La pubblicità è l’anima della Lega. La febbre da elezioni sta spingendo Salvini a spararla ogni giorno più grossa

di Gaetano Pedullà

Dopo essersi preso l’esercito, con una direttiva sui migranti che non compete al Viminale, Matteo Salvini fa sue anche le città, affidando ai prefetti il contrasto al degrado che è compito dei sindaci. Ci manca solo che commissari gli arbitri per far vincere il suo Milan, e magari mentre ci siamo il Parlamento e il Quirinale, così è sicuro che l’Italia funzionerà benissimo, o male che vada i treni torneranno ad arrivare in orario.

Siamo troppo vicini al 25 Aprile per fare altra ironia sulla mostruosità dei regimi, ma non c’è dubbio che la febbre da elezioni sta spingendo il leader della Lega a spararla ogni giorno più grossa, col risultato di far delirare i suoi tifosi e molti nuovi, tutti affascinati dalla figura di questo indomito risolutore di problemi. Dietro lo spot elettorale però non c’è affatto quello che appare, e le continue invasioni di campo in ambiti che non gli appartengono, oltre a illuderci su chi sia il più bravo anche tra gli alleati di Governo, alla fine non servono a niente.

Chiudere i porti a chi fugge dalle guerre – che piaccia o no – non si può fare a meno di commettere quello che la nostra Costituzione e la comunità internazionale considera un crimine contro l’umanità, i militari non sono comandati dal ministero degli Interni, e ordinare ai prefetti di far rispettare l’ordine senza la polizia che lo stesso Salvini non può fornire ricorda la supercazzola degli aerei spostati dal Duce da un aeroporto all’altro, per far vedere che l’Italia ne aveva a volontà quando invece volava solo l’ambizione di un gerarca in cerca del posto al sole. E poi abbiamo visto com’è andata a finire.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Una lezione sul clima dai tedeschi. Berlino scommette sulla riconversione industriale

Quante gliene abbiamo dette ad Angela Merkel? E siamo sinceri: quanto avevamo ragione nel criticarla anche aspramente? Il rigore nella spesa pubblica che passando da Bruxelles ci ha imposto per anni ha demolito il senso stesso di quell’Europa solidale alla quale c’eravamo affidati. Oggi anche la Germania ne piange le conseguenze, e questo non ci…

Continua

La fiducia su Bruxelles è limitata. Certi lupi perdono il pelo ma non il vizio

Cronache dall’Europa bella che ha rinnegato certi peccati di gioventù, tipo costringere l’Italia a gestire da sola i migranti, lasciare milioni di persone senza welfare e servizi per il totem dei conti pubblici, chiudere gli occhi mentre la Grecia veniva affamata e depredata. Politiche criminali, oltre che miopi, perché hanno impoverito tutti, compresa la locomotiva…

Continua

La Lega merita di più di un leader come Salvini

Per Beppe Grillo l’addio di Matteo Renzi al Pd è stata una minchiata d’impulso, ma in realtà l’ex premier si preparava alla rottura da tempo, e la minchiata per ora l’hanno fatta i dem che speravano di scampare all’ennesima scissione. Per la stabilità della maggioranza non cambia molto, perché i Cinque Stelle e Conte sapevano…

Continua

Uno sguardo più lungo sull’Europa. L’Ue sta cambiando. Ecco perché ci fa ben sperare

Devo ringraziare l’ex vicedirettore e con me cofondatore di questo giornale, Marco Castoro, per avermi dato ancora una volta un prezioso spunto di riflessione. Preso dall’evidente nostalgia dei tempi in cui La Notizia bombardava quotidianamente l’Europa, ha ripescato una nostra prima pagina in cui beffardamente titolavamo “Paraculona” (si veda l’edizione dell’11 settembre 2015) sotto la…

Continua

Su Bibbiano basta passerelle, slogan e magliette. L’unica strada è riavviare l’iter della Commissione parlamentare d’inchiesta

Il sindaco di Bibbiano, città di cui tanti straparlano senza neppure sapere dove sta, secondo il pm che indaga sui bambini sottratti ai genitori per essere dati in affidamento, non sarebbe solo responsabile del reato veniale dell’abuso di ufficio, per aver concesso i locali del Comune a chi decideva la sorte dei piccoli. Il pm…

Continua

Altro che marionetta dei poteri forti. Conte ferma trivelle e signori delle autostrade

Basta affondare nel nostro Paese le trivelle e niente sconti ai signori delle autostrade. Chi ci racconta che il nuovo Governo è una marionetta dei poteri forti, che i 5 Stelle sono stati normalizzati pur di salvarsi le poltrone, e Conte è talmente navigato da entrare nel palmares dei dinosauri democristiani, è meglio che ripassi…

Continua

Ciaone ai notabili di partito. La strada è in salita ma almeno il panorama promette bene

Il Governo con l’età media più bassa di sempre, composto per un terzo da donne, che segna un deciso ricambio generazionale nel Pd e l’indole da talent scout dei Cinque Stelle, riusciti appena un anno fa a tirar fuori dall’anonimato politico un fenomeno come Giuseppe Conte, e ora pronti a riprovarci con personalità altrettanto promettenti…

Continua

Il difficile viene adesso. Il voto di ieri è stato un grande esempio. Ma la partecipazione da sola non basta

È nato sull’onda di un vaffa e ieri ha dimostrato di essere rimasto della stessa gustosissima pasta: vaffa a chi è rimasto nel secolo scorso diviso tra clan di destra e sinistra, vaffa a Salvini che ha tradito l’impegno preso col Movimento, vaffa a chi vuole fermare l’impronta riformista dei Cinque Stelle, vaffa ai troll…

Continua

La prova di maturità dei 5 Stelle. Oggi i veri attivisti del Movimento decideranno se far partire un Governo con il Pd al posto della Lega

Non giriamoci attorno con parole fintamente diplomatiche: oggi i veri attivisti Cinque Stelle (e non le migliaia di infiltrati e troll sui social network) devono decidere se far partire un Governo con il Pd al posto della Lega – sai che differenza! – oppure dare al Movimento una randellata letale, più profonda e dolorosa di…

Continua

Gli elettori l’ostacolo più difficile

Beati loro che non vedono ostacoli insormontabili. Uscendo ieri pomeriggio dal primo incontro tra capigruppo di 5S e Pd (questi ultimi entrambi renziani “commissariati” dall’inserimento di Orlando), è apparso chiaro che le basi per un’intesa di Governo c’è tutta. Poi in serata si sono visti a cena direttamente Di Maio e Zingaretti, e a quanto…

Continua