Il ministro Calenda si è già dimenticato del suo padrino Montezemolo. Ma si sa, la gratitudine è un lusso poco italiano

di Gaetano Pedullà

Se c’è uno sport nel quale a noi italiani non ci batte nessuno, questo è il salto sul carro del vincitore. La disciplina è antichissima e fa pendant con la fuga dalle navi che affondano. La gratitudine si sa che è il sentimento del giorno prima (dei naufragi). E nel grande gioco del potere la riconoscenza è per i più un lusso insostenibile. D’altra parte la storia è piena di figli che uccidono i padri per prenderne il posto, figuriamoci se la regola non vale per i figliocci con i padrini. Per questo non sorprende l’attacco del ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda all’ex presidente della Confindustria Luca di Montezemolo. Senza quest’ultimo, che di Calenda è stato sempre il grandissimo sponsor, l’attuale ministro oggi si sognerebbe la poltrona su cui siede. Eppure ieri Calenda ha sventrato la gestione dell’Alitalia (dove Montezemolo è presidente e garante dei soci arabi). Una scoperta dell’acqua calda, visto che la crisi della nostra ex compagnia di bandiera è storica e cronica. Anni di sprechi durante i quali Calenda era evidentemente troppo occupato a lodare il suo mentore (ora in difficoltà) per vedere il disastro di cui si è accorto solo ieri.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Vacanze finite per la Raggi

Roma può permettersi un sindaco che se ne va in vacanza a metà marzo e molla i problemi della città, riunioni in Consiglio comunale e persino cerimonie sentite come l’anniversario delle Fosse Ardeatine? Sicuramente no. Com’è stata libera di scegliersi i discutibili collaboratori Marra e Romeo, o di farsi intestare ricche polizze, Virginia Raggi è…

Continua

Che errore derubricare il terrore

L’attentato a Londra ci riporta alla tragica realtà del terrorismo. I tablet vietati sugli aerei o i militari sempre più visibili in strada, anche nelle nostre città, sembrano precauzioni contro eventualità lontane che invece lontane non sono. L’innegabile arretramento dell’Isis, l’autoproclamato Stato islamico nemico dell’Occidente, non deve illuderci. Anzi. Sconfitta sul suo territorio, la jihad…

Continua

La politica seppellita dalle sentenze

Ai magistrati mancava solo di decidere l’organizzazione dei partiti. L’assedio alla politica, occupando i vuoti legislativi e con inchieste molte volte tanto eclatanti quanto prive di elementi decisivi, ieri a Roma si è arricchito di un nuovo capitolo. Secondo un giudice il commissario Pd nominato dopo la caduta del sindaco Marino e l’inquinamento emerso con…

Continua

In televisione lo show dell’Italia peggiore

La caccia agli ascolti in televisione ha partorito l’ennesima schifezza e sull’onda dello scandalo la Rai ha tolto lo spazio del sabato al programma condotto da Paola Perego. Una decisione pilatesca e degna di una tv che è meglio spegnere. I nostri lettori più giovani non possono immaginarlo nemmeno, ma nel dopoguerra il piccolo schermo…

Continua

Top manager per grazia ricevuta. La lotteria dei boiardi di Stato, uno spot contro il merito

Una volta ogni tre anni c’è un’estrazione della lotteria che regala milioni a un manipolo di privilegiati, chissà perché e chissà per come sempre gli stessi, a cui lo Stato non sa trovare di meglio per affidare la guida delle grandi imprese a partecipazione pubblica. In questa lotteria il merito non è mai stata la…

Continua

Autostrade, concessioni fa rima con affaroni

Quello delle autostrade è il più grande regalo mai fatto dallo Stato ai privati. Nel dopoguerra noi italiani, con le nostre tasse, ne abbiamo pagato la costruzione perché servivano a far muovere il Paese e alla Fiat a vendere le auto. Quando molti anni dopo si arrivò alla moneta comune, ce lo chiese l’Europa e…

Continua

La politica non può farcela. Roma va commissariata

Il Paese va a rotoli e da un pezzo gli italiani che vanno ancora alle urne premiano più le proteste che le proposte. Il caso Roma in questo senso è da accademia. Dopo quasi vent’anni filati di amministrazioni (ora rimpiante) a Sinistra, si è andati contro il sistema prima buttandosi a Destra con Alemanno, poi…

Continua

L’infinita ingratitudine degli Agnelli

Fuggono i giovani in cerca di lavoro all’estero, fuggono le imprese stanche di fisco, burocrazia e illegalità. Naturale che l’Ocse metta l’Italia tra i Paesi che crescono meno al mondo. Non tutte queste fughe sono però uguali. I giovani super scolarizzati che cercano un impiego adeguato alla loro formazione fanno benissimo a guardare anche fuori…

Continua

Il tradimento dell’Europa a due velocità

Tre zombie e un becchino in un cimitero. La foto dei quattro leader europei che parlano del destino dell’Unione a Versailles è degna di un film di Dario Argento. Hollande, unico presidente francese a non tentare un secondo mandato causa evaporazione di tutti i suoi voti, Gentiloni, diventato premier neanche lui sa ancora come, Rajoy…

Continua

Il solito film di politica e inchieste. La lezione dimenticata di Tangentopoli

Nove anni di reclusione a Verdini, le accuse di corruzione e di favoreggiamento che toccano il padre dell’ex premier Renzi, il ministro Lotti, manager pubblici e persino il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri. I giornali, compresa Repubblica al rimorchio del Fatto quotidiano di Travaglio e della Verità di Belpietro, che fanno a gara per rilanciare…

Continua