La ricetta liberale di Salvini

di Gaetano Pedullà

Incassata la fiducia anche alla Camera, ora il Governo Conte non ha altro da fare che cominciare a lavorare. Archiviamo dunque la campagna elettorale, e pazienza se ancora chi non ci vuole stare. Certo, il contratto di M5S e Lega ha qualche punto debole, ma su molte cose le idee sono chiare e su queste gli elettori si attendono velocità e concretezza. In cima a tutte le aspettative c’è una vera ripresa economica, con la conseguente crescita delle opportunità di lavoro. Salvini su questo ha una ricetta turbo liberale, che passa da una riduzione delle tasse anche per i ricchi, sulla scia delle strategie che fecero uscire l’America da una delle più grandi recessioni della sua storia, sotto il presidente Reagan. Lasciare più soldi in tasca a chi già ne ha perché muove imprese, assume e crea benessere è la migliore garanzia di allungare la leva con cui operano questi signori, in genere professionisti e imprenditori. Per la Sinistra un tale discorso è inaccettabile, perché prima di tutto bisogna pensare alla povertà, ai servizi pubblici, allo stipendificio dello Stato. Ma regalati mille euro al povero, il mese dopo il disgraziato ha bisogno di ricevere altro denaro, se no tornerà disperato come prima. Invece, l’imprenditore che avrà più soldi da investire nella sua attività, mese per mese darà uno stipendio ai nuovi dipendenti, creando ricchezza e non nuova povertà. Una strategia che ancora ieri ha attirato un polverone su Salvini, ma sulla quale non è più tempo di discutere, bensì di realizzarla e farla fruttare.

Lascia un commento

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Mafia o non mafia la Capitale è stata liberata da un putrido bubbone

L’avvocato di Salvatore Buzzi ha festeggiato così: “A Roma c’era una corruzione marcia ma non era mafia”. Per il suo assistito, insieme all’ex terrorista Massimo Carminati e agli altri condannati, si avvicina la scarcerazione, ma il sistema portato alla luce dalla Procura guidata all’epoca da Giuseppe Pignatone era di una tale gravità che c’è poco…

Continua

I sindacati, la Raggi e la Fornero

Il mondo va avanti ma loro no, non ci riescono proprio. Da forza progressista sono diventati un’icona della conservazione, e non solo perché ormai composti in maggioranza da anziani e pensionati. I sindacati, protagonisti delle grandi conquiste dei lavoratori dal dopoguerra al boom economico, poi baluardo nella stagione del terrorismo, dagli anni novanta hanno assunto…

Continua

Il voto ai giovani o a nessuno

Ieri a La Notizia abbiamo fatto un forum con i ragazzi che il ministro per le politiche giovanili, Vincenzo Spadafora, si porta negli appuntamenti istituzionali, per sentire cosa ne pensano i diretti interessati quando si prendono decisioni che li coinvolgono. Un approccio logico, verrebbe da dire, se non fosse che in Italia a 30 anni…

Continua

In Turchia Trump umilia l’Ue. L’ex tycoon gioca a fare il gatto e il topo col pianeta

L’accordo tra Stati Uniti e Turchia per il cessate il fuoco in Siria è un’ottima notizia per i curdi finiti sotto le bombe di Erdogan ma una certificazione di impotenza totale per l’Europa. Nonostante Bruxelles riempia Ankara di miliardi per fare da tappo ai migranti sulla rotta balcanica, è stata Washington a far aprire e…

Continua

A chi serve denigrare la Capitale

L’importanza di chiamarsi Raggi. Un autobus va a sbattere su un albero a Roma facendo alcuni feriti e tutti i giornali online sparano sulla home page la notizia, manco fosse l’apocalisse. Nelle stesse ore un altro bus, questa volta a Milano, manda in coma una madre e all’ospedale in gravi condizioni i suoi due bambini,…

Continua

Nella partita che vale ci sarà Conte

Per chi ama profondamente il calcio anche le partite minori hanno il loro fascino. Talvolta ci puoi trovare qualche vecchia gloria, anche se raramente ci si diverte a guardare, perché gli schemi di gioco si conoscono a memoria e la posta in palio non è certo il campionato. In politica non è molto diverso, e…

Continua

Raccontare i Cinque Stelle è cianuro

Diario dal pianeta Futuro e dal satellite Veleno. L’ultimo weekend ho respirato una boccata d’aria fresca a Napoli, immergendomi in una razza extraterrestre sconosciuta a molti degli scienziati che popolano i nostri giornali. Cittadini semplici, concreti, distantissimi dalle congiure del potere, riuniti per festeggiare dieci anni della stratosferica avventura del M5S. I discorsi, gli sguardi,…

Continua

Uniamoci per fermare Erdogan. Ce lo impone il senso di umanità

Quando il mondo prende le strade peggiori, dovremmo sempre tenere a mente che nulla è più forte della volontà di ogni singolo uomo. E per questo tutti noi, anche di fronte a eventi apparentemente lontani, possiamo fare molto, e comunque molto più che semplicemente vergognarci per la guerra aperta da Erdogan contro i curdi al…

Continua

Una testa che salta per lesa onestà. La bocciatura della Goulard è più di un incidente di percorso

Verrebbe da dire che anche i ricchi piangono, ma la bocciatura di Sylvie Goulard per il ruolo di commissario Ue all’industria è più di un incidente di percorso. Per quanto Parigi sia democratica, tagliare la testa all’ex ministro indicato da Macron ha il sapore della lesa maestà. Quell’asse franco-tedesco che domina l’Europa non riesce più…

Continua

E’ colpa nostra se in Europa c’è tanta intolleranza

L’Europa che un secolo fa gettava le basi dei regimi fascista e nazista non può fare un’altra volta lo stesso errore. Quei fenomeni montarono nell’indifferenza delle forze democratiche, gonfiandosi del malcontento per la crisi lasciata dalla Grande guerra, e presentando come eroiche le azioni violente di assassini e squadristi. Esattamente quello che avviene in queste…

Continua