La fortuna al contrario di Tripoli

di Gaetano Pedullà

Quanto ha senso indignarsi per mezzo mondo che vuole immigrare a casa nostra e poi continuare a fare le guerre coloniali? Si dirà che le colonie europee sparse per il pianeta – o i posti al sole come li smaltava il fascismo – non ci sono più, ma la guerra civile in corso in Libia come la vogliamo chiamare? Lo sanno tutti che il primo ministro Sarraj assediato a Tripoli è “gradito” all’Onu, agli Usa e per lungo tempo è stato un interlocutore forte dell’Italia, mentre le milizie che attaccano sono legate al generale Haftar “amico” dei francesi. La differenza con le vecchie guerre è che prima insieme agli Ascari o ai mercenari locali, chi faceva i propri interessi col cannone ci metteva la faccia, inviando truppe d’occupazione. Oggi invece fanno tutto loro. Così l’Occidente ha tenuto per secoli sotto scacco l’Africa, parte di Asia e America latina, non certo arricchendo le popolazioni locali che ora infatti ci troviamo sull’uscio di casa in cerca di un po’ della torta del benessere che gli è stata portata via. E la Libia è troppo ricca per essere anche fortunata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La lezione della Brexit. Dalla tela di ragno di Bruxelles non c’è modo di uscire

Doveva essere un matrimonio d’amore o alla peggio d’interesse, e invece per molti Paesi l’Unione europea è diventata un costoso ménage, da cui per di più è impossibile divorziare. Il catastrofico verdetto del Parlamento di Londra alla Brexit negoziata dalla premier Theresa May è la prova che da questa tela di ragno non c’è modo…

Continua

Finito il principio per cui chi ha ucciso in nome di ideali comunisti e rivoluzionari non ne risponde

Preso Battisti, a sentire certi sapientoni di Sinistra il Governo ha strumentalizzato l’occasione per fare un po’ di passerella. Ci avesse pensato qualcun altro prima, la foto opportunity sarebbe stata diversa. Il punto è che nessuno è riuscito ad acchiappare prima questo assassino perché c’è una parte politica che ne ha coperto per 37 anni…

Continua

La legittima difesa del Governo

A leggere i giornali di ieri sembrava di vivere in due mondi diversi. Ad eccezione della Notizia e della Verità su tutti gli altri c’erano pagine e pagine sul logoramento della maggioranza, retroscena di veti incrociati su Reddito di cittadinanza e Quota cento, persino le previsioni di una imminente secessione di Salvini da Di Maio.…

Continua

La grande bufala del Governo sotto a un treno

Neanche il tempo di smentire la bufala dell’imminente caduta del Governo per i migranti sbarcati a Malta che ecco nuovi clamorosi scoop sui giornali dello sfascio. Grillo si è convertito ai vaccini come Renzi e Burioni, Lega e Cinque Stelle sono alla rottura totale su Tav e trivelle, il Reddito di cittadinanza slitta perché c’è…

Continua

La fermezza non dimentichi l’umanità

Troppo preso dalle grandi manovre dei partiti sovranisti in Europa, Matteo Salvini si è accorto solo ieri in Polonia che il Governo di cui è vicepremier è coinvolto da giorni in una trattativa per non far pagare ai 49 disperati a largo di Malta tutte le responsabilità e le contraddizioni di Bruxelles sui migranti. Furibondo…

Continua

Le nomine al Consiglio superiore di Sanità. Ipocrisia su politica e scienza

Parlano di scienza ma la storia che ci raccontano è di fantascienza. Ieri un manipolo di parlamentari del Pd, la loro gazzetta di riferimento – la Repubblica – e qualche professorone di complemento si sono indignati per la richiesta della ministra Grillo di sapere se i luminari che deve nominare nel prossimo Consiglio superiore di…

Continua

L’allarmante telefonata dalla Apple

Abbiate un po’ di pazienza e presto in qualche dibattito tv sentirete il tuttologo di turno che ci spiegherà come anche il crollo in Borsa della Apple è colpa di 5 Stelle e Lega, colpevoli di destabilizzare i mercati e creare incertezza in Europa e nel mondo con le loro spinte populiste e sovraniste. Purtroppo…

Continua

Dopo la carriola spunta il reato di monopattino

Dopo il famigerato reato di carriola contestato al padre di Luigi Di Maio adesso c’è chi invoca una pena per il monopattino. In questa Italia devastata da decenni di giganteschi abusi di potere, per non parlare di quelli edilizi e finanziari, nei giorni scorsi il settimanale Oggi ha fotografato Davide Casaleggio in giro per Milano…

Continua

Un augurio concreto dalla Notizia

La Notizia, come sanno bene i nostri lettori, non esce la domenica e il lunedì, e pertanto questo è per noi l’ultimo numero del 2018. Non vi mando di traverso gli avanzi del panettone con l’ennesimo papello di considerazioni e di bilanci, ma se dovessi definire l’anno che finisce con un’unica parola direi che è…

Continua

La Manovra per quanto virtuosa può fare poco. Ora più che mai servono nuove regole europee

Quello della Manovra non è stato un percorso facile e il lavoro più difficile comincerà dal giorno dopo l’approvazione definitiva, che presumibilmente arriverà alla Camera venerdì prossimo. Il parto è stato difficoltoso non perché la formulazione finale – che oggi leggeremo nel maxiemendamento del Governo – sia stata scritta a Bruxelles, ma perché una volta…

Continua