Il ministro Calenda si è già dimenticato del suo padrino Montezemolo. Ma si sa, la gratitudine è un lusso poco italiano

di Gaetano Pedullà

Se c’è uno sport nel quale a noi italiani non ci batte nessuno, questo è il salto sul carro del vincitore. La disciplina è antichissima e fa pendant con la fuga dalle navi che affondano. La gratitudine si sa che è il sentimento del giorno prima (dei naufragi). E nel grande gioco del potere la riconoscenza è per i più un lusso insostenibile. D’altra parte la storia è piena di figli che uccidono i padri per prenderne il posto, figuriamoci se la regola non vale per i figliocci con i padrini. Per questo non sorprende l’attacco del ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda all’ex presidente della Confindustria Luca di Montezemolo. Senza quest’ultimo, che di Calenda è stato sempre il grandissimo sponsor, l’attuale ministro oggi si sognerebbe la poltrona su cui siede. Eppure ieri Calenda ha sventrato la gestione dell’Alitalia (dove Montezemolo è presidente e garante dei soci arabi). Una scoperta dell’acqua calda, visto che la crisi della nostra ex compagnia di bandiera è storica e cronica. Anni di sprechi durante i quali Calenda era evidentemente troppo occupato a lodare il suo mentore (ora in difficoltà) per vedere il disastro di cui si è accorto solo ieri.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Grillo vince nel tribunale sbagliato

Le sentenze vanno sempre rispettate, ma il refuso con cui l’avvocato che chiedeva l’ineleggibilità del sindaco Raggi viene chiamato dal giudice “Vagabondo” (e non Venerando) svela una mancanza di approfondimento su una faccenda delicatissima che si chiama democrazia. La nostra di democrazia, tutelata da una carta che gli italiani hanno appena difeso con un referendum,…

Continua

Ermellini sempre più beffardi

Dalla riforma della Pubblica amministrazione della Madia alla calma con cui è fissata al 24 gennaio la decisione sulla costituzionalità della legge elettorale. Fino al capolavoro dei referendum sul lavoro. Più della Sinistra dem, più di Grillo e Salvini, la vera opposizione al Governo Renzi (e dello scalda posto Gentiloni) la fa da tempo la…

Continua

Applausi di troppo per Obama

Otto anni di carriera meritano gli applausi che nella notte gli americani hanno tributato a Barak Obama. A Chicago, sua culla politica, il presidente ha tenuto un discorso che non è certo il suo testamento politico. Con l’uscita di scena della Clinton i Democratici sono al momento a corto di leader e l’inquilino in partenza…

Continua

Monte Paschi, Italia trattata peggio della Grecia. E al nostro Governo va bene così

Se qualcuno avesse ancora dubbi, ecco chiarissimo a che serve un Governo del Paese genuflesso ai poteri finanziari e alla burocrazia europea di rincalzo. La Banca centrale europea ha fatto deliberatamente fallire la ricapitalizzazione del Monte Paschi di Siena raccogliendo le risorse, cinque miliardi di euro, sul mercato. Sarebbe bastato concedere otto, massimo dieci settimane…

Continua

Il fantasioso complotto sulla Raggi

Di tutte le fesserie che circolano sul terremoto in Campidoglio, anche da parte di giornalisti che affermano di dire sempre la verità, la teoria di un complotto dall’alto per abbattere la Raggi è la più fantasiosa. La sopravvivenza di questo sindaco – e non la sua caduta – è infatti l’assicurazione sulla vita degli avversari…

Continua

Il Governo Gentiloni e la vera partita del potere

Messo in piedi il Governo Gentiloni, iniziato il salvataggio del Monte Paschi, partita la resa dei conti nel Pd e l’iter della legge elettorale, c’è solo un’altra grande questione che rischia di toccare all’attuale Esecutivo: le nomine nelle grandi aziende pubbliche. Sia chiaro: fosse per Renzi si voterebbe domani e quindi la scelta dei manager…

Continua

Perquisizioni e finte parentopoli. L’assedio ai Cinque Stelle è totale

Che errore chiamarla parentopoli. Ieri un presunto scoop giornalistico ha occupato per ore le prime pagine dei giornali online. Proprio mentre la Guardia di Finanza perquisiva il Campidoglio non faceva un bell’effetto scoprire che la sindaca Raggi ha assunto un altro consulente: la fidanzata di un assistente del capo Ufficio stampa dei Cinque in Senato,…

Continua

Dal Nazareno al nuovo Patto Gentiloni

Con un discorso dignitoso, senza voli pindarici, Paolo Gentiloni si è preso la fiducia della Camera. Oggi andrà allo stesso modo anche al Senato, dove i verdiniani per ora non hanno avuto ordine né da Renzi né da Berlusconi di staccare la spina. Il nuovo Governo non è figlio di grandi intese, ma sul potere…

Continua

L’ultima renzata. Un Governo fotocopia che ignora il No al referendum

Nato debole per durare il meno possibile. Di tutti gli schiaffi dati al Paese da Renzi questo è il più vergognoso. L’ex premier che tiene in pugno quell’ameba di partito che è diventato il Pd, grazie a un patto di potere con le correnti di Franceschini, dei Giovani Turchi e di Orlando/Martina, ha un unico…

Continua

Renzi, obbligato a restare premier

Condannato a restare premier. Cioè a farsi politicamente rottamare. Matteo Renzi si trova in queste ore di fronte a un bivio impensabile solo poche settimane fa, quando tutti i potenti del Paese si mettevano in fila alla Leopolda per baciargli la pantofola. Allora non aveva previsto non tanto la sconfitta al referendum quanto la congiura…

Continua