dell’1,3%, mentre a Madrid hanno dovuto correggere le stime del Governo perchè passeranno dal 2,7 al 3% tondo. Più del doppio rispetto a Roma, dove qualche ministro ha avuto pure la faccia tosta di festeggiare lo scatto in avanti dello zero virgola (dall’1,1 all’1,3%).

Tutti numeri che significano il fallimento delle poche riforme fatte dai tre Esecutivi Letta, Renzi e Gentiloni. Dal lavoro alla pubblica amministrazione, dalla scuola alla Giustizia, abbiamo visto riforme dai nomi pretenziosi, come il Jobs Act, con dentro sicuramente qualcosa di buono ma in fin dei conti troppo poco rispetto alle esigenze di un Paese ingessato da decenni. Renzi, in particolare, con la sua promessa di sfornare una riforma al mese, ha creato un’aspettativa che adesso lo azzoppa anche elettoralmente. Paga la rottura con i “vecchi” del suo stesso partito, l’ostilità dei corpi intermedi costretti a qualche piccolo sacrificio, e la delusione di chi aveva creduto in una spinta riformista più radicale. Certo, grazie alla propaganda e al sistema di potere costruito in pochi anni, ci sono ancora molti elettori disposti a dargli credito. Soprattutto per il calcolo di rientrare sul carro del vincitore. Ma siccone non c’è argomento più testardo dei numeri – dalla disoccupazione rimasta altissima alla povertà – le urne ormai quasi sicure in primavera potrebbero essere per il Pd renzizzato ben più deludenti delle ultime amministrative. E tra la difficile gestione degli immigrati e le nuove tasse a cui già si pensa per far quadrare la manovra finanziaria di fine anno, Grillo e i rissosi partiti del Centrodestra sentono di avere la loro grande occasione a portata di mano. Il tempo rimasto prima dei diktat sui conti da Bruxelles, prima delle prossime elezioni politiche e prima del rialzo del costo del denaro è dunque poco. Ma non pochissimo se Gentiloni provasse a riprendere il tema delle riforme. O ci provasse almeno, invece di limitarsi a scaldare la sedia per Renzi, come sta facendo. Perchè se continua a limitarsi a questo non è davvero detto che su quello scranno ci torni qualcuno del Pd.

Lascia un commento

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Il voto ai giovani o a nessuno

Ieri a La Notizia abbiamo fatto un forum con i ragazzi che il ministro per le politiche giovanili, Vincenzo Spadafora, si porta negli appuntamenti istituzionali, per sentire cosa ne pensano i diretti interessati quando si prendono decisioni che li coinvolgono. Un approccio logico, verrebbe da dire, se non fosse che in Italia a 30 anni…

Continua

In Turchia Trump umilia l’Ue. L’ex tycoon gioca a fare il gatto e il topo col pianeta

L’accordo tra Stati Uniti e Turchia per il cessate il fuoco in Siria è un’ottima notizia per i curdi finiti sotto le bombe di Erdogan ma una certificazione di impotenza totale per l’Europa. Nonostante Bruxelles riempia Ankara di miliardi per fare da tappo ai migranti sulla rotta balcanica, è stata Washington a far aprire e…

Continua

A chi serve denigrare la Capitale

L’importanza di chiamarsi Raggi. Un autobus va a sbattere su un albero a Roma facendo alcuni feriti e tutti i giornali online sparano sulla home page la notizia, manco fosse l’apocalisse. Nelle stesse ore un altro bus, questa volta a Milano, manda in coma una madre e all’ospedale in gravi condizioni i suoi due bambini,…

Continua

Nella partita che vale ci sarà Conte

Per chi ama profondamente il calcio anche le partite minori hanno il loro fascino. Talvolta ci puoi trovare qualche vecchia gloria, anche se raramente ci si diverte a guardare, perché gli schemi di gioco si conoscono a memoria e la posta in palio non è certo il campionato. In politica non è molto diverso, e…

Continua

Raccontare i Cinque Stelle è cianuro

Diario dal pianeta Futuro e dal satellite Veleno. L’ultimo weekend ho respirato una boccata d’aria fresca a Napoli, immergendomi in una razza extraterrestre sconosciuta a molti degli scienziati che popolano i nostri giornali. Cittadini semplici, concreti, distantissimi dalle congiure del potere, riuniti per festeggiare dieci anni della stratosferica avventura del M5S. I discorsi, gli sguardi,…

Continua

Uniamoci per fermare Erdogan. Ce lo impone il senso di umanità

Quando il mondo prende le strade peggiori, dovremmo sempre tenere a mente che nulla è più forte della volontà di ogni singolo uomo. E per questo tutti noi, anche di fronte a eventi apparentemente lontani, possiamo fare molto, e comunque molto più che semplicemente vergognarci per la guerra aperta da Erdogan contro i curdi al…

Continua

Una testa che salta per lesa onestà. La bocciatura della Goulard è più di un incidente di percorso

Verrebbe da dire che anche i ricchi piangono, ma la bocciatura di Sylvie Goulard per il ruolo di commissario Ue all’industria è più di un incidente di percorso. Per quanto Parigi sia democratica, tagliare la testa all’ex ministro indicato da Macron ha il sapore della lesa maestà. Quell’asse franco-tedesco che domina l’Europa non riesce più…

Continua

E’ colpa nostra se in Europa c’è tanta intolleranza

L’Europa che un secolo fa gettava le basi dei regimi fascista e nazista non può fare un’altra volta lo stesso errore. Quei fenomeni montarono nell’indifferenza delle forze democratiche, gonfiandosi del malcontento per la crisi lasciata dalla Grande guerra, e presentando come eroiche le azioni violente di assassini e squadristi. Esattamente quello che avviene in queste…

Continua

L’ergastolo se lo beccano gli onesti

Se a Berlino c’è rimasto un giudice, a Strasburgo non è poi così sicuro. Con un’altra delle sue decisioni lunari la Corte europea dei diritti di alcuni umani (e di tutti gli altri no) ha respinto il ricorso dell’Italia – Paese notoriamente forcaiolo – contro l’illegittimità del carcere a vita senza sconti e permessi. Il…

Continua

Un giorno di lutto per la casta

Comunque lo si giudichi, il taglio del numero dei parlamentari è un traguardo storico. Chi lo contesta usa da mesi gli stessi argomenti: è una mossa populista, priva di risparmi significativi per le casse dello Stato, persino controproducente perché rischia di lasciare alcuni territori senza rappresentanza. Per chi invece l’ha fortemente voluto – e qui…

Continua