Il ministro Calenda si è già dimenticato del suo padrino Montezemolo. Ma si sa, la gratitudine è un lusso poco italiano

di Gaetano Pedullà

Se c’è uno sport nel quale a noi italiani non ci batte nessuno, questo è il salto sul carro del vincitore. La disciplina è antichissima e fa pendant con la fuga dalle navi che affondano. La gratitudine si sa che è il sentimento del giorno prima (dei naufragi). E nel grande gioco del potere la riconoscenza è per i più un lusso insostenibile. D’altra parte la storia è piena di figli che uccidono i padri per prenderne il posto, figuriamoci se la regola non vale per i figliocci con i padrini. Per questo non sorprende l’attacco del ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda all’ex presidente della Confindustria Luca di Montezemolo. Senza quest’ultimo, che di Calenda è stato sempre il grandissimo sponsor, l’attuale ministro oggi si sognerebbe la poltrona su cui siede. Eppure ieri Calenda ha sventrato la gestione dell’Alitalia (dove Montezemolo è presidente e garante dei soci arabi). Una scoperta dell’acqua calda, visto che la crisi della nostra ex compagnia di bandiera è storica e cronica. Anni di sprechi durante i quali Calenda era evidentemente troppo occupato a lodare il suo mentore (ora in difficoltà) per vedere il disastro di cui si è accorto solo ieri.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Il miracolo dei manager di Stato confermati

Risultato concreto dell’assemblea Pd più triste delle passioni tristi evocate da Veltroni: i manager delle grandi aziende partecipate dallo Stato tra un mese saranno tutti confermati, con l’unica eccezione di Mauro Moretti, impresentabile dopo la condanna per la strage del treno a Viareggio. Con l’uscita della minoranza dem dal partito, il Governo è infatti molto…

Continua

Turismo, una miniera che l’Italia non sfrutta

A chi capita di frequentare i salotti all’estero viene chiesto spesso qual è il nostro modello industriale. Si vuol sapere, in sostanza, su cosa punta l’Italia per tornare a crescere su livelli decenti, mica quelle percentuali da prefisso telefonico che ci condannano all’ultimo vagone sul treno già di per se lento dell’Europa. Una domanda perfida,…

Continua

Da ora il Pd non sarà più lo stesso

L’ultimo dei grandi partiti politici sopravvissuto sotto falso nome al Novecento sta per implodere. Un crollo dall’interno, visto che all’esterno il Pd – erede della tradizione storica del Pci – è ancora la principale forza politica e azionista di riferimento del Governo. Il renzismo, che ha usato l’alibi della modernizzazione per imporre il suo modello…

Continua

Lo stipendio per tutti è un’illusione

Renzi si è afflosciato e ormai anche i suoi fedelissimi hanno perso la speranza di andare presto alle urne. La Consulta pretende un sistema elettorale che garantisca maggioranze omogenee tra Camera e Senato. Fare la legge però è una parola, e con i signori parlamentari che possono farsi levare tutto ma non il vitalizio c’è…

Continua

La Raggi è una sindaca che non sa decidere

Ci prenderemo un posto nella lista dei giornalisti indegni, ma sulla vicenda Raggi bisogna essere proprio lobotomizzati per far finta di niente. L’assessore Berdini che definisce inadeguata la sindaca è appena una goccia nell’oceano di brutte figure, inchieste, inefficienze e verità nascoste che segnano irrevocabilmente l’amministrazione romana dei Cinque Stelle. Grillo ha deciso di difendere…

Continua

Minacciare la stampa. La passione dei Cinque Stelle

Per dirla con lo stile di Virginia Raggi, i Cinque Stelle dovrebbero fare pace col cervello. Da anni bombardano i giornali e i giornalisti con accuse di malafede. Quando va bene ignorano tutto il sistema dell’informazione, sostenendo in estrema sintesi di poterne fare a meno. Grillo e i suoi hanno dalla loro parte la verità…

Continua

Caro Euro, il prezzo non è giusto

Non ha torto Mario Draghi quando dice che l’Euro tiene unita l’Europa in tempi di chiusure nazionali. Il punto è se questo stare insieme non stia diventando una prigione. E la moneta una catena. L’Euro, che il numero uno della Bce giura essere una scelta irreversibile, non ha garantito allo stesso modo tutti i Paesi che…

Continua

La sindaca Raggi non vale il Movimento

Virginia Raggi non ci pensa affatto a dare le dimissioni. Facendo parte di un Movimento fondato da un ex comico evidentemente non si cura di sconfinare nel ridicolo. Le polizze vita intestate a sua insaputa resteranno però nella storia della politica italiana, quanto la casa di Scajola al Colosseo. Hanno voglia di agitarsi e di…

Continua

Le dimissioni della Raggi, un epilogo inevitabile

Chissà che risate si sta facendo Ignazio Marino, il sindaco cacciato dal Campidoglio per qualche strisciata di troppo della carta di credito del Comune oltre che per il degrado in cui sprofondava Roma. Virginia Raggi, che gli è subentrata, oltre allo stesso identico degrado della città, a quanto pare era la beneficiaria di un’assicurazione sulla…

Continua

Caso Moretti, Finmeccanica non diventi una barzelletta

Mauro Moretti ha dimostrato di essere un abile manager. Alla guida di Ferrovie e Finmeccanica ha risanato e chiuso buoni bilanci. Come tutti i capo azienda ossessionati dai risultati, ha tagliato i servizi meno remunerativi – e i pendolari che viaggiano in treno sanno di che si parla – e la spesa per manutenzioni e…

Continua